calazio

Calazio: 5 rimedi naturali per curarlo

Il calazio è una malattia degli occhi che colpisce la palpebra, creando un rigonfiamento. Vediamone la cura con i rimedi naturali

Il calazio è una malattia che colpisce la parte interna o esterna della palpebra ed è un disturbo molto fastidioso causato dalla mancanza di secrezioni lipidiche, che di solito vengono usate per lubrificare l’occhio. Non è infettivo ed è provocato da un’infiammazione della ghiandola di Meibomio, la zona dell’occhio che ha come compito quello di controllare la corretta espulsione di secrezioni e liquidi per mantenere sempre umida la parete oculare. Nella maggioranza dei casi scompare da solo, altre volte invece è necessario ricorrere a una cura specifica per far riassorbire il gonfiore.

Sintomi

Si presenta come un rigonfiamento, una piccola pallina che provoca prurito e irritazione. Non provoca dolore e spesso è un di lieve entità. Di solito i sintomi sono, oltre al gonfiore e all’arrossamento della palpebra, un forte dolore nel punto e la secrezione di liquido. Ovviamente la gravità e l’intensità dei sintomi è legata alla complessità dell’infiammazione della ghiandola. Il calazio può essere di piccole dimensioni, ma anche molto più grande tanto da non permettere alla persona colpita di aprire l’occhio.

calendula
Cura – rimedi naturali

Il calazio può essere curato in modo efficace con i rimedi naturali, eccone cinque efficaci ed economici:

1. In generale uno dei rimedi principali per sconfiggere il calazio è il calore. La prima cosa da fare dunque, non appena avvertite i sintomi della patologia, è quello di mettere sulla parte colpita un panno caldo oppure un asciugamano.

2. Fra i rimedi naturali per curare questo fastidio troviamo anche il cavolo. Basta bollire in una pentola le foglie dell’ortaggio e schiacciarle fino a creare una crema da spalmare sul calazio. In questo caso è ottimo anche il succo del cavolo, da applicare usando una garza sterile oppure dell’ovatta.

3. Un aiuto arriva anche dal bicarbonato di sodio, uno fra i più potenti rimedi naturali, mescolato con un litro d’acqua bollente e olio essenziale di ginepro.

4. Per calmare il gonfiore e ridurre l’infiammazione si possono provare anche gli impacchi con infuso di camomilla.

5. Per ridurre il prurito infine si può applicare un po’ di calendula oppure del semplice olio extravergine d’oliva.

Orzaiolo

Il calazio non va confuso con l’orzaiolo che è un’infiammazione molto forte della ghiandola sebacea. In questo caso serve maggiore attenzione rispetto al calazio perché l’orzaiolo è altamente infettivo. Quando si avvertono i primi sintomi dunque è necessario fare molta attenzione a non contagiare anche le altre persone, utilizzando asciugamani e fazzoletti personali.



Body balance cos'è e quali esercizi fare
Vivere bene

Body balance: cos’è e quali esercizi fare per yoga e pilates

Carboidrati sani
Vivere bene

Carboidrati sani: quali sono quelli da mangiare e quali da eliminare

Uova di pidocchi
Vivere bene

Uova di pidocchi: riconoscerli ed eliminarli

ashtanga yoga
Vivere bene

Ashtanga yoga: sequenza corretta delle serie

Oli da cucina
Vivere bene

Oli da cucina: quali sono i 5 migliori per cucinare e come usarli

Tisana rilassante quali sono le erbe rilassanti da infuso
Vivere bene

Tisana rilassante: quali sono le erbe rilassanti da infuso

Cristalloterapia
Vivere bene

Cristalloterapia: elenco di alcune pietre utilizzate

Miso
Vivere bene

Miso: proprietà e benefici del miso