Baccalà fritto

Arriva dalla cucina romana questo baccalà fritto, che vi proponiamo nella ricetta tradizionale, da preparare in 10 minuti e servire caldi con una spolverata di pepe

baccalà fritto

Il baccalà fritto è una ricetta tipica della cucina romanesca. Si tratta di un piatto semplice da preparare, ma davvero gustoso. Secondo la tradizione il baccalà alla romana si prepara facendo dissalare il pesce per almeno due giorni nell’acqua. Questo viene poi asciugato, passato in pastella e fritto nel’olio extravergine d’oliva. Il risultato è un secondo piatto sfizioso e irresistibile, infatti un bocconcino tira l’altro e non c’è modo di fermarsi! Questa ricetta povera e dalle origini antichissime, viene tradizionalmente preparato la Vigilia di Natale e servito insieme con il fritto misto tipico del 24 sera.

A Roma viene cotto rigorosamente nell’olio d’oliva, che dà spessore e intensità al gusto della pastella, e condito con sale e pepe. I puristi del baccalà fritto esigono che la pastella non venga preparata assolutamente con l’uovo né con l’albume montato a neve, come si consiglia in alcune ricette, la preparazione popolare infatti prescrive una pastella preparata solo con farina e acqua minerale, leggera e croccante al punto giusto. Il bello del baccalà fritto è che si cucina in 10 minuti, non richiede particolari ingredienti e il risultato è davvero delizioso. In più o puoi preparare in qualsiasi occasione e accompagnarlo sia con un bel vino bianco ghiacciato che con una birra chiara. È ottimo come antipasto, ma anche come secondo, si accompagna  una cena di pesce chic, come pure ad una bella pizza margherita.

In Italia il baccalà viene utilizzato, nelle varie regioni, per realizzare diverse ricette della cucina popolare. In Sicilia troviamo a esempio il baccalà alla siciliana, con patate, olive nere, pomodorini e capperi, in Toscana invece il baccalà alla livornese che si realizza in umido, con patate e sugo di pomodoro, mentre a Venezia si può assaporare il baccalà mantecato.

 

  • Resa: 20 filetti di baccalà ( 4 Persone servite )
  • Difficoltà:
  • Preparazione: 10 minuti
  • Cottura: 10 minuti
  • Cucina:

Ingredienti

  • 600 grammi baccalà
  • 100 grammi farina
  • olio extravergine d’oliva
  • acqua minerale
  • sale e pepe

Preparazione

  1. La preparazione di questo piatto inizia qualche giorno prima. Dovete infatti immergere il baccalà nell’acqua per circa 48 ore in modo da dissalarlo del tutto, ricordandovi di cambiare l’acqua ogni 8 ore.
  2. Trascorso il tempo necessario lavate il baccalà sotto l’acqua, scolatelo e tagliatelo a strisce lunghe 2 centimetri.
  3. Mettete poi a riposare il pesce in un colino per permettergli di eliminare tutta l’acqua in eccesso.
  4. Nel frattempo realizzate una pastella mescolando in una ciotola la farina e un po’ d’acqua, in modo da ottenere un composto omogeneo e fluido, ma non troppo.
  5. In una pentola fate scaldare l’olio, poi versate i filettini di baccalà nella pastella rigirandoli bene.
  6. Infine versateli nell’olio bollente facendo friggere per 10 minuti e girandoli su entrambi i lati con la forchetta.
  7. Scolateli sulla carta assorbente, condite con sale e pepe e servite ancora caldi.


Vedi altri articoli su: Ricette Antipasti | Ricette Secondi Piatti |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *