Marni: la sfilata S/S 2015 alla Milano Fashion Week

In una sfilata organizzata alla Rotonda della Besana e accompagnata da un mercato dei fiori, Marni celebra i suoi 20 anni con una collezione dal mood giapponese che ripercorre la storia del brand

Tanti fiori, tutti diversi, sulla passerella di Marni
Tanti fiori, tutti diversi, sulla passerella di Marni
  • Tanti fiori, tutti diversi, sulla passerella di Marni
  • Diversi pannelli compongono il sofisticato abito dalle tinte tenui
  • Motivo floreale su sfondo giallo per l'outfit morbido
  • Fiori, righe, quadri, per un mix perfettamente riuscito
  • Un motivo incantevole anima l'abito dalla silhouette ampia
  • Sovrapposizioni in maglieria sul pantalone loose
  • Fiori e minimal: le due anime Marni si incontrano in questo look
  • Tacco... a rotella per Marni
  • Close-up sulla bag minimal
  • Suola massiccia per i sandali incrociati
  • Finto casual per uno stile superchic by Marni
  • Il dress ampissimo e floreale trova la perfezione con le scarpe-rotella e la bag da portare a mano
  • Maniche lunghissime, gonna alle caviglie, sandali flat per un look minimal ma studiatissimo
  • Verde ottanio per scarpe e borsetta
  • L'abito-kimono sorprende con un volant inaspettato
  • Tutti i fiori di Marni, dal bianco e nero fino al technicolor
  • Doppia anima per il look in bianco e nero
  • Dei pannelli colorati danno vita ad un abito morbido e fresco
  • Fiori diversi compongono questo look in verde
  • Sapore sporty-chic per l'outift comodo
  • Lo spolverino ipercolorato si indossa sul pantalone morbido nero
  • Grafismi flower in bianco e nero
  • Semplicità disarmante per il capo a metà tra abito e outwear
  • Sovrapposizioni rigate per il look in lungo
  • Un look comodo e casual, perfetto per un giro al mercato
  • Pelle, in contrasto con la delicatezza dei fiori
  • Giallo total anche sulla borsa; ma il grafismo en pendant crea un'interessante interruzione
  • Rosa, e poi nero: pochi colori per un look perfetto
  • Sembra quasi improvvisato, l'abito impalpabile e leggermente trasparente
  • Motivi multipli per la gonna innovativa

Una domenica al mercato, per comprare dei fiori.
Quello della collezione primavera-estate 2015 Marni è senza dubbio uno sfondo romantico, dal sapore deliziosamente paesano. La griffe disegnata da Consuelo Castiglioni compie 20 anni e in questa sfilata avvenuta alla Rotonda della Besana ripercorre la propria storia. In passerella ritroviamo quindi tutti i suoi tratti iconici: i motivi floreali, i volumi over, il minimalismo estremo, i grafismi.

Japan inspiration con uno sguardo alla storia di Marni

Nelle uscite del défilé, Consuelo Castiglioni racconta una storia, la meravigliosa storia di Marni: e allora ecco sfilare capi dove vige il minimal assoluto fatto di colori tenui e linee semplicissime, grafismi in bianco e nero perfettamente equilibrati, fantasie floreali potenti che invadono abiti e accessori. La palette parte con il black & white per poi vivacizzarsi con tocchi di ottanio, giallo potente, corallo, tocchi aranciati e rosati. Non mancano poi tinte cremose e delicate.
È evidente l’ispirazione giapponese che traspare nei motivi floreali tipici delle ceramiche, nelle forme che ricordano dei kimono scomposti e ricomposti, nella delicatezza che caratterizza anche il capo più particolare e squillante.
Le linee della collezione sono ampie, morbide, e assecondano la tipica silhouette Marni, riconoscibile dai volumi over e un po’ fluttuanti.
Doppia anima per il reparto tessuti, che virano dalle lavorazioni jaquard dei capi floreali fino ad un feeling ruvido e grezzo delle proposte più semplici e minimal.

Scarpe e accessori: Geisha 3.0

Il reparto calzature è ampissimo ma senza dubbio la proposta più particolare è rappresentata dal sandalo di ispirazione nipponica che vuole, però, una rotella al posto del tacco; una scelta insolita e sorprendente. In alternativa sandali con zeppa o ciabatte incrociate sono le altre opzioni disponibili: per i tacchi alti non c’è spazio.
A riportare la voglia di chic ci pensano le borse che piccole, compatte e sempre perfettamente coordinate, soddisferanno anche le personalità più esigenti.

Collateralmente alla sfilata è stato organizzato un mercatino, il Marni Prisma, dove dalle 15 alle 21 di domenica è stato possibile acquistare un po’ di tutto: dai vasi decorati con stampe d’archivio ai grembiuli in canvas, dai teli per coprire le piante fino alle shopping bag, ma anche 28mila fiori, duemila piante e tanti bulbi. L’insolita iniziativa è stata organizzata per uno scopo nobile: il ricavato ottenuto della vendita sarà infatti devoluto in beneficenza.


Vedi altri articoli su: Fashion Weeks | Milano Fashion Week | Sfilate |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *