Focaccia di Recco

Un'appetitosa focaccia ripiena di formaggio, un gustoso spuntino. La peculiarità di questa focaccia è l'assenza di lievito!

La focaccia di Recco è un delizioso spuntino che può essere consumato a tutte le ore del giorno. Quando pensiamo alla focaccia, di solito pensiamo a una preparazione a base di pasta di pane con lievito e invece la peculiarità della focaccia di Recco è l’assenza di lievito, quindi indicata anche agli intolleranti a questo ingrediente.

Prende il nome dalla cittadina di Recco della riviera Ligure di Levante. La pasta è molto semplice a base di farina, olio extravergine di oliva, acqua e sale. Il ripieno può essere stracchino o crescenza, formaggi a pasta molle dal gusto delicato e inconfondibile. Questa deliziosa combinazione rende questa focaccia unica che piace proprio a tutti, adulti e piccini. I miei figli l’adorano per un pranzo light dopo scuola.

La storia della focaccia di Recco è antica e risale alla terza crociata. Veniva consumata come cibo di sopravvivenza quando solo ingredienti semplici erano a disposizione. Alla fine dell’800 è stata inserita nei menu delle varie trattorie locali come piatto speciale per il periodo dei Morti. Oggigiorno è gustata tutto l’anno e non solo in Liguria.

Ingredienti

  • 320 grammi farina Mannitoba
  • 200 millilitri acqua tiepida
  • 8 grammi sale fino
  • 35 millilitri olio extravergine di oliva
  • 500 grammi stracchino o crescenza

Preparazione

  1. In un ciotola media unire l’acqua e l’olio, poi sciogliere il sale.
  2. In una ciotola grande versare la farina e aggiungere il miscuglio liquido preparato. Mescolare con un cucchiaio di legno fino a ottenere un impasto compatto. Trasferire su un piano di lavoro infarinato e impastare con le mani fino a ottenere un composto elastico. Avvolgere in una pellicola aderente e lasciar riposare per circa due ore a temperatura ambiente.
  3. Trascorse le due ore, dividere l’impasto in due parti uguali. Stendere entrambe con un matterello su una superficie di lavoro infarinata fino a ottenere uno spesso di circa 1.5 cm.
    A questo punto arriva la parte più difficile, ossia dovrete tirare l’impasto con le mani infarinate fino a ottenere una sfoglia sottile quasi trasparente. Importante è non bucare la sfoglia, altrimenti durante la cottura il formaggio potrebbe fuoriuscire.
  4. Preriscaldare il forno a 250° C.
  5. Ungere una teglia da forno rotonda (28-30 cm di diametro). Stendere un foglio di sfoglia, coprire con lo stracchino in pezzi non troppo piccoli. Coprire con l’altra sfoglia , sigillando bene i bordi e pizzicando con le mani la superficie. Spennellare la superficie con olio extravergine d’oliva.
  6. Infornare per 10-15 minuti finché la superficie abbia un colore dorato. Servire calda.


Vedi altri articoli su: Ricette Antipasti |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *