Pasta alla norma al forno

Ecco la variante al forno della pasta alla Norma, piatto originario di Catania.

Pasta alla norma al forno
Pasta alla norma al forno.

La pasta alla Norma è un piatto a base di pasta, solitamente maccheroni, condita con pomodoro e con l’aggiunta di melanzane fritte, ricotta salata e basilico.

La pasta alla Norma è una ricetta originaria della città di Catania. In siciliano è detta “pasta câ Norma” ed è caratterizzata da sapori tipicamente mediterranei. La tradizione vuole che Nino Martoglio, scrittore e poeta siciliano, sia rimasto talmente impressionato dalla straordinaria bontà di questo piatto da paragonarlo alla Norma, la celebre opera del compositore catanese Vincenzo Bellini. Da allora, questo gustosissimo primo piatto prende il nome di Pasta alla Norma.

Qualche consiglio

Prima di friggere ortaggi come le melanzane o le zucchine, conviene affettarle, disporle in uno scolapasta e spolverarle di sale. In questo modo verrà eliminata l’acqua in eccesso contenuta nelle verdure, che risulteranno con la cottura più dolci e croccanti.

No alla pasta lunga. I maccheroni sono il formato ideale per la pasta alla Norma. Non li amate? Potete optare per altri formati purché la pasta sia sempre corta. No a spaghetti e linguine. Mai utilizzare la pasta fresca. Unica eccezione è fatta per una ricetta trapanese che prevede l’uso della “busiata”, un caratteristico e tradizionale formato di pasta fresca a base di semola di grano duro ed acqua lavorata con un ferretto detto buso da cui prende il nome.

No al parmigiano e al pecorino. Assolutamente mai sottovalutare l’importanza del formaggio su questo piatto. La ricotta salata non ha lo stesso gusto del parmigiano o del pecorino e non può essere mai sostituita. Va grattugiata grossolanamente e aggiunta solo alla fine.

Le variazioni sulle ricette tradizionali non sono quasi mai apprezzate, ma bisogna ammettere che l’Italia è fatta proprio di questo: ricette tradizionali che cambiano di paese in paese, di casa in casa.

Chi preferisce aggiungere il caciocavallo, o il formaggio ragusano, chi arricchisce la ricetta con acciughe e capperi. Sulla ricotta da usare sopra ci sono diatribe antichissime: alcune versioni vogliono la ricotta infornata, più dolce di quella salata. Ma la ricetta originale prevede proprio quest’ultima, tipica della zona di Messina!

Unica variazione nella ricetta originale è l’ultimo passaggio, in forno, per rendere la ricotta in superficie più croccante.

Se ti è piaciuta questa ricetta, leggi anche: Bucatini al sugo di cozze e mazzancolle.

  • Resa: 6 Persone servite
  • Preparazione: 15 minuti
  • Cottura: 40 minuti

Ingredienti

  • 400 grammi maccheroni rigati
  • 2 melanzane medie
  • 500 grammi pomodori pelati
  • 200 grammi ricotta salata
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio extra vergine d’oliva
  • sale
  • basilico

Preparazione

  1. Lavare e spuntare le melanzane, e tagliarle a cubetti.
  2. In una padella far riscaldare l’olio per friggere e buttarvi dentro le melanzane.
  3. Farle friggere e quando saranno dorate, toglierle e lasciarle asciugare su carta assorbente.
  4. Intanto preparare il sugo di pomodoro mettendo uno spicchio d’aglio a dorare insieme all’olio in un tegame.
  5. Aggiungere i pomodori pelati. Farli cuocere a fuoco dolce, finchè non si spappoleranno.
  6. Dopodiché passarli al setaccio e rimetterli sul fuoco per farli addensare.
  7. Cuocere la pasta in abbondante acqua salata e grattugiare la ricotta grossolanamente.
  8. Versare le melanzane fritte nel sugo e mescolare bene.
  9. Scolare la pasta e unirla al condimento.
  10. Mescolare bene e disporla in una pirofila da forno.
  11. Grattugiare dell’altra ricotta salata in modo che nel forno si formi una crosticina e infornare il tutto in funzione grill per circa 10 minuti.


Vedi altri articoli su: Consigli di cucina | Cosa Cucino Stasera | Ho fame | Ricette Piatti Unici | Ricette Primi Piatti | Ricette vegetariane |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *