occhi

Occhi gonfi: quali le cause e i rimedi

Avere occhi o palpebre gonfi può essere una vera seccatura oltre che diventare un serio problema se non adeguatamente trattato. Ecco come si può prevenire e ridurre questo disturbo

La zona occhi è molto sottile e per questo più delicata. Il gonfiore degli occhi, o delle palpebre, è quindi un sintomo molto frequente per tante persone. Innumerevoli sono le cause che lo generano, alcune rare, ma la maggior parte legata ad allergie, congiuntivite, blefarite o anche a stili di vita scorretti. Ci sono diversi modi di trattare il gonfiore, ma è molto importante, prima di agire, conoscerne l’origine.

Le cause

occhi gonfi
Le molteplici cause sarebbero difficili quindi da elencare, ma cerchiamo di conoscere almeno le più comuni.

Le allergie: sono il responsabile numero uno di gonfiore degli occhi. Milioni le persone a soffrire di questo disturbo, soprattutto nei periodi primaverili quando le graminacee sono più comuni, ma non solo, infatti, acari e polvere sono in agguato durante tutto l’anno.

Le infezioni oculari: causate da virus o batteri, spesso portano al rigonfiamento del tessuto circostante gli occhi e le palpebre.

La blefarite: infiammazione cronica che si sviluppa all’interno delle palpebre. Oltre al gonfiore degli occhi, i sintomi comprendono anche bruciore, prurito, eccessiva lacrimazione e sensazione di corpo estraneo all’interno dell’occhio.

La congiuntivite: processo infiammatorio a carico della congiuntiva. Può essere di origine virale o batterica, ma anche essere innescata da allergeni, lenti a contatto, colliri e pomate. In questi casi il gonfiore è accompagnato da bruciore, prurito e arrossamento degli occhi. Essendo contagiosa, le precauzioni per evitare la trasmissione non sono mai abbastanza.

Ci sono poi altri fattori quotidiani che alimentano il gonfiore, come l’eccesso di sodio nella dieta. Quindi una cattiva alimentazione o l’aver dormito poco e male sono tra le cause più frequenti.

I rimedi

Primo step: individuare causa e cura adatta rivolgendosi al proprio medico. Generalmente nei casi meno gravi il problema è trattato con rimedi fai-da-te che alleviano il gonfiore. Se si tratta di allergie, si ricorre all’utilizzo di colliri che contengono antistaminici e decongestionanti. Se invece l’origine del problema sono i batteri, allora sarà necessaria l’assunzione di antibiotici per eliminare l’infezione e quindi il gonfiore.

La prevenzione

Come sempre la prevenzione è l’arma vincente.

È importante non strofinare gli occhi se si hanno le mani sporche. È poi buona abitudine utilizzare creme contorno occhi a base di erbe aromatiche quali il rosmarino o la menta, conosciute per le loro proprietà rinfrescanti e astringenti.

Al mattino spruzzare acqua fredda sul viso è il miglior modo per iniziare la giornata e ridurre il gonfiore. Se si soffre di allergie, cercare di prendere precauzioni all’interno delle proprie case, mantenendo puliti i filtri dell’aria e passando l’aspirapolvere spesso per rimuovere polvere e peli, oltre all’utilizzo di colliri antistaminici per non peggiorare la situazione.



Addominali obliqui
Vivere bene

Addominali obliqui: esercizi da fare da terra

Body balance cos'è e quali esercizi fare
Vivere bene

Body balance: cos’è e quali esercizi fare per yoga e pilates

Carboidrati sani
Vivere bene

Carboidrati sani: quali sono quelli da mangiare e quali da eliminare

Uova di pidocchi
Vivere bene

Uova di pidocchi: riconoscerli ed eliminarli

ashtanga yoga
Vivere bene

Ashtanga yoga: sequenza corretta delle serie

Oli da cucina
Vivere bene

Oli da cucina: quali sono i 5 migliori per cucinare e come usarli

Tisana rilassante quali sono le erbe rilassanti da infuso
Vivere bene

Tisana rilassante: quali sono le erbe rilassanti da infuso

Cristalloterapia
Vivere bene

Cristalloterapia: elenco di alcune pietre utilizzate