La ricetta dello Spritz

Come preparare lo spritz secondo la ricetta più diffusa, e qualche idea alternativa per realizzare il cocktail

spritz

Non si sa con precisione quali siano le sue origini, ma a quanto si racconta nel Veneziano con la sua nascita e diffusione hanno a che fare i soldati dell’Impero austriaco stanziati in quella che all’epoca era la Serenissima Repubblica di Venezia – che avrebbero avuto l’uso di allungare i vini veneti, di alta gradazione alcolica, con uno spruzzo di acqua frizzante. Infatti spritz deriva dal verbo austriaco spritzen, “spruzzare”.

Lo spritz nasce nella Repubblica di Venezia
Lo spritz nasce nella Repubblica di Venezia
L’uso si sarebbe poi gradualmente espanso, con qualche variante – tra cui quella che ci porta al cocktail diffusissimo e apprezzatissimo che conosciamo oggi: un bitter rosso o un amaro nero per dare un tocco di colore – prima nel nord Italia, poi nel resto del paese, infine in tutto il mondo.

Un aneddoto piuttosto interessante, che potremo sfruttare con gli amici mentre serviamo un bello spritz fatto in casa. E, a proposito, ecco la ricetta: ovviamente ne esistono molte varianti, e noi qui vi proponiamo la più diffusa. Un’alternativa non da meno è quella che impiega 1/3 di bitter, 1/3 di prosecco e 1/3 di seltz. E se l’uso di un amaro come Martini o Cynar è meno noto, il dubbio – da dirimere solo in base al gusto personale – resta: Aperol o Campari? E perché non Select?

Ingredienti

  • 2 parti bitter
  • 3 parti vino bianco secco o prosecco
  • 1 spruzzo seltz
  • cubetti di ghiaccio
  • 1 fetta arancia

Preparazione

  1. Prendiamo un’arancia e tagliamola a fette: ce ne servirà una fetta per bicchiere.
  2. In ogni bicchiere mettiamo dei cubetti di ghiaccio, due parti di bitter e tre di bianco secco.
    Spruzziamo con il seltz, guarniamo con una fettina d’arancia e serviamo!


Vedi altri articoli su: Ricette Cocktail |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *