Pangiallo romano

Pangiallo romano

Il pangiallo è un dolce tipico del Lazio. Tradizionalmente veniva ottenuto tramite l'impasto di frutta secca, miele e cedro candito al quale sono stati aggiunti mandorle, noci, pinoli, nocciole, uva passa e pistacchi

-
27/11/2018

Sommario

Il pangiallo è un dolce tipico del Lazio. Tradizionalmente veniva ottenuto tramite l'impasto di frutta secca, miele e cedro candito al quale sono stati aggiunti mandorle, noci, pinoli, nocciole, uva passa e pistacchi

Tempo di preparazione:
40 minuti
Tempo di cottura:
40 minuti
Quantità:
4 pangialli

Ingredienti Ricetta

  • Mandorle pelate 200 grammi
  • Noci 200 grammi
  • Nocciole pelate 200 grammi
  • Pinoli 100 grammi
  • Canditi misti 100 grammi
  • Uva passa 300 grammi
  • Farina 250 grammi
  • Miele 200 grammi
  • Buccia di arancia grattugiata qb
  • Buccia di limone grattugiata qb
  • Olio evo 2 cucchiai
  • Zafferano 1 bustina
  • Acqua qb

Il pangiallo, meglio noto come pangiallo romano è un dolce tipico del Lazio, che ha la sua origine nell’antica Roma e più precisamente durante l’era imperiale. A quei tempi distribuire questi dolci dorati, durante la festa del solstizio d’inverno, era di buon auspicio per il ritorno del sole. Infatti è impreziosito da un sottile strato costituito da una crosta dorata che dona al dolce la sua tipica brillantezza.

Il tipico pangiallo romano, ha subito numerose trasformazioni durante i secoli.

Tradizionalmente il pangiallo veniva ottenuto tramite l’impasto di frutta secca, miele e cedro candito, il quale veniva in seguito sottoposto a cottura e ricoperto da uno strato di pastella d’uovo.

Fino a tempi molto recenti nella preparazione del pangiallo le massaie romane mettevano i noccioli della frutta estiva (prugne e albicocche) opportunamente essiccati e conservati al posto delle costose mandorle e nocciole.

Nell’ultima reinterpretazione del pangiallo romano, ad opera del maestro Angelo Colapicchioni, sono stati aggiunti alla ricetta tradizionale anche: mandorle, noci, pinoli, nocciole, uva passa e pistacchi.

Ha tantissimi ingredienti ma è molto semplice da preparare e anche abbastanza veloce. È buonissimo e visto che è ricco la frutta secca non può mancare anche sulla tavola di Natale!

Preparazione

Riscaldare il miele in un pentolino fino a renderlo liquido, unendo la buccia dell’arancio e del limone.

Mettere l’uva passa a bagno per circa 30 minuti.

Si può rendere il pangiallo ancora più ricco aggiungendo all’impasto anche fichi secchi e pistacchi. In questo caso equilibrare le dosi diminuendo le quantità della frutta secca.

Tritare grossolanamente la frutta secca e riunirla in una ciotola con i canditi, l’uva passa strizzata e il cioccolato tritato.

Aggiungere il miele e mescolate. Quindi aggiungere la farina a poco a poco e mescolare bene fino a far diventare il tutto compatto.

Con le mani infarinate, formare con il composto quattro panetti e metterli su una placca da forno a riposare per un paio d’ore.

Preparare la glassa mettendo in un pentolino a scaldare la farina, l’olio e lo zafferano sciolto in un pò di acqua.

Aggiungere altra acqua per formare una pastella fluida con cui spennellare i panetti.

Infornare a 180° per 40 minuti fino a quando non si sarà formata una crosticina sopra il panetto.

Giovanna Maggiori
  • Scrittore e Blogger