Consigli dello chef per decorare la tavola con la food art

Volete stupire i vostri ospiti? Cercate segnaposti originali? Ecco i consigli del campione del mondo di cucina creativa, lo chef Claudio Menconi

Composizione di frutta
Composizione di frutta
  • Composizione di frutta
  • Rosa intagliata nell'anguria
  • Girasole fatto con susina e spicchi d'arancia
  • Caramella fatta con uva nera e fragola
  • Sculture di frutta e verdura
  • Margherita fatta con porro e carota
  • Fiore fatto con ciuffo d'ananas e carota
  • Calla fatta di finocchio e carota
  • Mela allungata
  • Pacco regalo fatto con zucchina e rapanello
  • Fungo fatto con pera e susina
  • Campanelle fatte con pere e fragole
  • Topolino fatto con la pera
  • Cinesino fatto con fragola, uva nera e limone
  • Delfino fatto con banana
  • Lampada a olio fatta con pera, banana e fragola
  • Tulipani fatti con i peperoni
Chi è Claudio Menconi? Nato a Carrara, Claudio è un famosissimo chef e insegnante di cucina creativa, l’avrete sicuramente visto in tv: ha partecipato a La prova del cuoco, a Uno mattina (dove ha condotto la rubrica “mangiare con gli occhi”) e a molte altre trasmissioni gastronomiche. Ha scritto libri, fra cui Sculptured food – come trasformare il cibo in opera d’arte e Caterino: romantico duello in punta di forchetta. La sua carriera ha raggiunto il culmine con la vittoria della Coppa del Mondo di cucina, nella categoria “decorazione”.

Partecipando a un cooking show, organizzato da Stanhome per le sue clienti, in collaborazione con Brandani, ho avuto il piacere e l’onore di conoscerlo. Durante questo evento lo chef Menconi non solo ci ha mostrato la sua arte, ma ci ha condotto per mano attraverso il percorso che l’immaginazione compie per arrivare a quei risultati: tutta questione di punti di vista! E così una pera, messa in orizzontale, può diventare una barchetta, la buccia del pomodoro arrotolata si potrà trasformare in una rosa. Ci ha fatto capire che la fantasia e l’ispirazione sono presenti in tutti noi e che, una volta attivate, la difficoltà starà nel fermarle. In poco più di un’ora ho visto cose talmente belle da farmi pensare che nessuno sguardo dovrebbe rimanerne privo. Ecco dunque che, armata di macchina fotografica, ho tentato di carpire i segreti del maestro e di assorbire a mo’ di spugna, tutte le tecniche utilizzate (beh, almeno le più semplici). Vi mostrerò ora dei piccoli capolavori culinari, che potrete esibire sulle vostre tavole, sotto gli occhi di ospiti increduli e invidiosi. Per creare queste piccole opere d’arte serviranno soltanto frutta, verdura, stuzzicadenti (grandi e piccini) e… un po’ di fantasia!

La caramella

Ingredienti: una fragola e un chicco d’uva. Togliete il fondo della fragola (la parte verde) e dividetela a metà. Prendete uno stuzzicadenti e passate il chicco d’uva da parte a parte. Ora, alle due estremità, infilate le due mezze fragole (una per lato) in modo che abbiano la punta rivolta verso il chicco d’uva. Et voilà… una bellissima caramella, che potrete utilizzare per decorare il bicchiere dell’aperitivo!

Cinesino
Cinesino fatto con fragola, uva nera e limone
Il cinesino

Ingredienti: una fragola, un chicco d’uva nera e un limone. Prendete il limone e tagliatene l’estremità (dove c’è quella piccola protuberanza), mettendo da parte il resto. Prendete ora uno stuzzicadenti lungo e infilate, a mo’ di spiedino, la fragola (senza levare il picciolo), il chicco d’uva nera e in cima, come cappello, la buccia di limone. Ecco un carinissimo cinesino!

Il fungo

Ingredienti: una pera e una susina. Prendete la pera, tagliatene i due estremi (la base e il picciolo) e posatela, in verticale, sul piatto. Prendete ora la susina e tagliatela a metà. Una metà va messa da parte, mentre l’altra va infilzata, dal lato interno, con uno stuzzicadenti che andrà a infilarsi nella parte superiore della pera. Ed ecco un bel funghetto. La regola generale è di non scartare nulla, tutto può trasformarsi… date spazio alla fantasia e create il vostro piccolo, grande, capolavoro! E voi… siete pronte a diventare artisti?


Vedi altri articoli su: Consigli di cucina |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *