melissa

Melissa: usi, proprietà e benefici

La melissa: una pianta dal profumo inconfondibile e dalle tante virtù!

Ha un gradevole aroma di limone, ma non è un agrume: di cosa parliamo? Della melissa, una pianta perenne originaria dell’Europa Meridionale e dell’Asia. Viene chiamata anche “cedronella” o “erba limone, per il gusto e l’aroma simili a quelli di questo agrume. Cerchiamo di scoprirne gli usi, le proprietà ed i benefici.

Gli usi

Si impiega in cucina per aromatizzare gelati, piatti dolci e salati, marmellate, oli aromatici, liquori casalinghi, salse, zuppe e marinature. È ottima sia per i piatti a base di pesce e di frutti dai mare, sia per le carni ovine ed i legumi. Si combina molto bene con le altre erbe aromatiche, ad esempio con il coriandolo. È utilizzata principalmente sotto forma di tisane, infusi ed olio essenziale.

melissa

La tisana si consiglia per la sua azione digestiva e carminativa. Si prepara lasciando in infusione in acqua bollente per 15 minuti circa 30 g di foglie secche e successivamente filtrando. L’infuso si raccomanda per i dolori mestruali, le nevralgie e i crampi addominali. Si prepara lasciando in infusione per 10 minuti e poi filtrando, circa 50 g di foglie fresche.

L’olio essenziale è ottimo in caso di mal di testa e dolori muscolari, poiché agisce con una azione calmante e rilassante. Il suo uso è diffuso anche nell’industria cosmetica e nella produzione di profumi.

Le proprietà

Passiamo ora alle proprietà di questa pianta. La melissa, fin dalla antichità, è nota per la sua azione sedativa, antinfiammatoria, antispasmodica, soprattutto in caso di coliche e dolori addominali di origine nervosa, ma anche tonificante, antibatterica a livello intestinale ed antivirale (in particolare contro l’Herpes simplex) per il suo contenuto di polifenoli.

I benefici

Grazie alla sua azione calmante è da tempo indicata per risolvere i problemi di nervosismo, di tachicardia e di insonnia, in particolare quella dovuta a stanchezza eccessiva. In questo caso è ottima abbinata alla valeriana. La melissa rappresenta un ottimo rimedio in caso di mal di testa e di depressione moderata, grazie alla sua azione tonificante. A questa pianta sono attributi, inoltre, benefici in caso di reumatismi e di irritazioni cutanee, soprattutto se adoperata come olio essenziale od alcolato, una soluzione alcolica in cui è sciolto l’olio essenziale, preparato dai frati carmelitani già nel XVI secolo. La melissa ha anche una azione rinfrescante, per effetto del suo aroma di limone. È un toccasana in caso di flatulenza e di nausea, in virtù della sua azione digestiva.



Vuoi vincere un abbonamento in palestra? Partecipa al concorso!
Vivere bene

Vuoi vincere un abbonamento in palestra? Partecipa al concorso!

cibi che fanno bene al cervello e alla memoria
Vivere bene

10 cibi che fanno bene al cervello e alla memoria

Come sgonfiare la pancia
Vivere bene

Come sgonfiare la pancia: dieta, esercizi e metodi naturali

Addominali obliqui
Vivere bene

Addominali obliqui: esercizi da fare da terra

Body balance cos'è e quali esercizi fare
Vivere bene

Body balance: cos’è e quali esercizi fare per yoga e pilates

Carboidrati sani
Vivere bene

Carboidrati sani: quali sono quelli da mangiare e quali da eliminare

Uova di pidocchi
Vivere bene

Uova di pidocchi: riconoscerli ed eliminarli

ashtanga yoga
Vivere bene

Ashtanga yoga: sequenza corretta delle serie