Giochi di Natale da fare con i bambini

Giochi di Natale da fare con i bambini

Sono molti i giochi di Natale da fare con i bambini, favoriscono il legame familiare e rimangono per molto tempo indelebili gioiosi ricordi.

-
28/11/2021

Le feste di Natale sono un momento idilliaco, idealizzato e molto atteso da bambini e fanciulli come il più bello dell’anno. E’ un tempo magico e pieno di gioia. E ciò che lo rende così bello e indimenticabile è proprio il modo in cui si è abituati a viverlo.

I ricordi del Natale continueranno a vivere in noi per il resto della nostra vita. E così una volta adulti cerchiamo in tutti i modi di ricreare, con i nostri bambini quei momenti felici. Momenti caldi e magici che ci hanno accompagnati durante la nostra crescita.

NATALE, BAMBINI

Siamo mossi dalla voglia di volere in tutti i modi far vivere anche ai nostri figli la nostra indimenticabile esperienza del Natale. E così ci mettiamo a lavoro per fare in modo che tutto sia perfetto la sera della vigilia come il giorno di Natale.
Ma già da alcuni giorni prima i preparativi riempiranno di calore e gioia la nostra casa. La felicità dei bambini si assapora, anche durante i giorni che precedono la vigilia di Natale, nel solo vederli saltellare intorno all’albero di Natale già pieno di regali e sorprese.


Leggi anche: Addobbi di Natale fai da te: dalla ghirlanda al centro tavola

Quindi tra i preparativi dei giorni di festa una delle cose importanti da programmare son proprio i giochi di natale da fare con i bambini, che ricorderanno con gioia e divertimento.

I giochi in generale son fondamentali nella crescita di ogni bambino poiché sviluppano abilità cognitiva, emotiva, sociale e relazionale. Quindi proprio a Natale è importante programmare dei giochi da fare con i bambini che favoriscono tra le altre cose anche il legame familiare.

A Natale si ha la sensazione di vivere in una bolla sospesa e magica, in cui la routine,  il lavoro e lo stress, le tensioni e preoccupazioni sono rigorosamente chiusi fuori. E il tempo da dedicare alla famiglia, più lento e sereno, diventa piacevole e quasi sacro.

Ed ecco allora che il tempo da dedicare ai giochi di Natale da fare con i bambini diventa un tempo da godere e vivere tutti insieme, con leggera spensieratezza. Divertimento, allegria e gioia riempiranno così la nostra casa.

Ma quali sono i giochi di natale da fare con i bambini, per rendere il loro Natale divertente e indimenticabile?

Possiamo concentrarci, anche in base all’età e al numero di bambini presenti, su tre tipi di giochi: giochi manuali, da tavolo e giochi di società.

Tra i giochi di Natale da fare con i bambini non potranno assolutamente mancare i giochi tradizionali come la Tombola, il Mercante in fiera, il Monopoli o il gioco dell’oca che affascina i più piccini.


Potrebbe interessarti: Tarocchi: significato delle carte e come leggerle

Giochi tradizionali

La Tombola un gioco da fare a Natale con i bambini

Appassiona grandi e piccini ed è il gioco tradizionale del Natale. La Tombola, rispetto ad altri giochi, ha effetti benefici sulla mente, stimola la maturazione di quella dei bambini e anima i processi cognitivi di quella degli adulti. Quindi è un ottimo allenamento per il nostro cervello e fa bene all’umore.

Inoltre il gioco della Tombola scarica l’ansia abbassando i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress. Migliora le relazioni generazionali, spesso intorno al tavolo giocano tre diverse generazioni nipoti, figli e nonni. Incoraggia il legame tra le relazioni  familiari e consolida gli affetti.

Tombola

Quindi tra i giochi di Natale da fare con i bambini di certo non possiamo dimenticare qualche partita a Tombola nella versione per i più piccoli.

Per i bambini che non sono ancora in grado di riconoscere i numeri, possiamo utilizzare la Tombola fatta con animali, frutta, colori o personaggi di fumetti. In questo modo potranno facilmente riconoscere le figure corrispondenti e partecipare attivamente al gioco.

Ma vediamo quali altri giochi possiamo fare a Natale con i bambini e adatti e divertenti anche per i più grandi.

Mercante in fiera

Nato per essere giocato con comunissime carte da gioco, oggi per il Mercante in fiera sono utilizzati i mazzi di carte propri del gioco. Le figure presenti sul mazzo sono, a seconda dell’editore, varie e divertenti, malgrado alcune sia ricorrenti in ogni edizione come il lattante e la gondola.

E’ un gioco che risale alla metà del ‘700. A differenza di tutti gli altri giochi di carte a Mercante in fiera può partecipare un numero qualsiasi di giocatori. Infatti più numerosi sono i giocatori più il gioco si fa animato, divertente e spesso competitivo.

Si gioca con due mazzi da 40 carte identici ma dal dorso di colore diverso, uno rosso e uno blu. Ogni carta rappresenta una figura diversa che si ritrova anche nell’altro mazzo. Si sceglie un banditore o mercante, ovvero colui che condurrà il gioco e quindi l’asta delle carte. Dovrà essere un personaggio spigliato, abile e divertente così il gioco risulterà coinvolgente per tutti.

Si sceglie poi il colore del mazzo che verrà messo in vendita, ad esempio il rosso. Si decide poi la posta che ogni giocatore deve mettere per giocare, ovvero per prendere parte all’asta, che il Mercante riscuote.

Successivamente il mercante distribuisce ad ogni giocare, compreso il mercante stesso, da 1 a 3 carte del mazzo rosso. L’importante è che rimanga 1/3 del mazzo nelle mani del mercante. Ogni giocatore posiziona le carte scoperte, o coperte, davanti a sé.

Il mercante a questo punto deve mettere all’asta le carte del mazzo rosso che sono rimaste, vale a dire 1/3 del mazzo rimasto. Dovrà essere abile a ricevere più soldi possibili dalla vendita della carta, o delle carte che ha deciso di vendere.

È libero di decidere la somma minima da cui far partire l’asta, come anche decidere di vendere una carta alla volta o più carte insieme. Ma può anche decidere di fare un asta al buio, ovvero senza rivelare il numero delle carte messe in vendita.

Finita l’asta si ripartiscono i premi, dal più basso al più alto. Dal mazzo di carte non venduto, quindi quello blu, si scelgono dalle 3 alle 6 carte. Queste rimangono coperte al centro del tavolo fino alla fine del gioco, e di fronte ad ognuna di queste carte il mercante metterà i premi ripartiti.

A questo punto il mercante comincia a scoprire le carte rimaste nel mazzo blu, che sono le carte perdenti. I giocatori che le possiedono devono dichiarare di averle e metterle tra le carte perdenti che il mercante sta scoprendo.

Ora viene la parte più bella e divertente del gioco. Durante questa fase del gioco il mercante può organizzare delle aste flash o di riparazione. Ovvero dare la possibilità ad ogni giocatore di mettere in vendita le proprie carte, o effettuare degli scambi con delle carte che si pensa possano essere tra quelle vincenti al centro del tavolo.

Finito di girare le carte del mazzo blu che aveva in mano,  il mercante inizia a scoprire le carte vincenti che sono al centro del tavolo con il rispettivo premio in denaro. Il giocatore che avrà tra le sue carte l’equivalente della carta rossa si aggiudicherà la vincita posta di fronte la carta blu appena scoperta.

Giochi di Natale da fare con i bambini più piccini

Per i più piccoli possiamo decidere durante le vacanze di Natale e già da qualche giorno prima della Vigilia, di coinvolgerli nella preparazione di allestimenti e decorazioni Natalizie.

Preparare e decorare la pasta di sale o il pan di zenzero sono attività divertenti da svolgere con i bambini per passare del tempo in allegria.

Preparare e decorare la pasta di sale

Ecco dunque che preparare e decorare la pasta di sale diventa un divertente gioco di Natale da fare con i bambini più piccoli e un passatempo manuale e molto creativo.

Preparare e decorare la pasta di sale stimola la manualità, creatività e fantasia. E’ un gioco economico e divertente che può essere fatto in qualsiasi momento dell’anno, immaginando tematiche legate alle stagioni o alle festività come Natale, Pasqua e Halloween.

Statuine di gnomi, Babbo Natale, renne, palline di Natale, angioletti, stelline, coniglietti, animaletti e pipistrelli animeranno la nostra casa rendendo felici e orgogliosi i più piccini.

La preparazione della pasta di sale è molto semplice, tiene occupati i bambini e li fa sentire dei veri chef. Inoltre è molto simile alla plastilina quindi facile da modellare. Ma al contrario di quest’ultima la pasta di sale non è tossica, quindi adatta anche per i più piccini abituati a mettere tutto in bocca.

Si può conservare in frigorifero per averla pronta ad ogni occasione durante tutto l’anno. Economica e facile anche da improvvisare, perfetta come gioco manuale in un pomeriggio invernale tra amichetti.

Oltre ad essere stimolate  e adatto a tenere tranquilli e occupati i bambini durante il Natale, è un’ottima soluzione per  decorare la nostra casa con i loro lavoretti. Gli ingredienti non mancano mai dalla dispensa: 1 bicchiere di sale fino, 2 bicchieri di farina e circa 1 bicchiere d’acqua.

In una ciotola mescoliamo il sale e la farina, aggiungiamo l’acqua poco alla volta e iniziamo ad impastare con le mani. Aggiungiamo acqua fino a quando si otterrà un impasto asciutto e lavorabile.

L’impasto dovrà essere morbido e non deve attaccarsi alle dita. Se risulta troppo friabile si aggiunge poca acqua, se troppo colloso un poco di farina.

Procuriamoci delle formine o stampi ,già acquistati o meglio ancora se creati dai bambini con il riciclo di oggetti che trovano in casa. Bottiglie di plastica, vaschette di alluminio usa e getta o rotoli di cartone saranno perfetti per fare le formine con le quali andremo a creare delle figure di pasta di sale.

Una volta create le nostre figure le lasciamole ad asciugare per circa 24h. In alternativa si possono infornare a 60°, su una teglia con carta forno, fino a quando non saranno ben asciutte e secche. Quindi pronte per essere colorate e decorate.

Si potranno colorare con acquarelli. Ma per renderle colorate e commestibili basterà aggiungere del colorante alimentare nell’impasto.

Una volta seguita la procedura per l’impasto basterà separare la pasta di sale in panetti, quanti sono i colori che avrete scelto. Versare poche gocce per volta di colore per decidere l’intensità desiderata, e lavorare l’impasto fino a quando il colore sarà omogeneo.

Poi stendiamo la pasta di sale e con gli stampi realizziamo le nostre figure, lasciamole asciugare per 24h o inforniamole per farle asciugare e seccare. Una volte pronte possiamo iniziare a decorarle.

La casetta e l’omino di Pan di Zenzero

Molto simile alla pasta di sale i biscotti di pan di zenzero. Caratteristici del Natale nordico, si potrà facilmente ricreare il famoso omino Gingerbread  o la tipica casetta decorata. Ma anche realizzare stelline, renne, pupazzi di neve, cuori, e casette con le formine disponibili in casa.

I biscotti di pan di zenzero sono buonissimi, e piacciono a grandi e piccini.

Pan, Di

Ma la casetta di pan di zenzero è la più scenografica e per questo molto amata da tutti i bambini. Profumata e buonissima da mangiare e’ la decorazione natalizia caratteristica della Svezia. Per questo è facile trovare il kit delle formine per realizzarla all’interno di tutti i punti vendita Ikea.

La ricetta dell’impasto, a differenza della pasta di sale, richiede l’acquisto di ingredienti come lo zenzero in polvere, melassa, chiodi di garofano e cannella. Gli altri ingredienti sono facilmente reperibili in ogni dispensa.

Questi gli ingredienti: 350 g di farina 00; 75 g di zucchero semolato; 75 g di zucchero di canna; 150 g di melassa; 1 uovo; sale; ½ cucchiaino di bicarbonato; 2 cucchiaini di cannella; 2 cucchiaini di zenzero in polvere; noce moscata; 4 chiodi di garofano. Una ricetta facile, da trovare anche online, che renderà felice i nostri bambini.

Per realizzare l’impasto è consigliato seguire nel dettaglio la preparazione.

Una volta preparati gli omini Gingerbread sarà divertente decorarli con la glassa, disegnare occhi, bocca, vestito, sciarpa.

Lavoretti manuali di Natale da fare con i più piccoli

In alternativa alla pasta di sale e al pan di zenzero si potrà proporre ai bambini lavoretti manuali. Salviamo così la cucina e decoriamo la nostra casa.

Stimolano fantasia e manualità e intrattengono i bambini in modo sano e creativo. Imparano anche l’arte del riciclo, oggi importante competenza e traguardo per il loro futuro sulla terra.

Si possono creare così decorazioni di Natale fatte a mano, da appendere alle finestre o all’albero di Natale. E’ sufficiente cercare in casa scampoli di stoffa, tessuti, nastri, perline, bottoni, ritagli di cartoncino e tutto ciò che può servire.

Ad esempio si può realizzare e decorare un albero di Natale fatto a mano, in feltro e pannolenci. Con delle strisce adesive attaccarlo alla parete della camera dei più piccoli.  Per decorarlo si possono poi utilizzare gli omini di pan di zenzero  o i nostri animaletti di pan di sale. Oppure creare, con ciò che trovano in casa, delle decorazioni nate dal riciclo creativo.

Decorare l’albero con palline fatte di cerchi di cartone e avanzi di filo, stoffa e nastrini. Divertenti, economiche, da personalizzare con le iniziali dei nomi dei bambini. Non si rompono e durano negli anni!

Facile tenere a bada i più piccoli, sono curiosi, creativi, attenti e pazienti. Attendono, con finta pazienza la cottura degli impasti, l’asciugatura delle decorazioni, o che la colla si secchi. E una volta terminati i  loro lavori, hanno negli occhi una luce che trasmetteche gioia e soddisfazione per il lavoro svolto.

Giochi di natale da fare con i bambini

Altra cosa organizzare i giochi di natale da fare con bambini dai 7 fino ai 12 anni. Con loro si dovrà pensare a qualcosa di più stimolante e coinvolgente. Un target oggi molto complicato e difficile da interessare e rendere complice nei nostri giochi. Attratto spesso solo da giochi elettronici poco costruttivi ed educativi.

Quindi parliamo di bambini non facili da accontentare e molto esigenti. Prepariamoci in anticipo un elenco di giochi di gruppo o giochi da tavolo da poter fare con loro.

Assassino

Tra i tanti giochi di Natale da fare con i bambini Assassino può risultare divertente e coinvolgente, e anche un po’ competitivo. E’ adatto ai bambini dai 7 anni in poi ed è divertente anche da giocare insieme agli adulti.

E’ un gioco che si fa in silenzio, quindi perfetto per avere break di tranquillità. I bambini si divertiranno in autonomia, rimanendo calmi e seduti e impareranno a sviluppare strategie di gruppo per battere il detective.

Seduti in cerchio, in modo che tutti si possano guardare, si decide chi è il detective e si fa uscire dalla stanza. S i decide poi chi sarà l’assassino che ucciderà con una strizzatina d’occhio i bambini in cerchio. Il detective dovrà scoprire ,una volta rientrato nella stanza, chi è l’assassino.

L’assassino non deve farsi individuare dal detective mentre fa l’occhiolino alla sua vittima, e gli altri bambini non devono dare indizi sulla sua identità per non farlo scoprire dal detective.

Il detective deve guardare attentamente chi sospetta e riconoscere tra tutti i bambini chi fa l’occhiolino,  cosi da poter individuare il colpevole.

L’assassino invece deve con prontezza e velocità cercare di eliminare più bambini possibili facendogli l’occhietto. Deve quindi guardare la sua vittima negli occhi, catturare la sua attenzione, e strizzare l’occhio per ucciderla. Gli altri bambini non devono guardare troppo l’assassino per evitare di dare indizi al detective che scoprirebbe ben presto il colpevole.

Il detective ha diritto a 3 tentativi per individuare il nome l’assassino e vincere. Al contrario se dopo i 3 tentativi non riesce ad individuarlo, e nel frattempo a colpi d’occhiolino l’assassino uccide tutti i bambini del gruppo prima di essere scoperto, l’assassino vince.

Scoperto l’assassino, o se il detective non riesce ad individuarlo, il gioco può ricominciare. L’assassino viene nominato detective per una nuova manche del gioco.

Cluedo

E’ un gioco divertente e di strategia, adatto a tutti gli amanti dei gialli. Lo scopo del gioco è quello di scoprire, attraverso domande, chi ha commesso il delitto, con quale arma e in quale stanza della casa si è verificato.

A turno i giocatori possono formulare ipotesi, vince la partita chi pronuncia l’accusa corretta. I giocatori diventano dei veri detective devono risolvere un delitto cercando indizi e l’arma con il quale è stato effettuato per poi arrivare ad identificare l’assassino.

Monopoli

Altro gioco da fare a Natale ma con il  quale si può giocare tutto l’anno anche il mitico Monopoli. Il gioco da tavolo che approdato in Italia nel 1936 ha accompagnato per intere generazioni affezionati giocatori del fine settimana, anche tra i più adulti o anziani.

Il gioco dei mimi

Un gioco di astuzia, divertente e creativo il gioco dei mimi. Ci si serve solo della gestualità e si può mimare qualsiasi tema, magari un film a contenuto natalizio.

E’ un gioco cognitivo e motorio adatto anche ai più piccoli ma ugualmente divertente per i più adulti. Si potranno mimare animali, mestieri e verbi, titoli di libri e film.

Si formano due squadre e a rotazione si sceglie un giocare, il mimo, che dovrà mimare il film scelto dalla squadra avversaria che gli verrà suggerito all’orecchio.

Una gara di abilità e destrezza nei movimenti del concorrente scelto, che dovrà mimare ai giocatori della sua squadra le parole che compongono il titolo del film scelto dalla squadra avversaria.

Il mimo potrà indicare con le dita il numero delle parole che compongono il titolo del film, usare la gestualità per permettere ai compagni di indovinare via via le parole che compongono il titolo e annuire con la testa se la parola è corretta. Non potrà invece, parlare e usare il labiale per suggerire la parola,  pena la squalifica. Se la squadra indovina il punto di vittoria sarà guadagnato.

Il tempo della prova dovrà essere stabilito precedentemente, così come il punteggio da raggiungere. Allo scadere del tempo stabilito se la squadra non avrà indovinato il titolo avrà perso e guadagnerà il punto la squadra avversaria.

Inventare una storia insieme

Su un foglio di carta bianca ogni bambino inventa e scrive una frase di una storia. Partendo dalla frase “c’era una volta…” a rotazione si scrive una frase e si piega il foglio, così da nasconderla agli altri giocatori, che successivamente scriveranno sul foglio la loro frase.

Alla fine del giro di tutti i giocatori un bambino prenderà il foglio, lo aprirà di tutte le ripiegature che contengono le frasi scritte da tutti i giocatori, e leggera l’intera storia. E’ sorprendente ciò che si leggerà alla fine e molto divertente sentire tutta la storia creata.

Le sedie musicali

E’ un gioco che aiuta a digerire e smaltire un pò di calorie accumulate durante pranzi e cene. Attività fisica allo stato puro per bambini e grandi.

Il gioco delle sedie musicali è un gioco che si fa con della musica nota almeno alla maggior parte dei partecipanti, e possibilmente che sia natalizia. Si sceglie un giudice di gara e  si posizionano nello spazio in cui si balla tante sedie quante sono i giocatori meno una.

Mentre la musica suona i concorrenti dovranno ballare e cantare. Il giudice di gara di colpo interrompe la musica e i giocatori dovranno sedersi velocemente su una delle sedie. Il concorrente che rimarrà privo della sedia su cui sedersi verrà eliminato.

Quindi si toglierà un sedia e si ricomincerà di nuovo con la musica. Il gioco continua con il giudice di gara che interrompe la musica ed elimina chi è in piedi e toglie ancora una sedia, e così via.

Alla fine del gioco rimarrà un concorrente in piedi che verrà eliminato ed un ultima sedia su cui sarà seduto il vincitore.

Questi sono alcuni divertenti giochi di Natale da fare con i bambini. Il gioco è uno strumento di grande importanza per i bambini in quanto sviluppa abilità di tipo cognitivo, emotivo, relazionale e sociale.

A Natale allontaniamo i nostri figli dai giochi elettronici che non aiutano il loro pensiero creativo e la loro socializzazione. Coinvolgiamoli invece in giochi che nutrono la loro mente, ma allo stesso modo manterranno vivi i rapporti familiari e solidificheranno gli affetti.

Fabiana Fabbri
  • Scrittore e Blogger