Saint Laurent collezione autunno-inverno 2014-15

Saint Laurent collezione autunno-inverno 2014-15

La Swinging London e la generazione Ye-yé protagonisti della fall-winter 2014-15 di Saint Laurent by Hedi Slimane. Ready to wear o haute couture?

04/03/2014

La Swinging London di Twiggy e il fascino della Parigi degli anni Sessanta di Françoise Hardy e Sylvie Vartan calcano la passerella autunno-inverno 2014-2015 di Saint Laurent.

Hedi Slimane riporta in auge il luccichio degli anni di Yves Saint Laurent, senza copiare, ma rendendo contemporanei i tempi: minidress in paillettes, glitter, stivali in vernice golden o silver, calzature basse, baby jane glitterate, tessuti spinati pesanti, parka, pellicce in visone sfilano alla Settimana della Moda di Parigi rendendo un chiaro omaggio alla generazione Ye-yé. Sì perché nonostante Saint Laurent abbia sfilato tra le proposte ready to wear, al Carré Du Temple parigino non è stata portata in scena una mera collezione prêt-à-porter. Alcune proposte sono dei veri pezzi haute couture realizzati prendendo a modello le opere dell’architetto e artista concettuale statunitense John Baldessari, lavori ben illustrati anche nel libretto-invito del fashion show.

Tre pezzi che hanno incantato il pubblico presente e proposti in edizione limitata e numerata che in molti hanno visto come un chiaro segnale di ritorno di Saint Laurent al mondo Haute Couture.

Negli abiti, nel make-up e nelle acconciature le modelle sono delle moderne Twiggy che camminano perse nella notte con le loro maxi frangette, occhi truccatissimi di nero e orecchini che uniscono il bon ton a uno stile più glamour con le loro sagome a pistola. Mini dress e micro minigonne alla Mary Quant, leggings coprenti, calze nere, cappe di maglia, pelle, in tessuto check o pelliccia con dettagli in cristalli, vengono indossati con stivali in vernice dal tacco basso, boot glitterati rosa o fucsia, e ancora con cristalli.

Aconcludere le uscite le tre proposte alla John Baldessari, abiti haute couture disponibili in appena dieci pezzi numerati. Ed è proprio questa scelta che ha portato i professionisti del settore, i giornalisti e sì, persino gli stilisti in prima fila (da Azzedine Alaïa a Jean Paul Gaultier e Peter Dundas) a sperare in un ritorno all’alta moda da parte della maison francese.

Completi golden in paillettes, capi pois, righe, check, black and white cappelli alla Coachella, e micro bag a fascia nera con catena chiudono il cerchio. Un cerchio perfetto che piace anche ai buyer, che hanno premiato la maison e la visione fashion di Hedi Slimane e della sua nuova strada limited Hedi-tion registrando nel solo 2013 una crescita del +21,6% di fatturato, pari a 556,9 milioni di euro.