Pancakes

I gustosi dolci tipici dell’America settentrionale preparati con ingredienti semplici per una colazione da "vip"

02/03/2013

Sommario

I gustosi dolci tipici dell’America settentrionale preparati con ingredienti semplici per una colazione da "vip"

Tempo di preparazione:
30 minuti
Tempo di cottura:
15 minuti
Quantità:
12-14 pancakes

Ingredienti Ricetta

  • Latte intero 330 ml
  • Aceto bianco (28 millilitri) 2 cucchiai
  • Farina 00 330 g
  • Zucchero 40 g
  • Lievito per dolci 15 g
  • Bicarbonato di sodio 5 g
  • Sale (½ cucchiaio da tè) 2 g
  • Burro sciolto 50 g
  • Uova 2
  • Sciroppo d'acero qb

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 1 pancake
  • Calorie 143 kcal
  • Grassi 5 g
  • Carboidrati 21 g
  • Zuccheri 4,5 g
  • Proteine 4,5 g

I pancakes sono delle piccole “torte” (cake, torta) cotte in padella (pan, padella) tipici dell’America settentrionale preparati con semplici ingredienti come farina, lievito, uova, latte, burro ma molto gustosi e nutrienti per una buona colazione il weekend oppure un elegante brunch di domenica in famiglia o con amici. I pancakes sono serviti con sciroppo d’acero (maple syrup), melassa o sciroppi a base di frutta.  Sono molto buoni anche con miele, marmellata, frutta fresca (tipo mirtilli). I miei figli li adorano anche con la Nutella (certamente una versione tutta italiana!). I miei preferiti sono comunque quelli tradizionali con solo sciroppo d’acero. Il sapore caramellato di questo liquido zuccherino preparato bollendo la linfa dell’acero da zucchero e dell’acero nero da un gusto unico ai pancakes.  Non dimentichiamo che questo sciroppo, prodotto tipico del Canada e di alcune zone degli Stati Uniti, è molto salutare perché ricco di potassio, calcio, ferro e diverse vitamine del gruppo B, ha inoltre proprietà depurative e ha un’azione dolcificante molto superiore al comune zucchero bianco raffinato. Quindi, i pancakes sono perfetti per iniziare la giornata con una buona dose di zuccheri, minerali, vitamine, carboidrati e proteine. Le origini dei pancakes sono antichissime, gli antichi Greci preparavano delle frittelle simili ai pancakes chiamate taganites da taganon, padella per friggere.

[dup_immagine align=”aligncenter” id=”3957″]

Preparazione

  1. In un becher mescolare il latte e l’aceto. Lasciare riposare per ca. 5 minuti. Se invece avete a disposizione del latticello o buttermilk, non aggiungere l’aceto, usarlo direttamente. La quantità dovrà essere circa 350 ml.
  2. In una ciotola unire tutti gli ingredienti secchi (farina, zucchero, lievito, bicarbonato di sodio e sale). Mescolare.
  3. In una ciotola grande sbattere le uova con una frusta elettrica, unire il latte e il burro.
  4. Unire gli ingredienti secchi. Mescolare fino a ottenere un impasto morbido e cremoso. Nel caso è molto denso, aggiungere uno o due cucchiai di latte.
  5. Mettere a scaldare a fuoco medio – basso una piastra antiaderente (meglio se a fondo spesso) spennellata con un filo di burro. Versare un mestolo d’impasto, e lasciare che si espanda da solo ca. 8-10 cm di diametro (fare un test vedi nota), quando la superficie del pancake sarà ricoperta da bollicine aperte (il vapore deve uscire dall’alto) girarlo sull’altro lato per mezzo di una spatola antiaderente, quindi far dorare l’altro lato e dopodiché sarà pronto. Appena tolti dalla padella, poggiare i pancakes su di un piatto, impilarli uno sopra l’altro e servirli caldi e con sciroppo d’acero in precedenza scaldato a bagnomaria. Potete accompagnare i pancakes con della frutta fresca come fragole, mirtilli e altra frutta di vostro gusto.


Leggi anche: Come fare i pop corn, al burro, in padella, dolci e salati

Nota: La ricetta dei pancakes richiede il latticello (buttermilk) che è difficile da trovare in Italia, un ottimo sostituto è il latte con l’aggiunta di aceto bianco di vino. Un altro sostituto è il latte mescolato in parti uguali a yogurt. Quando versate l’impasto in padella, il pancake deve espandersi in diametro leggermente, nel caso invece si espande velocemente quasi raddoppiando il diametro aggiungere uno o due cucchiai di farina all’impasto (ciò vuole dire che l’impasto è troppo liquido).