disturbo specifico del linguaggio
Consigli per mamme

Disturbi specifici del linguaggio: come riconoscerli

Lo sviluppo del linguaggio rappresenta una tappa evolutiva importante nel bambino, come capire quando qualcosa non va? Cosa è il disturbo specifico del linguaggio?

Imparare a parlare e padroneggiare una lingua non è una cosa semplice, possono presentarsi casi di bambini con disturbi del linguaggio di varia natura e ordine di gravità.

In particolare, il “disturbo specifico di linguaggio” o DSL riguarda quei bambini che non hanno problemi neurologici, sensoriali, relazionali ma che, nonostante questo, presentano alcune difficoltà nella comprensione e/o produzione di parole o frasi.

Tali disturbi si risolvono con il tempo anche se possono persistere delle difficoltà nell’organizzazione di un discorso anche in età adulta.

In ogni caso, è importante intervenire per evitare che questi disturbi sfocino in altri problemi legati all’apprendimento (lettura e scrittura).

Come capire che nostro figlio ha un “disturbo specifico del linguaggio”?

Come già detto, la fase inerente lo sviluppo del linguaggio è una fase molto delicata e variabile da bambino a bambino, ma si può tener conto di una serie di elementi per valutare la regolarità o meno dello sviluppo linguistico del proprio figlio.

Nel mirino rientra soprattutto la fascia d’età compresa tra i 18 e i 30 mesi: se in questa fase si notasse una certa difficoltà del bambino di comprendere il linguaggio parlato, uno scarso uso di gesti o ancora una certa lentezza nello sviluppo del linguaggio, sarà il caso di approfondire e rivolgersi ad uno specialista.

La valutazione logopedica

Tramite una valutazione logopedica, il professionista incaricato cercherà di distinguere se lo sviluppo linguistico del bambino segue un corso “tipico” o “atipico”; se vi siano problemi di “speech” o “language”, così da discernere il tipo di difficoltà: il problema riguarda solo la pronuncia di certe lettere o è, piuttosto, un problema di tipo fonologico (semplificazione o sostituzione di lettere) o morfosintattico (strutturazione della frase)?

Logopedia, le tappe evolutive del linguaggio

La logopedia individua cinque tappe evolutive dello sviluppo linguistico del bambino e il momento in cui dovrebbero essere raggiunte:

primi 2 mesi di vita: il neonato comunica attraverso il pianto, non sono ancora sviluppati i meccanismi vocali.

da 2 a 6 mesi: in questa fase si ha un’evoluzione dei meccanismi locali e compaiono i primi suoni vocalici. Intorno ai sei mesi, il bambino inizia ad imitare alcuni suoni semplici.

da 9 a 13 mesi: compaiono le prime parole, per lo più legate all’ambiente che circonda il bambino o all’attività che sta svolgendo.

da 15 a 20 mesi: il bambino acquisisce una maggiore consapevolezza ed è in grado di sviluppare frasi più articolate. A 18 mesi il vocabolario del bambino si amplia notevolmente e la sua capacità di apprendere nuove parole migliora incredibilmente.

dai 2 ai 3 anni: intorno ai due anni d’età il bambino è in grado di formulare frasi composte da 2 o 3 parole. In questa fase il significato di una parola viene attribuito per associazione, mentre l’apprendimento dei suoni avviene per imitazione.

Nello specchietto evolutivo le tappe sono scandite pressoché così: il bimbo inizia la lallazione tra i 5 e i 10 mesi; ricorre ai gesti tra i 12 e i 14 mesi; il suo vocabolario è composto da circa 20 termini intorno ai 18 mesi e si amplierà man mano tra i 24-30 mesi.

Quando iniziare a preoccuparsi?

Non esiste una chiara lettura delle cause che determinano i disturbi specifici di linguaggio (DSL) ma si possono eventualmente individuare alcuni elementi correlabili:

5-10 mesi: assenza della lallazione (prima vocalica, poi consonantica)

12-14 mesi: assenza di gesti deistici e referenziali

12 mesi: mancata acquisizione di schemi di azione con oggetti

18 mesi: vocabolario inferiore a 20 parole

24 mesi: vocabolario inferiore a 50 parole

24-30 mesi: assenza o ridotta presenza di gioco simbolico

24-30 mesi: ritardo nella comprensione di ordini non contestuali

30-40 mesi: ridotta presenza di gioco simbolico

♦ Dopo i 30 mesi: persistenza di idiosincrasie.

Importante: non allarmarsi prima del dovuto

Come detto e ripetuto più volte nel corso di questo articolo, imparare a parlare non è una cosa semplice ed esistono, per ogni bambino, periodi di assestamento e possibili difficoltà nella composizione di frasi più complesse.

Se vostro figlio presentasse un disturbo o un ritardo nella tabella che scandisce, non in modo assoluto, le tappe evolutive del linguaggio, non fatevi prendere dal panico.

Semmai interpellate un esperto, informatevi, chiedete un parere al vostro medico e fatevi consigliare su cosa fare e a chi rivolgervi.

E ricordate: non tutti i ritardi del linguaggio sfociano in problemi specifici del linguaggio, alcuni vengono recuperati nel giro di un anno o, comunque, abbastanza velocemente.


Vedi Anche


Ti potrebbe interessare anche

Consigli per mamme

3 idee per preparare la cameretta del neonato

Bambina in campagna
Consigli per mamme

Crescere circondati dalla natura migliora lo sviluppo del cervello

Consigli per mamme

Leggere storie ai bambini fa bene: 5 motivi per farlo

Mamma single
Consigli per mamme

Mamme single: agevolazioni e diritti

Piedino
Consigli per mamme

Perché i bambini dovrebbero camminare scalzi

Divertirsi e imparare.
Consigli per mamme

Campi estivi per ragazzi: i servizi offerti

7 idee di business redditizio a casa per le mamme
Consigli per mamme

7 idee di business redditizio a casa per le mamme

Cresima: sì all'eleganza.
Consigli per mamme

Come vestire una bambina per la cresima

Costumi colorati
Moda Bimbi

Costumi bambina da mare: guida all’acquisto

Quale look da spiaggia scegliere per l’estate 2019? Partiamo dalle bimbe e dalle tante idee per il loro costume da bagno estivo super cool.

Leggi di più