Pasta all’uovo con il Bimby

La pasta è l’alimento universalmente conosciuto e tradizionalmente associato alla cucina italiana. Qui vi proponiamo la ricetta per realizzarla fresca e con l'aggiunta di uova.

Pasta all'uovo con il Bimby
Pasta all'uovo, fatta con il Bimby.

Un po’ di Storia

La pasta è l’alimento universalmente conosciuto e tradizionalmente associato alla cucina italiana. Il termine, che deriva dal latino pastam, in realtà può essere accostato a due vaste e longeve culture gastronomiche, le quali hanno sviluppato e dato origine a questo alimento nel corso di molti secoli in maniera parallela e indipendente, senza che l’una venisse in contatto con l’altra: quella italiana in occidente e in ambiti mediterranei, e quella cinese in oriente e nei vari contesti asiatici. Entrambe utilizzano ingredienti differenti e tecniche completamente diverse tra loro per la preparazione e la produzione di questo cibo.

Le prime tracce della pasta emergono sotto forma di strumenti per la fabbricazione e la cottura, in una tomba etrusca. Già nei primi anni dopo Cristo il cuoco Apicio parla nel suo libro di cucina di qualcosa di simile alle lasagne e intorno all’anno Mille abbiamo la prima ricetta documentata di pasta, nel libro De arte Coquinaria per vermicelli e maccaroni siciliani, scritto da Martino Corno, cuoco del potente Patriarca di Aquileia.

In particolare Palermo è storicamente la prima vera capitale della pasta, perché qui si hanno le prime testimonianze storiche di produzione a livello artigianale-industriale.

Nel XVII secolo poi a Napoli la crescita demografica aggrava la situazione delle disponibilità alimentari e contemporaneamente l’invenzione del torchio meccanico consente di lavorare le materie prime ad un prezzo più conveniente: la pasta diventa protagonista dell’alimentazione popolare.

Nel 1740 la città di Venezia concede a Paolo Adami la licenza di aprire il primo pastificio: da quel giorno è cominciata la storia di molti pasti italiani. E non solo. Basti pensare che negli Stati Uniti se ne consumano due milioni 700 mila tonnellate, superando così il milione e mezzo dell’Italia, che tuttavia resta prima per consumo pro capite (circa 28 chili ogni anno).

Vi proponiamo qui la pasta all’uovo. I condimenti di questo tipo di pastasciutta possono essere i più diversi, anche se forse il più diffuso è il ragù di carne.

Consigli

Ecco alcuni consigli di preparazione. Se si usano uova biologiche o con poco albume rispetto a quelle di allevamento intensivo che si trovano al supermercato, aggiungere un goccio d’acqua mentre il Bimby è in funzione.

L’impasto non deve essere né troppo liquido né farinoso. Per stendere la pasta il metodo più veloce è la macchina per la pasta o il mattarello. Se si usa la macchina per la pasta iniziare dallo spessore massimo e ripiegare i lati della sfoglia verso il centro. Ripetere l’operazione finché la sfoglia non sarà della giusta larghezza e poi cominciare a diminuire di spessore fino a quello desiderato. Man mano che si ottengono le sfoglie, infarinarle e fare attenzione a non sovrapporle per non farle attaccare.

  • Resa: 2 Persone servite
  • Preparazione: 1 minuto

Ingredienti

  • 200 grammi farina di grano duro
  • 2 uova
  • sale

Preparazione

  1. Inserire tutti gli ingredienti nel boccale. –> 30 Sec. / Vel. 6.
  2. Mettere un po’ di farina su un piano di legno e compattare l’impasto formando un panetto.
  3. Avvolgerlo con della pellicola trasparente e metterlo in frigo fino al momento dell’utilizzo.


Vedi altri articoli su: Ricette con il Bimby |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *