Friciulin verdi piemontesi

Friciulin verdi piemontesi, tipiche frittelline salate di origine povera e contadina, a base di erbette, prosciutto, salame o pollo arrosto

Sommario

I friciulin verdi piemontesi sono delle frittelline preparate con spinaci o erbette e ciò che un tempo si aveva a disposizione in casa: prosciutto, salame, pollo

Tempo di preparazione:
20 minuti
Tempo di cottura:
10 minuti
Quantità:
4 persone

Ingredienti Ricetta

  • Erbette o spinaci 500 g
  • Petto di pollo 150 g
  • Uova grandi 2
  • Parmigiano grattugiato 2-3 cucchiai
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Noce moscata un pizzico
  • Olio di semi per friggere

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 100 g
  • Calorie 128 kcal
  • Grassi 8 g
  • Carboidrati 2 g
  • Zuccheri 0,3 g
  • Fibre 1 g
  • Proteine 9 g

Friciulin, in piemontese, sta a indicare delle frittelline, piccole e sfiziose, di vario genere. Spesso infatti vengono chiamati friciulin sia quelli qui proposti, verdi, sia delle frittelline di patate. Questo perché, essendo una ricetta povera, contadina, un tempo si preparava usando ciò che si aveva a disposizione in casa, anche a seconda della stagione.

I friciulin verdi piemontesi si preparavano un tempo con le erbe di campo come tarassaco, papavero ed ortica, unite per esempio con gli avanzi dell’arrosto della domenica.

Con il passare del tempo e i cambiamenti di stile di vita, le erbe spontanee vennero sostituite con biete o spinaci, come in tante altre ricette della tradizione, non solo piemontese. Vedi per esempio gli gnudi toscani o i rabaton alessandrini.

Rabaton alessandrini

All’arrosto venne invece sostituito il prosciutto, il salame, oppure il petto di pollo. Ciò che resta invariato è il fine della ricetta: recuperare gli avanzi ottenendo un piatto semplice e al tempo stesso saporito, che piace a grandi e piccini.

Come tutte le ricette della tradizione, non esiste una sola versione, ma tantissime che variano da famiglia a famiglia.

Ma la bellezza di queste ricette è che continuino a vivere nelle case di tante persone, come ricordo di infanzia da trasmettere alle generazioni successive.


Leggi anche: Ricette con il Pollo

Preparazione

Per preparare i friciulin verdi piemontesi, partite dalle erbette o spinaci:

  1. Lavate accuratamente le erbette per eliminare tutta la terra, scolatele e lessatele in acqua salata per 10 minuti.
  2. Scolate le erbette e strizzatele bene per eliminare tutta l’acqua. Tagliatele quindi grossolanamente con una mezzaluna, o con il coltello. Se preferite potete frullarle tutto per ottenere delle frittelle omogenee, senza pezzetti.
  3. A parte tritate finemente il petto di pollo arrosto (se non ne avete di avanzato, potete usare un petto di pollo fresco e cuocerlo in padella, prima di tritarlo). Se non volete il pollo potete usare prosciutto o salame cotto, a piacere.
  4. In una ciotola unite tutti gli ingredienti: le erbette e il pollo tritati, le uova intere, il parmigiano grattugiato, un pizzico di noce moscata. Mescolate bene per amalgamare gli ingredienti. Se il composto risultasse troppo asciutto e poco amalgamato, potete aggiungere un altro uovo. Aggiustate anche di sale e pepe e mescolate. Dovrete ottenere un composto morbido, non liquido, che si possa facilmente raccogliere con un cucchiaino senza cadere.
  5. Preparate una padella con un fondo di olio di semi, adatto a friggere. Prendete il composto dei friciulin con un cucchiaino e formate le varie frittelline tuffandole nell’olio. Schiacciatele leggermente durante la cottura per appiattirle.
  6. Girate i friciulin qualche volta, e quando sono ben dorati da entrambi i lati, scolateli dall’olio e adagiateli su un piatto coperto di carta assorbente, per eliminare l’olio in eccesso.
  7. Servite i friciulin verdi piemontesi freddi. Il giorno dopo risulteranno ancora più buoni!