Frittelle di Carnevale piemontesi

Frittelle di Carnevale piemontesi

Sommario

Le frittelle di Carnevale piemontesi sono delle palline di pasta choux fritte, gonfie e soffici, ricoperte di zucchero semolato.

Tempo di preparazione:
30 minuti
Tempo di cottura:
2 minuti
Quantità:
6 persone

Ingredienti Ricetta

  • Acqua 1 bicchiere (200 ml)
  • Zucchero semolato 1 cucchiaio
  • Burro 50 g
  • Uova 3
  • Estratto di vaniglia 1 cucchiaino
  • Buccia grattugiata di limone 1
  • Zucchero q.b.

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 1 porzione
  • Calorie 240 kcal
  • Grassi 14 g
  • Carboidrati 21 g
  • Proteine 4 g

Le frittelle di Carnevale piemontesi sono un dolce tipico della festa più colorata dell’anno, ma anche della festa del papà, il 19 marzo. Conosciute nel territorio come farciò friciò, si tratta di frittelle soffici e leggere, vuote al loro interno e ricoperte di zucchero semolato. In alcune zone del Piemonte a volte si usa riempirle con l’uvetta.

L’impasto delle frittelle di Carnevale è lo stesso della pasta choux, quello utilizzato per preparare i bignè. Un composto denso creato con acqua, burro, zucchero, farina e uova, aromatizzato con scorza di limone.

frittelle

Ricorda molto la ricetta delle zeppole di San Giuseppe, queste ultime però vengono solitamente arricchite con la crema pasticcera. Queste frittelle di Carnevale sono naturalmente senza lievito: il segreto è quello di montare bene l’impasto di modo che si gonfi durante la cottura! Risulteranno leggere, soffici e per nulla unte.

L’importante è fare attenzione che l’olio sia alla giusta temperatura, non troppo caldo, altrimenti le frittelle rischieranno di gonfiare e colorirsi subito, non cuocendo bene all’interno. In questo modo, non appena scolate, le frittelle si afflosceranno e non assumeranno il tipico aspetto gonfio e vuoto all’interno.


Leggi anche: Travestimenti per Carnevale: i migliori costumi per adulti

Preparazione

  1. Per preparare le frittelle di carnevale piemontesi, iniziate dalla pasta coux: versate in una pentola l’acqua, il burro e lo zucchero. Portate a bollore, quindi togliete dal fuoco e aggiungete in un colpo solo la farina.
  2. Mescolate bene senza preoccuparvi dei grumi, cuocendo quello che viene chiamato roux (misto addensante di burro e farina) per qualche minuto.
  3. Trasferite il roux in una ciotola, lasciate intiepidire e iniziate ad aggiungere un uovo alla volta, mescolando sempre per incorporarlo.
  4. Solo quando sarà completamente assorbito l’uovo potrete aggiungere il successivo.
  5. Per ultimo aromatizzate con la scorsa del limone.
  6. Friggete in abbondante olio bollente, versando le palline di impasto aiutandovi con un cucchiaino. Le frittelle inizieranno a gonfiare, continuate a girarle nell’olio con una schiumarola e, quando raggiungono la giusta doratura, scolatele e buttatele direttamente in una ciotola piena di zucchero semolato. Rotolatele nello zucchero e lasciatele asciugare.
  7. Gustatele ancora tiepide, o fredde.