Crostata di castagne

La crostata di castagne è un dolce delicato perfetto per questa stagione Ottimo per la colazione e la merenda ecco la ricetta per realizzare la crostata di castagne.

25/11/2019

Sommario

La crostata di castagne è un dolce delicato perfetto per questa stagione Ottimo per la colazione e la merenda ecco la ricetta per realizzare la crostata di castagne.

Tempo di preparazione:
30 minuti
Tempo di cottura:
20 minuti
Quantità:
12 persone

Ingredienti Ricetta

  • Castagne pelate 300 g
  • Mascarpone 250 g
  • Zucchero 60 g
  • Cacao amaro 2 cucchiai
  • Latte 30 ml
  • Farina 400 g
  • Zucchero a velo 120 g
  • Burro 250 g
  • Tuorli 5
  • Pizzico di sale 1
  • Zucchero a velo per decorare qb
  • Foglie di alloro 2
  • Sale grosso qb

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 1
  • Calorie 500 kcal
  • Grassi 30,5 g
  • Carboidrati 49 g
  • Zuccheri 19 g
  • Fibre 1 g
  • Proteine 8 g

L’importanza che il frutto ha sempre rivestito nella coltivazione è testimoniato da una serie di documenti che ne segnano il cammino nel tempo e ne fanno capire come essa influenzò la cultura e la politica dei luoghi.

La castagna è strettamente legata alla vita delle persone, in quanto per lungo tempo è stata una delle fonti principali dell’alimentazione e per questo era soprannominata “il cereale che cresce sull’albero” perché simile al riso e al frumento dal punto di vista nutrizionale, e di conseguenza il castagno viene definito l’albero del pane.

Questo ha fatto sì che la pianta si propagasse, cercando di affinare la qualità e aumentare la varietà; in modo che il frutto potesse essere utilizzato sia fresco che secco che macinato.

Varietà delle castagne

Molte sono le varietà di castagni e di conseguenza anche di suoi frutti. Le differenze dipendono innanzitutto dall’altezza e dai luoghi in cui si coltivano.

Raccolta

La raccolta delle castagne avviene in tempi diversi a seconda delle aree geografiche. In Italia la castagnatura (raccolta) inizia verso la fine di settembre, in passato era considerato uno degli avvenimenti più importanti della vita agricola. Terminata la raccolta aveva inizio il “ruspo” (raccolta da parte dei poveri delle castagne rimaste sul terreno) e successivamente il “rumo” (possibilità di accesso degli animali nelle selve).


Leggi anche: Frutta di stagione per i mesi autunnali e invernali

Essiccazione

L’essiccazione è un processo attraverso il quale le castagne (in genere quelle più piccole) vengono essiccate per poi ridurle in farina.

Le proprietà delle castagne

Le castagne sono ricche di fibre e di minerali, utili in caso di anemia, stanchezza psicofisica, grazie al loro elevato apporto calorico, e ancora in gravidanza, in virtù del loro apporto di acido folico.

La ricchezza di carboidrati complessi le rende simili per valore nutritivo ai cereali, sono anche una valida alternativa in caso di intolleranze. Le castagne riducono il colesterolo e riequilibrano la flora intestinale. Tra le vitamine troviamo : A, B1, B2, B3, B5, B6, B9, B12,C e D.

Le castagne inoltre contengono potassio, fosforo, zolfo, sodio (utile per la digestione), magnesio, calcio, cloro. Proprio per il valore energetico, la proprietà di rimineralizzare e tonificare è considerato un alimento ottimale per gli sportivi. In quanto il potassio contribuisce a ridurre l’affaticamento muscolare.

Le castagne si possono considerare alleate dell’intestino, del sistema nervoso, dei muscoli, ossa e circolazione.

Come cucinarle

Si possono cucinare semplicemente facendole arrosto o bollite, oppure utilizzare in qualche ricetta più complessa sia dolce che salata.

Preparazione

Crema di castagne

  1. Fare cuocere le castagne in acqua con una manciata di sale grosso e 2 foglie di alloro 25 minuti in pentola a pressione.
    Pelarle ancora calde.
  2. Mettere la polpa in un pentolino con il latte e lo zucchero(60g), fare addensare.
  3. Aggiungere il cacao, mescolare e cuocere fino a che il composto non risulta bello cremoso.
  4. Aggiungere il mascarpone mescolando bene e se necessario frullare per creare una crema liscia.

Pasta frolla


Potrebbe interessarti: Ricetta castagne bollite: differenze con le altre cotture

  1. Versare nella ciotola della planetaria (con foglia) il burro morbido( almeno 2 ore fuori dal frigo) lo zucchero , il sale e azionare la planetaria 30 secondi con velocità 2, unire i 5 tuorli d’uovo, lavorare altri 30 secondi.
  2. A questo punto aggiungere la farina, azionare la planetaria per altri 30 secondi.
  3. Togliere la pasta dalla planetaria, formare una palla, avvolgere nella pellicola e lasciare riposare in frigo un paio d’ore o più.
  4. Stendere la frolla con l’aiuto del mattarello in una tortiera imburrata o rivestita con carta forno.  Tenere da parte qualche strisciolina per la decorazione.
  5. Riempire con la crema e completare con le striscioline.
  6. Infornare 15/20 minuti a 180° a forno statico.
  7. Lasciare raffreddare prima di spolverare con lo zucchero a velo.