Mindfulness per bambini e adolescenti: i benefici

Dalla psiche all’emotività, ecco i principali vantaggi di questa tecnica meditativa.

Mindfulness per bambini e adolescenti: i benefici
Mindfulness per bambini e adolescenti: i benefici

Da diversi anni è in voga la pratica della Mindfulness, una tecnica meditativa che trae spunto dal buddismo.

Il nome deriva dal termine Sati che, nella lingua Pali, significa “consapevolezza” e denota la capacità di chi la pratica a portare l’attenzione sul presente, in modo non giudicante.

Questo “atteggiamento mentale” ha dato risultati positivi nel trattamento di alcuni disturbi psicologici (come la depressione e gli attacchi di panico) e ha migliorato significativamente alcuni parametri fisici e mentali anche in soggetti sani (riduzione dello stress, aumento della creatività).

La mindfulness può essere praticata anche in famiglia, in diversi momenti della giornata, per rafforzare l’empatia e la coesione dei membri.

Da alcuni anni si è deciso di utilizzare questa pratica anche a livello scolastico, per analizzarne i benefici.

Benefici nei bambini

Per avvicinare i bambini alla pratica della mindfulness, i ricercatori propongono sedute molto brevi (4-10 minuti) ed esercizi semplici adatti alle loro competenze (esistono tecniche diverse in base all’età), nonché una sessione finale per condividere esperienze e difficoltà.

L’obiettivo principale nei programmi di training per bambini, è il raggiungimento della consapevolezza delle proprie emozioni.

Ciò consente loro di imparare a controllare gli impulsi, gestendo al meglio le proprie emozioni.

Gli esperimenti condotti hanno evidenziato miglioramenti comportamentali (aumento di fiducia e accettazione verso i compagni di classe), delle competenze mnemoniche, di attenzione e concentrazione.

Queste qualità aiutano i bambini a vivere bene e ad affrontare al meglio prove scolastiche e sportive.

Benefici negli adolescenti

Le tecniche di mindfulness per adolescenti si compongono di esercizi meditativi più brevi rispetto a quelle degli adulti e attività “manuali”, maggiormente indicate per la loro età.

In questo caso l’obiettivo è quello di ridurre l’ansia legata al futuro, lavorando su quello presente.

Dunque diminuire lo stress scolastico, aumentando il rendimento, aumentare la capacità di accettare i propri errori, di definire le priorità e prendere decisioni.

Ciò aiuta i ragazzi a vivere serenamente il presente, gestendo le proprie emozioni (positive e negative) e attendere positivamente le sfide che il futuro gli presenterà.

Praticare la mindfulness sin da piccoli consente di imparare a gestire l’agitazione riducendo lo stress, migliora il sonno e favorisce lo sviluppo emotivo e cognitivo. È dunque consigliato avvicinare bambini e adolescenti a questo stile di vita, per garantire loro un maggior benessere psicofisico.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *