Mantenere l'abbronzatura

Abbronzatura: come mantenerla al rientro dalle vacanze

Qualche trucco per mantenere l’abbronzatura dopo le vacanze.

Il cruccio di tutti noi, al rientro dalle vacanze, è quello di mantenere l’abbronzatura il più a lungo possibile. Non è una mission impossible, ma sono necessari alcuni accorgimenti.

Innanzitutto, curiamo l’alimentazione, che deve essere corretta ed equilibrata, povera di grassi, a basso indice glicemico e ricca di vitamine, sali minerali, fibra ed antiossidanti.

La dieta Mediterranea è da sempre amica della abbronzatura, grazie alla varietà di frutta e verdura (in particolare kiwi, pesche, mango, peperoni, broccoli, carote, spinaci) che la contraddistingue e all’apporto di olio extravergine di oliva e di frutta secca, ricchi di acidi grassi essenziali e di vitamina E.

Queste molecole contribuiscono al mantenimento dell’elasticità cutanea e di protezione dall’attacco dei radicali liberi.

È fondamentale anche una corretta idratazione: bere almeno 2 litri di acqua al giorno aiuta a mantenere la pelle idratata, evitando le fastidiose spellature. Si possono bere anche tisane e the verde non zuccherati. In particolare, quest’ultimo, favorisce l’apporto di antiossidanti e il drenaggio dei liquidi in eccesso.

Un’altra tecnica molto valida consiste nell’evitare i bagni caldi, puntando invece sulla doccia. Il contatto prolungato con l’acqua calda favorisce la desquamazione; una doccia con acqua tiepida aiuta a mantenere la pelle compatta ed elastica.

È bene scegliere detergenti delicati per lavarsi, soprattutto quando si pratica attività sportiva. È importante anche non strofinare la pelle per asciugarsi, ma semplicemente tamponarla con l’asciugamano.

Ricordiamoci di massaggiare lievemente la pelle con leggere pressioni e decompressioni: verrà favorita la microcircolazione e l’ossigenazione dei tessuti.

Non dimentichiamoci, poi, di una buona crema idratante post-doccia. Se si preferiscono gli oli per il corpo, l’ideale sarebbe miscelare l’olio di avocado con quello di soia, di mandorle e di noci, prendendoli in parti uguali.

Per il viso puntare sull’olio di germe di grano, da miscelare con quello di jojoba e di carota. Validissimi anche il burro di cocco e quello di karitè, per chi ama le consistenze più cremose.

Vanno evitati i prodotti a base di alcool, come i profumi che inaridiscono la pelle; optare piuttosto per le acque profumate e le creme agli oli essenziali. Anche lo scrub rappresenta una strategia utile per mantenere l’abbronzatura: deve essere però delicato, da applicare senza sfregare troppo.

Molti non tengono in considerazione l’abbigliamento. Vanno evitati gli indumenti troppo stretti e i tessuti troppo pesanti: quindi via libera a cotone, lino e seta. Non copritevi troppo, ma cercate di esporvi ancora al sole, se vi è possibile. In questo modo verrà stimolata la sintesi di melanina, responsabile del nostro colore ambrato.

Inoltre, cerchiamo di non dimenticarci dell’aria condizionata: è una vera e propria nemica della abbronzatura, perché secca la pelle e la disidrata. Va assolutamente evitata in auto ed in ufficio: utilizziamo un ventilatore piuttosto!



Body balance cos'è e quali esercizi fare
Vivere bene

Body balance: cos’è e quali esercizi fare per yoga e pilates

Carboidrati sani
Vivere bene

Carboidrati sani: quali sono quelli da mangiare e quali da eliminare

Uova di pidocchi
Vivere bene

Uova di pidocchi: riconoscerli ed eliminarli

ashtanga yoga
Vivere bene

Ashtanga yoga: sequenza corretta delle serie

Oli da cucina
Vivere bene

Oli da cucina: quali sono i 5 migliori per cucinare e come usarli

Tisana rilassante quali sono le erbe rilassanti da infuso
Vivere bene

Tisana rilassante: quali sono le erbe rilassanti da infuso

Cristalloterapia
Vivere bene

Cristalloterapia: elenco di alcune pietre utilizzate

Miso
Vivere bene

Miso: proprietà e benefici del miso