Pappardelle ai funghi porcini

Le pappardelle ai funghi porcini sono un piatto profumato e dal sapore intenso, da arricchire con speck, panna oppure una spolverata di tartufo

pappardelle ai funghi porcini

Le pappardelle ai funghi porcini sono un primo piatto gustoso e invitante, dal sapore deciso e intenso, grazie soprattutto alla presenza dei funghi porcini e della pasta fatta in casa. Si tratta di una ricetta autunnale che arriva dal Trentino Alto Adige dove i funghi porcini vengono accostati con lo speck tipico di quelle terre, per creare un connubio unico da leccarsi i baffi.

I funghi porcini, e i funghi più in generale, sono un ingrediente molto versatile in cucina che si presta a essere utilizzato per realizzare tantissimi piatti: dalle lasagne ai funghi, al risotto, passando per l’arrosto e le crepes. Sono buoni anche da soli, trifolati, oppure accostati ad altri ingredienti dal sapore forte, come nelle lasagne con polenta, pancetta, funghi porcini e gorgonzola dolce.

Quando li prepari e li pulisci fai sempre molta attenzione. Per prima cosa elimina la parte finale del gambo, poi separalo dalla testa e, usando un piccolo coltellino affilato, gratta via la terra depositata nella zona inferiore e superiore della testa. Termina il tutto usando una spazzolina oppure un panno umido, con il quale pulire i funghi.

Salsiccia

Se ami le pappardelle ai funghi porcini puoi anche modificarle a tuo piacimento a seconda dei gusti degli ospiti o ai tuoi. A esempio se non gradisci il sapore affumicato dello speck, puoi sostituirlo con la salsiccia. Basterà spellare due salsicce di medie dimensioni, tritarle e versarle nella pentola insieme con il soffritto al posto dello speck.

Panna

Per arricchire ancora di più il piatto e darli un gusto cremoso, puoi aggiungere qualche cucchiaio di panna da cucina alle pappardelle dopo averle mescolate con i funghi e lo speck. In questo caso, per smorzare il gusto dolce della panna, quando servi a tavola le porzioni, spolvera le pappardelle con un po’ di formaggio grattugiato.

Tartufo

Infine chi ama i sapori forti e vuole assaporare tutto il gusto dell’autunno e della montagna, può aggiungere al piatto una bella spolverata di tartufo nero, da grattugiare fresco direttamente sul piatto. La ricetta in questo modo avrà un profumo ancora più intenso, al quale sarà davvero difficile resistere.

  • Resa: 4 Persone servite
  • Difficoltà:
  • Preparazione: 40 minuti
  • Cottura: 25 minuti
  • Cucina:

Ingredienti

  • 400 grammi pappardelle
  • 500 grammi funghi porcini
  • 150 grammi speck
  • 1 spicchio aglio
  • 1 cipolla
  • prezzemolo
  • olio extra vergine d’oliva
  • vino bianco
  • sale e pepe

Preparazione

  1. Lavate bene e pulite i funghi porcini, poi tagliateli per la lunghezza e metteteli in una ciotola.
  2. Nel frattempo tritate finemente il prezzemolo, la cipolla e l’aglio, versate il tutto in una padella con un filo d’olio extravergine d’oliva e fate soffriggere tenendo la fiamma abbastanza bassa.
  3. Tagliate a cubetti lo speck e mettetelo nella pentola facendolo diventare croccante, ma non troppo.
  4. Quando il soffritto sarà dorato aggiungete mezzo bicchiere di vino bianco, mescolate con un cucchiaio e fate sfumare.
  5. Non appena il vino sarà evaporato del tutto versate nella pentola i funghi tagliati.
  6. Condite con sale e pepe, coprite la pentola con un coperchio e fate cuocere il tutto a fuoco molto lento per circa 10 minuti.
  7. Intanto fate bollire in una pirofila l’acqua della pasta, salatela usando il sale grosso (circa due pugni) e versate le pappardelle.
  8. Non appena la pasta sarà al dente scolatela, ricordandovi di mettere da parte mezzo bicchiere di acqua di cottura.
  9. Versate le pappardelle nella pentola con il condimento e fate mantecare, aggiungendo l’acqua di cottura, mescolate bene, aggiungete un po’ di prezzemolo fresco e infine fate saltare per un minuto a fiamma alta.
  10. Impiattate le pappardelle con funghi porcini e servite calde e fragranti.


Vedi altri articoli su: Cosa Cucino Stasera | Ricette di San Valentino | Ricette Primi Piatti |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *