Olive in salamoia fatte in casa: la ricetta semplice e saporita

Preparare le olive in salamoia in casa non è difficile, ma è un procedimento che richiede molta cura e tempo

17/01/2024

Sommario

Perfette per un aperitivo o per arricchire le nostre ricette

Tempo di preparazione:
1 ora
Quantità:
1 kg

Ingredienti Ricetta

  • Olive nere o verdi 1 kg
  • Acqua 1 l
  • Sale marino 100 gr

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 100 gr
  • Calorie 112 kcal
  • Grassi 99,1
  • Carboidrati 4,3
  • Proteine 4,9

Le olive in salamoia sono una ricetta molto antica della tradizione mediterranea. Questa procedura consente infatti di conservare l’alimento per molti mesi e averlo disponibile tutto l’anno. Le olive in salamoia si preparano in autunno, quando si effettua la raccolta dei frutti non ancora maturi. Essi risultano amari, duri e sgradevoli da consumare così come sono, ed è qui che la salamoia fa la sua magia. Nel corso di diversi mesi, la mistura di acqua e sale non solo conserverà l’alimento, ma gli leverà l’amaro di fondo.

Olive in salamoia fatte in casa

Quali olive scegliere

È importante ricordare che la scelta delle olive deve ricadere obbligatoriamente su frutti biologici, non trattati dunque con pesticidi. Questo sia per una questione di sicurezza per il consumatore, che di un migliore risultato finale sul profilo aromatico. In questa fase è possibile scegliere anche se aggiungere erbe aromatiche. Nella versione classica si predilige inserire con le olive qualche foglia di alloro, ma le possibilità sono tante a seconda del gusto.

Preparazione delle olive in salamoia

Le olive in salamoia non sono purtroppo veloci da realizzare e richiedono una certa cura.

  1. Per prima cosa bisogna selezionare ogni oliva, rimuovendo quelle rovinate o imperfette, inserirle in un contenitore a bagno nell’acqua e porvi sopra un peso per tenerle tutte immerse e premute sul fondo. L’acqua in questa fase andrà cambiata ogni giorno per venti giorni, per rimuovere parte dell’amaro.
  2. Dopo 20 giorni, lavare e asciugare le olive. In una pentola portare a ebollizione l’acqua e il sale per qualche minuto, quindi rimuovere dal fuoco.
  3. Sistemare le olive in barattoli accuratamente sterilizzati, e aggiungere la salamoia fredda fino a ricoprirle completamente. Le foglie d’alloro a questo punto potranno essere disposte in superficie per fare da “tappo”, che tratterrà le olive.
  4. Chiudere quindi il barattolo ermeticamente e sistemarlo al fresco e all’asciutto per lasciare tempo alla salamoia di fare la sua magia.

I tempi minimi per poter iniziare a consumare le olive saranno di due settimane. Se si avrà pazienza però di attendere un mese o anche due, il risultato sarà ancora migliore.


Leggi anche: Come conservare le olive in salamoia, sottolio o al forno

Alcune varianti prevedono di inserire al posto dell’alloro salvia o rosmarino, per note aromatiche decisamente diverse ma altrettanto incisive sul risultato finale.