Anello di fidanzamento, storia e dove si mette
Matrimonio

Anello di fidanzamento, storia e dove si mette

Da dove proviene l’anello di fidanzamento? quali sono le sue origini? Ecco tutto quello che c’è da sapere!

L’anello di fidanzamento è una tappa quasi obbligata prima del matrimonio. Solitamente viene regalato dallo sposo nel momento in cui si chiede la mano della sposa, ma quando nasce questa tradizione e qual è il suo significato?

Gli anelli di fidanzamento famosi

Tutte le ragazze desiderano ricevere prima o poi un anello di fidanzamento. Per molte è addirittura più importante della fede, anche perché a differenza di questa esteticamente è molto più gradevole grazie allo sbralluccichio delle pietre preziose. Da sfoggiare con le amiche o semplice pegno per un amore sincero e duraturo è sicuramente una tappa fondamentale per ogni storia d’amore destinata ad avere un futuro.

Se per molte la dimensione di queste poco conta, per altre diventa quasi essenziale, molte inoltre desiderano repliche di anelli “famosi” ad esempio quello di Kate Middleton, appartenuto a Lady D. Si tratta di un anello con uno zaffiro da 12 carati e 14 diamanti solitari montati su oro bianco. Non è da meno l’anello di Meghan Markle fatto realizzare sempre con pietre preziose provenienti dalla collezione di Lady D. Non meno importante fu l’anello di Grace Kelly regalato dal Principe Ranieri di Monaco, in questo caso si trattava di un brillante taglio smeraldo da 10,5 carati.

Quando nasce l’anello di fidanzamento?

La storia dell’anello di fidanzamento è piuttosto risalente nel tempo. Da alcuni ritrovamenti sembra che già gli antichi egizi usassero un anello, sebbene non di oro ma di un metallo meno prezioso, come pegno d’amore. Era segno di fiducia e rispetto e andava ad individuare una donna di cui potersi fidare. Nel tempo ha assunto sempre più il significato attuale.

Infatti i Romani lo utilizzavano come pegno d’amore e ne venivano regalati addirittura due, il primo era in ferro, o comunque un materiale poco prezioso, e doveva essere utilizzato in casa, mentre il secondo era in oro e doveva essere indossato in pubblico. Anche successivamente si possono trovare tracce di questa tradizione. Infatti nel Medioevo Papa Niccolò I scrive una lettera a Boris di Bulgaria, segnalando la tradizione per lo sposo di consegnare alla sposa un anello di fidanzamento. D’altronde ancora oggi in molte zone d’Italia, soprattutto al sud, l’anello di fidanzamento è sostituito o accompagnato dalla fedina. Una piccola fede da benedire con acqua santa in chiesa che è proprio simbolo della promessa di futuro matrimonio.

Slogan e ancora storia

Le pietre preziose vennero utilizzate per la prima volta dall’Arciduca Massimiliano d’Asburgo che regalò a Maria di Borgogna come promessa di matrimonio. Da quel momento l’anello di fidanzamento è sempre stato accompagnato da pietre preziose anche perché iniziò la produzione ed esportazione di diamanti dal Sud Africa quindi divennero maggiormente abbordabili. Un’altra tappa importante per la storia dell’anello di fidanzamento è il 1938.

Durante la depressione economica che stava attanagliando i paesi che avevano partecipato alla seconda guerra mondiale, De Beers, noto gioielliere coniò lo slogan “Un diamante è per sempre”. Lo stesso ancora oggi campeggia in molte campagne pubblicitarie. Lo slogan in realtà era stato coniato dalla copywriter Frances Gerety che visto il successo della campagna pubblicitaria restò in azienda per oltre 25 anni.

Il significato delle pietre preziose

Anche per quanto riguarda le pietre preziose vi sono diverse usanze e tutte hanno un significato particolare. Nel 1800 si diffuse il solitario, cioè un unico diamante incastonato nell’anello, nasce successivamente, in epoca contemporanea, il trilogy, cioè l’anello con tre diamanti che simboleggiano il passato, il presente e il futuro.

Il diamante è una pietra molto resistente e simboleggia durata e solidità, spesso però è abbinato ad altre pietre. Ad esempio è spesso abbinato con lo zaffiro che simboleggia fedeltà, con lo smeraldo che simboleggia la speranza, con l’acqua marina che invece indica un amore lungo e duraturo. L’opale indica un amore sincero, il beriollo la forza del legame che c’è tra gli sposi, infine il rubino simboleggia un amore ardente. Naturalmente la scelta finale spetta allo sposo che in base alle proprie possibilità e ai gusti potrà scegliere tra i diversi modelli.

Le leggende sull’anello di fidanzamento

Sull’anello di fidanzamento vi sono anche diverse leggende. Ad esempio la tradizione vuole che non debba mai essere acquistato contemporaneamente rispetto alle fedi nuziali perché ciò porterebbe sfortuna. Sempre secondo tradizione se i futuri sposi dovessero lasciarsi prima di contrarre le nozze, i regali che i fidanzati si sono scambiati devono essere restituiti.

Vi è però un’eccezione, infatti sembra che l’anello di fidanzamento possa essere trattenuto dalla sposa. La restituzione è dovuta se a rompere il fidanzamento è la donna. Nella realtà visto che spesso il valore è piuttosto elevato l’anello viene ugualmente restituito anche se è stato lo sposo ad aver abbandonato il progetto comune.

Dove si mette l’anello di fidanzamento

Molte giovani spose si chiedono anche dove debba essere indossato l’anello di fidanzamento. La tradizione vuole che debba essere infilato all’anulare della mano sinistra. Lo stesso dito che in futuro dovrà accogliere la fede nuziale (in Spagna e in Germania la fede si indossa sulla mano destra). Non si tratta di una scelta casuale. In un ritrovamento di un’opera di Aulo Gellio, intitolata Noctes Atticae, si evince che secondo la tradizione popolare in tale dito si trova la vena amoris collegata al cuore.

Ecco perché è bene non sbagliare dito. Secondo tradizione il giorno del matrimonio l’anello di fidanzamento deve essere spostato sulla mano destra. In questo modo la sinistra può accogliere la fede. Successivamente la sposa potrà indossare entrambi gli anelli alla stessa mano e anche sullo stesso dito (sempre che non diano fastidio).



Acconciature sposa con fiori, consigli e spunti
Matrimonio

Acconciature sposa con fiori, consigli e spunti

Differenza tra compare di fede e testimone di nozze
Matrimonio

Differenza tra compare di fede e testimone di nozze

Tendenze abiti da sposa 2021
Abiti da sposa

Tendenze abiti da sposa 2021

Viaggio di nozze in Italia, le mete più belle
Viaggio di nozze

Viaggio di nozze in Italia, le mete più belle

Come organizzare un matrimonio a casa
Ricevimento matrimonio

Come organizzare un matrimonio a casa

Matrimonio a settembre 2020, come si svolgerà
Matrimonio

Matrimonio a settembre 2020, come si svolgerà?

Vera Wang collezione sposa 2020
Abiti da sposa

Vera Wang: collezione sposa 2020

Addio al nubilato low cost, come organizzarlo
Addio al nubilato

Addio al nubilato low cost, come organizzarlo

Acconciature sposa con fiori, consigli e spunti
Matrimonio

Acconciature sposa con fiori, consigli e spunti

Hai deciso di applicare dei fiori sui capelli nel giorno del tuo matrimonio? Ecco tutte le acconciature sposa con fiori che puoi realizzare.

Leggi di più