Fiocchi di latte: ricette e idee

Fiocchi di latte: ricette e idee

I fiocchi di latte sono dei formaggi di origine inglese ideali per chi ha iniziato una dieta e vuole una merenda sana e gustosa. Scopri le ricette!

-
27/01/2021

I fiocchi di latte sono piccoli formaggi provenienti dall’Inghilterra molto apprezzati. Infatti, essi risultano particolarmente utili in caso di diete a basso contenuto di calorie, essendo poveri di grassi e zuccheri. Al contempo, garantiscono un gusto delizioso. Ecco tutto ciò che bisogna sapere riguardo a questa incantevole pietanza, che può migliorare la salute di chi decide di assumerla con una certa frequenza.

Fiocchi di latte: come mangiarli

Come bisogna mangiare i fiocchi di latte? Queste piccole palline di colore bianco immerse nella crema sono adatte ad ogni tipo di dieta, così come accennato anche in precedenza. Sono cibi leggeri, ipocalorici. È possibile assumere i fiocchi di latte in diverse modalità.

La prima che suggeriamo riguarda la chance di spalmarli su una fetta di pane, fresca o anche riscaldata. Chi vuole può inserirli in un minestrone, o comunque tra vari tipi di verdure molto calde.

Non appena si assaggiano di fiocchi di latte, è possibile constatare quanto tendano a sciogliersi in bocca. Il loro sapore potrebbe sembrare leggermente acido, ma dopo qualche secondo si avverte quel retrogusto di latte purissimo e leggero che aiuta a migliorare ogni giornata. Le palline sono molto adatte in occasione dei periodi più caldi dell’anno, magari come semplice spuntino pomeridiano a casa o in giardino.


Leggi anche: Speciale ricette senza lattosio

Un’altra buona idea per apprezzare fino in fondo i fiocchi di latte riguarda l’opportunità di unirli a qualsiasi tipologia di frutto, in modo da renderli sempre più deliziosi. Quando inizia a fare un po’ più freddo, invece, possono essere mescolati con una zuppa di verdure, o magari con una vellutata. Qualsiasi sia la scelta finale, c’è davvero da leccarsi i baffi con una pietanza così incantevole.

Fiocchi di latte senza lattosio

Un ruolo di primo piano lo meritano anche i fiocchi di latte senza lattosio. Si tratta di un’alternativa ancora più salutare rispetto ai fiocchi di latte veri e propri, essenziale per chi deve far fronte all’allergia o all’intolleranza di questo tipo di zucchero che, come si può intendere dal suo nome, è contenuto in vasta concentrazione nel latte. Ovviamente, se la situazione fisica inizia a farsi complicata, tali alimenti sono fondamentali.

Entrando nei particolari, i fiocchi di latte senza lattosio servono quando quest’ultimo diventa pressoché impossibile da digerire. Una situazione del genere si verifica quando l’organismo deve far fronte ad una carenza perdurante dei lattasi, ossia degli enzimi provenienti dall’intestino tenue. Essi favoriscono una scomposizione immediata del lattosio in glucosio e galattosio, cioè i due monomeri che insieme vanno a formarlo.

Se un soggetto intollerante inizia ad assumere cibi con un’elevata percentuale di lattosio, una parte dello zucchero non viene assimilata durante la digestione. Di conseguenza, tende a generare gas e a sprigionare liquidi, provocando così la diarrea e, in alcuni casi, il vomito. Il lattosio è presente soprattutto in latte, yogurt, formaggi molli, burro e margarina. È possibile sottoporsi a relative analisi per verificare la presenza di qualsiasi inconveniente di questo genere.


Potrebbe interessarti: Fiocchi di neve di carta: istruzioni facili

Ricette con fiocchi di latte

Come utilizzare al meglio i fiocchi di latte? Le ricette interessanti non mancano per poter apprezzare fino in fondo questo gustoso prodotto. Per esempio, chi vuole può farli in casa.

È sufficiente avere a portata di mano un po’ di latte scremato, dell’aceto bianco e del sale. Dopo aver versato un litro di latte in una pentola, va aggiunto un pochino di sale. Quindi, la soluzione va cotta a fuoco medio, poi vanno aggiunti 15 grammi di aceto bianco. Si lascia riposare il miscuglio per mezz’ora, poi lo si fa cuocere altri 10 minuti e poi ancora a riposo per mezz’ora. Ed ecco che i fiocchi di latte sono già pronti dopo aver tolto il liquido in eccesso.

Sono davvero numerose le opportunità di abbinamento dei fiocchi di latte, che siano con o senza lattosio. Una buona idea è quella di spalmarli su una bruschetta o un crostino integrale, in modo da rendere ciascun antipasto ancora più delizioso e benefico. I fiocchi possono essere mescolati con verdure, pomodori, salumi, frutta di ogni genere. Inoltre, possono essere aggiunti a qualsiasi tipo di pasta e rendere il proprio primo piatto a base di verdure sempre più gustoso.

Ma non è finita qui. Se si considera la besciamella troppo calorica e pesante, è possibile sostituirla con i fiocchi di latte in occasione di una prelibata lasagna. Con un pizzico di pesto e di aromi, il risultato è ancora più interessante. Anche l’insalata di patate può essere impreziosita da queste graziose palline, così come è possibile realizzare coppette dolci carine sotto l’aspetto estetico e deliziose dal punto di vista gustativo. Infine, non va lasciata in secondo piano l’ipotesi di aggiungere i fiocchi ad ogni tipologia di frutto, dall’ananas al melone giallo.

Pasta con fiocchi di latte

Come già accennato nelle righe precedenti, i fiocchi di latte possono essere combinati al meglio anche con la pasta. A tal proposito, c’è davvero da sbizzarrirsi per le numerose opportunità da sfruttare, dato che le palline vanno benissimo con la maggior parte delle pietanze di un simile tenore. Per esempio, in occasione della stagione estiva, i fiocchi possono essere aggiunti alla pasta con le zucchine, creando un primo piatto altamente cremoso e gradevole. Anche le farfalle con panna e salmone possono vedere l’inserimento delle palline al posto della panna, per una combinazione molto salubre.

Dalla crema di peperoni agli spinaci, dai pomodorini a qualsiasi tipo di salume, i fiocchi di latte sono adatti per tutte le circostanze migliori. Sono ideali al posto del formaggio, della panna, di qualsiasi tipologia di pesto. Ciò che conta è darsi da fare con impegno e passione, affinché ciascuna pietanza possa diventare ancora più interessante dal punto di vista salutistico, pratico e gustativo.

Melissa Viri
  • Scrittore e Blogger