Quale crema solare usare in gravidanza

Quale crema solare usare in gravidanza

Con l’arrivo della bella stagione, la classica domanda che si fanno le donne in dolce attesa è: potrò espormi tranquillamente al sole? Gli esperti suggeriscono di sì ma con la giusta protezione.

In gravidanza, si sa, la pelle è particolarmente delicata e soggetta ad eritemi o arrossamenti. Nella bella stagione non si può fare a meno di utilizzare una crema solare di alta qualità. Il solare viso diventa un must have non solo per il mare ma anche semplicemente per le uscite. Non esistono ovviamente prodotti specifici per la gravidanza ma gli esperti indicano che la crema solare da usare in gravidanza deve avere un fattore di protezione alto. In più gli estrogeni, ormoni della gravidanza, stimolano direttamente i melanociti, ossia le cellule che producono melanina, già a loro volta stimolati dai raggi UV del sole. Insomma massima allerta per evitare la formazione del tanto temuto cloasma.

Cloasma, conoscerlo per evitarlo

Il melasma o cloasma, che dir si voglia, è causato dal troppo sole preso in gravidanza. L’eccessiva pigmentazione della pelle del viso (e del corpo in alcuni casi) si manifesta con antiestetiche macchie brune su fronte, naso, labbra e zigomi. A volte il cloasma tende a scomparire da solo dopo il parto, altre volte è consigliabile rivolgersi a un dermatologo che prescrive pomate sbiancanti (da non utilizzare durante l’allattamento), oppure qualche trattamento estetico come laser o peeling.

Va da sé che per prevenire queste fastidiose macchie occorre evitare di esporsi al sole nelle ore più calde come una lucertola, spalmando sempre uno strato generoso di crema con fattore di protezione 50+. Utile anche una dieta ricca di vitamine e betacarotene (perfette le centrifughe di carote e/o frutti e verdure a buccia gialla o arancione). Ultima nota dell’esperto: le donne più a rischio sono quelle con un fototipo scuro. Questo perché la loro pelle è geneticamente predisposta a produrre più melanina.

Le 3 regole da osservare

La prima regola da osservare per l’utilizzo di creme solari in gravidanza è quella di prendere il sole con gradualità e con moderazione. La seconda è quella di andare al mare nelle prime ore del mattino, fino alle 11, per poi ritornare in spiaggia dopo le 16. La terza regola è proteggere sempre la pelle con una crema con filtro solare elevato, soprattutto sul viso.

Non servono prodotti particolari, in gravidanza meglio partire con una crema solare 50+, ed eventualmente scendere a una protezione un po’ più bassa (ma comunque media, con Spf30) dopo qualche giorno di esposizione. Oltre ai filtri UVB la crema solare in gravidanza deve possedere un filtro di protezione UVA.

Attenzione: se l’etichetta riporta un riferimento generico agli UVA, tipo protezione UVA/UVB, vuol dire che per legge il prodotto contiene un filtro antiUva pari ad almeno un terzo del fattore di protezione solare SPF indicato in etichetta.

Applicare la crema solare in gravidanza

La crema va applicata in modo uniforme e abbondante 15-20 minuti prima di esporsi al sole, quindi è preferibile applicarla già da casa onde evitare scottature durante il tragitto verso il mare. L’applicazione va poi ripetuta ogni 2-3 ore, perché l’efficacia protettiva diminuisce col passare del tempo. Ovviamente anche se si tratta di un prodotto water resistant meglio rimetterla dopo un bagno in mare o la doccia. Anche la sudorazione intensa tende a lavar via la crema solare in gravidanza, quindi anche in questo caso la crema va riapplicata generosamente a cadenza regolare.

Il solare ideale in gravidanza

Come detto le creme solari in gravidanza è di fondamentale importanza e per questo andrebbe usata non solo per andare al mare ma, specialmente per il viso, ogni volta che si esce. Le fautrici del bio potrebbero trovare ampia scelta di solari dalla formulazione naturale e biologica, senza profumazione e preferibilmente con filtri fisici anziché nano. Ideali sono quelli formulati per i bambini, che hanno un livello di tollerabilità cutanea più alto e sono ipoallergenici. Vi sono ottime creme ricche di antiossidanti che proteggono la pelle dall’invecchiamento precoce. Le più precisine potranno imparare a leggere l’INCI ovvero gli ingredienti che compongono la formulazione del prodotto onde evitare imbrogli.

Novità solari 2020

Tra le tante novità in commercio vi suggeriamo alcuni prodotti che hanno un’ottima formulazione e un INCI interessante a detta degli esperti del settore. Il primo che vi proponiamo è un latte per bambini super consigliato anche a donne in gravidanza dell’azienda francese Avene che utilizza filtri assolutamente moderni. Si tratta del Latte Solare Bambino Spray Avene SPF 50 facile da applicare grazie all’erogatore. I principi contenuti non risultano dare alterazioni ormonali o allergiche. Si spalma facilmente e non unge la pelle.

Tra le migliori creme viso vi è la NUXE Sun High Protection SPF 50 che ha un costo leggermente superiore rispetto ai solari in questa fascia. Il prodotto si basa su 3 filtri UV ed ha una texture piacevole. Molto leggera e assorbibile dalla pelle, non lascia per nulla l’effetto bianco tipico da crema. Va rispalmata dopo 3 ore circa dalla prima applicazione. Assolutamente priva di additivi siliconici. Unico nel suo genere il Latte Solare Roche-Posay Anthelios XL SPF 50 poiché unisce ottimi filtri chimici ai classici filtri fisici minerali. Questa crema è creata appositamente per pelli sensibili ed ha una texture leggera ed assorbibile anche se leggermente più grassa. Prodotto comunque validissimo.

Altre creme solari da usare in gravidanza

Altra proposta la Crema Solare Baby Bio Di Alga Maris Lab Biarritz SPF 50 a base di filtri minerali, ipoallergenica, senza conservanti e senza profumo. L’innovativa formula di questi solari combina una doppia protezione fornita da un principio attivo unico, l’Alga-gorria® dalla potente azione antiossidante, associata ad un complesso di filtri fisici minerali per proteggere efficacemente la pelle sensibile dei più piccoli o delle donne in dolce attesa. Texture leggera e fluida, resistente all’acqua, contiene burro di karité bio ricco di vitamina E ed F e olio di Cocco bio che dona comfort, idratazione e protezione.

Infine Lancaster Sun Perfect Fluid SPF 50 aiuta invece a prevenire le macchie brune sul viso. Offre l’elevata protezione della Full Light Technology di Lancaster in una formula che aiuta a prevenire e ridurre rughe e macchie scure. La combinazione di ingredienti anti-inquinamento e anti-età protegge dall’iperpigmentazione e dall’invecchiamento cutaneo precoce, mentre migliora la radiosità della pelle con un attivatore naturale di luminosità.



Tacchi alti in gravidanza, meglio evitarli
Gravidanza

Tacchi alti in gravidanza, meglio evitarli?   

Rapporti sessuali in gravidanza, tutto quello che occorre sapere
Gravidanza

Rapporti sessuali in gravidanza, le cose da sapere

Bonding qundo nasce il legame speciale tra mamma e bambino
Gravidanza

Bonding: qundo nasce il legame speciale tra mamma e bambino

Quali trattamenti estetici sono permessi in gravidanza
Gravidanza

Trattamenti estetici in gravidanza, quali sono permessi?

I 10 modi più simpatici per annunciare la gravidanza sui social
Gravidanza

I 10 modi più simpatici per annunciare la gravidanza sui social

Quale carne posso mangiare in gravidanza
Gravidanza

Quale carne posso mangiare in gravidanza

Sesso del bambino 10 modi simpatici per annunciarlo
Gravidanza

Sesso del bambino: 10 modi simpatici per annunciarlo       

Gravidanza si può prendere il sole
Gravidanza

Gravidanza: si può prendere il sole?  

Conseguenze del tsh alto in gravidanza
Consigli per mamme

Conseguenze del tsh alto in gravidanza

I valori del TSH in gravidanza sono spesso naturalmente alterati, ma occorre prestare attenzione ad un valore troppo alto: potrebbe causare problemi

Leggi di più