Torta fredda al limone senza gelatina e senza cottura

Torta fredda al limone senza gelatina e senza cottura

La torta ideale per i mesi estivi. Niente cottura, una base di biscotti, una crema di formaggio e un fresco topping al limone. Provala!

18/06/2022

Sommario

La torta al limone più buona che ci sia e senza gelatina e senza cottura!

Tempo di preparazione:
25 minuti
Quantità:
8 porzioni

Ingredienti Ricetta

  • Biscotti 180 g
  • Burro 90 g
  • Formaggio spalmabile 400 g
  • Marmellata di limoni 2 cucchiai
  • Yogurt greco 150 g
  • Panna 100 g
  • Zucchero a velo 150 g
  • Acqua 100 ml
  • Succo di limone 1/2 limone
  • Amido di mais 20 g

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 1
  • Calorie 487 kcal
  • Grassi 43 g
  • Carboidrati 42 g
  • Zuccheri 27 g
  • Fibre 0,9 g
  • Proteine 8 g

La torta fredda al limone di oggi è una cheesecake che non richiede cottura in forno, il dolce ideale da inserire nel vostro ricettario estivo.

Il consiglio è quello di costruirlo e ampliarlo durante i mesi freddi, man mano che troverete ricette perfette per l’estate. Vedrete che vi tornerà molto utile!

Eh, si, perché quando a luglio e agosto arriva quel caldo intenso che non ti fa respirare, anche solo l’idea di accendere il forno sembra basti a far aumentare la temperatura della cucina!

Del resto non si può neppure concludere ogni volta il pasto con il solito gelato, perché alla lunga annoia.

Homemade Layered Lemon Cheesecake isolated on marble background

Base di biscotti, crema al formaggio e topping al limone

La preparazione del dolce è composta, come per ogni cheesecake che si rispetti, da tre parti:

  • base di biscotti
  • crema di formaggio
  • topping.

Nella versione originale, per la base, vengono utilizzati i Digestive, biscotti di origine scozzese, molto friabili, ideali per accompagnare la classica tazza di tè. Ancora oggi, così come all’inizio dell’800, i biscotti vengono prodotti dalla McVitie, ditta nata nel 1830 ad Edimburgo sotto forma di piccolo emporio. Potete, comunque, sostituire i Digestive con altri tipi di biscotti, magari al cioccolato.

Crema al formaggio


Leggi anche: Cheesecake cotta light

Per quanto riguarda la crema, il formaggio ideale da utilizzare, soprattutto per una torta senza cottura né gelatina, è il Philadelphia, che resta piuttosto compatto. Buone alternative sono, comunque, robiola, ricotta o mascarpone. La nostra versione prevede, poi, l’aggiunta di

  • yogurt greco
  • marmellata di limoni
  • panna montata

per alleggerire il tutto. Non sono, invece, presenti uova, dato che il dolce non verrà cotto.

Topping al limone

Una cheesecake non può, infine, dirsi completa senza il suo topping, in questo caso una crema al limone. Volendo, potreste anche sostituirla con una semplice marmellata di limoni.

Cheesecake on white plate

La cheesecake tra New York, l’Italia e il Giappone

La più famosa, l’originale è la New York Cheesecake. Ha la tradizionale base di biscotti e la classica crema di formaggio ma ciò che la caratterizza è il topping, una glassa preparata con panna acida e versata, poi, sulla torta quando è già in parte cotta.

Completamente diversa da quella newyorkese è la japanese cheesecake, anche chiamata cotton cheesecake o soufflé cake. La sua particolarità è data dalla consistenza leggerissima e spumosa, simile appunto a quella di un soufflé. Un risultato ottenuto grazie agli albumi montati a neve e ad una cottura a bagnomaria. La cheesecake giapponese non prevede, infine, la base di burro e biscotti.

Arriviamo, infine, in Italia, dove sembra che già gli antichi romani mangiassero un dolce, chiamato placenta, a base di formaggio di pecora e miele. Discendenti ne sono in qualche modo:

  • la robiolina, torta di formaggio aromatizzata al limone originaria di Pavia
  • la torta laurina, un dolce di ricotta tipico del Lazio
  • la pastiera napoletana
  • la cassata siciliana.


Potrebbe interessarti: Menù per la prima comunione: consigli e idee

Naturalmente, però, anche da noi la cheesecake americana è ormai entrata a pieno titolo tra i dolci maggiormente preparati nelle nostre case, talvolta sostituendo il philadelphia con formaggi più tipicamente italiani come robiola, ricotta o mascarpone.

Lemons grown on Amalfi Coast Italy

Preparazione

La base

  1. Frullate i biscotti e amalgamateli con il burro fuso. Versate il composto così ottenuto dentro una tortiera di 20 cm già foderata e distribuitelo in modo uniforme.
  2. Pressatelo bene e ponete in frigorifero per mezz’ora.

Per la crema

  1. Nel frattempo preparate la crema. Quindi mescolate il formaggio ammorbidito con lo yogurt greco, 100 grammi di zucchero a velo e la marmellata di limoni.
  2. Montate a parte la panna e incorporatela, poi, al composto, mescolando dal basso verso l’alto.
  3. Quando la base della torta sarà pronta, potrete versarci sopra la crema. E poi nuovamente in frigorifero, questa volta per qualche ora.

Topping al limone

  1. Per il topping al limone unite in un pentolino 50 grammi di zucchero a velo e amido di mais setacciati.
  2. Aggiungete, poi, l’acqua mescolando con una frusta in modo che non si formino grumi.
  3. Ora ponete sul fuoco dolce e mescolate continuamente finchè la salsa non si sarà addensata.
  4. A questo punto staccate, aggiungete il succo di limone, mescolate e versate la crema in una ciotola, copritela con pellicola a contatto e lasciatela raffreddare.
  5. Una volta che la torta sarà rimasta qualche ora in frigorifero, tiratela fuori e decoratela con il topping al limone. Infine nuovamente in frigorifero.

What a tasty morning! Cropped photo of a lady in casual outfit having coffee with nice dessert of a cheesecake on the white wooden desktop