Marmellata di cipolle

Una marmellata, o meglio una confettura, veloce e facile da realizzare, perfetta con carne e formaggi. Volete sapere l'ingrediente segreto? Le cipolle rosse di Tropea

03/04/2014

Sommario

Una marmellata, o meglio una confettura, veloce e facile da realizzare, perfetta con carne e formaggi. Volete sapere l'ingrediente segreto? Le cipolle rosse di Tropea

Tempo di preparazione:
15 minuti
Tempo di cottura:
30 minuti
Quantità:
1 vasetto

Ingredienti Ricetta

  • Cipolla rossa di tropea 500 g
  • Zucchero di canna 40 g
  • Aceto balsamico 4 cucchiai
  • Vino bianco 1 bicchiere
  • Alloro 2 foglie
  • Olio extravergine di oliva 5 cucchiai
  • Sale qb
  • Uva passa facoltativo 50 g

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 100 g
  • Calorie 325 Kcal
  • Grassi 20 g
  • Carboidrati 34 g
  • Zuccheri 34 g
  • Fibre 2,5 g
  • Proteine 2 g

Basta assaggiare una volta la marmellata di cipolle per innamorarsene per sempre. Il suo sapore, il suo profumo, la sua consistenza… tutto vi piacerà e vi troverete a spalmarla ovunque!

La ricetta è veloce e facile, c’è solo un segreto per una buona marmellata: la cipolla. La cipolla rossa di Tropea è l’ingrediente migliore e anche il più facilmente digeribile. Se non riuscite a trovarlo, utilizzate una buona cipolla rossa.

Arancia

Finora abbiamo sempre parlato di marmellata ma il termine coretto sarebbe confettura di cipolle. Con marmellata si dovrebbe intendere un prodotto realizzato solo con agrumi (almeno 20%) mentre per la confettura si possono utilizzare gli altri tipi di frutta o di ortaggi (almeno 35%), come nel nostro caso. Pensate che dal 2013 c’è una direttiva europea a sottolineare questa differenza. La marmellata più famosa è sicuramente quella di arancia ma interessanti da gustare (e da realizzare) anche quella ai mandarini, agli agrumi, al limone e al bergamotto, prodotto tipico della Calabria così come la cipolla rossa di Tropea.

Abbinamenti

La marmellata di cipolle si presta a vari golosi accompagnamenti, dagli abbinamenti classici come la carne (ancora meglio se bianca come il tacchino o il pollo) ai formaggi, a quelli più particolari come la pizza: un cucchiaino sulla vostra margherita o sulle vostre pizzette rosse e sentirete che bontà! E perché no, spalmata su una fetta di pane come aperitivo.

Preparazione

  1. Per prima cosa, pulite e affettate le cipolle. Se volete una marmellata più compatta tritatele.
  2. Scaldate dell’olio in una pentola dai bordi alti, rosolate la cipolla, aggiungete le foglie di alloro e lasciate cuocere per 5 minuti a fiamma bassa con il coperchio.
  3. Aggiungete lo zucchero e un pizzico di sale (e l’uva passa precedentemente ammollata) e continuate la cottura per 15 minuti.
  4. Unite l’aceto balsamico e il vino e fate cuocere per 20 minuti, questa volta senza coperchio in modo che l’alcol del vino evapori. Se si asciuga troppo aggiungete dell’acqua.
  5. A questo punto versate la marmellata di cipolla in vasetti sterilizzati, chiudete e, se volete consumarli con calma, teneteli capovolti per una notte coperti in modo che si formi il vuoto. Altrimenti conservate in frigorifero non appena si sono raffreddati.


Leggi anche: Michael Schumacher uscito dal coma e dimesso