Viaggi in Puglia

“No, non venite in Puglia”, l’account che ti fa venir voglia di visitare la Puglia

State pensando di trascorrere le prossime vacanze in Puglia? Prendete spunto dai nostri consigli insieme ad Edoardo di “No, non venite in Puglia”

La pagina ‘No, non venite in Puglia’ ha aperto su Instagram nel 2017. Il profilo ha conquistato migliaia di followers grazie all’ironia e alla bellezza dei luoghi postati e ripostasi sull’account. Scopriamo di più sulla Puglia e su questo progetto.

Viaggi in Puglia

La Puglia è una regione meravigliosa: dal Gargano al Salento, il ‘tacco d’Italia’ regala paesaggi mozzafiato, mare cristallino, borghi ricchi di storia, cultura e tradizioni, oltre che buon vino e ottimo cibo. Questa regione è una delle mete più amate per le vacanze dagli italiani ma anche dagli stranieri. È l’ideale per chi ha bisogno di staccare la spina e godersi un po’ di relax in riva al mare, ma è perfetta anche per chi vuole organizzare una vacanza all’insegna della cultura e della storia. Senza dimenticare le tradizioni: negli ultimi anni, infatti, sono state sempre più valorizzate le testimonianze dell’architettura rurale, rappresentata dalle masserie storiche o dai trulli. Inoltre la regione è ricca di natura: i Parchi Nazionali del Gargano e delle Murge, i fondali delle riserve marine delle Isole Tremiti e le innumerevoli aree protette rendono la Puglia adatta a ogni tipo di turismo.

La Puglia su Instagram

Se conoscete poco questa regione o se volete andarci per le vostre vacanze e siete alla ricerca di idee, suggerimenti e consigli, la pagina ‘No, non venite in Puglia’ fa al caso vostro. L’ideatore del progetto, Edoardo Romita, ha creato nel 2015 la pagina Facebook (dove conta più di 168.000 like) e, nel 2017, è sbarcato su Instagram, dove oggi è seguito da quasi 85.000 followers.

Edoardo, ingegnere elettronico di 43 anni, ha iniziato questa avventura “come spesso accade, un po’ per gioco”, ci rivela. Ma poi la community è cresciuta, ogni giorno di più, e quello che sembrava solo un passatempo è diventato un progetto amato, capito e condiviso da sempre più persone.

Come nasce ‘No, non venite in Puglia’

“Ho aperto la pagina nel 2015 su Facebook e nel 2017 su Instagram dopo aver trascorso un periodo lavorativo fuori dalla Puglia – ci racconta Edoardo – Chi vive in Puglia fa fatica ad apprezzare la ricchezza e la bellezza del territorio, ma quando si è costretti ad andare fuori per lavoro, solo allora si comincia ad avvertirne la mancanza”. Infatti, prima di diventare un fenomeno nazionale, un richiamo per i turisti da tutta Italia, la pagina era indirizzata proprio ai pugliesi. Ma piano piano, l’ironia dei post e la bellezza delle fotografie, ha conquistato il cuore di migliaia di followers da tutto il mondo.

L’ironia di Edoardo

“Il taglio ironico – continua il 43enne – è un’idea nata per scimmiottare chi dalla Puglia non è mai uscito, ma si lamenta per qualsiasi cosa. Certo, ci sono tantissime cose che non vanno in Puglia, ma negli ultimi anni la regione è cresciuta e sta crescendo ancora sotto tutti i punti di vista; questo trend positivo va alimentato da un atteggiamento costruttivo e non deve essere soffocato dalle continue e dannose lamentele”. I dati parlano chiaro: secondo l’Istat, nel 2019 si sono registrate 15,5 milioni di presenze, con 1,2 milioni di arrivi dall’estero. Dal 2015 al 2019 l’incoming internazionale è cresciuto del +60% (i pernottamenti +44%) e gli arrivi complessi (italiani + stranieri) del +23%. I pernottamenti totali sono aumentati del +15%.

Cos’è ‘No, non venite in Puglia’

Ma cos’è di preciso ‘No, non venite in Puglia’? Non si tratta solo di una pagina Instagram molto seguita. Ogni post è la fotografia di quello che troverete in questa regione meravigliosa. Ma, accanto alle belle immagini, una didascalia ironica ribalterà la prospettiva e vi spiegherà perché, secondo Edoardo, in Puglia non dovreste proprio andarci.

“L’ambizione del progetto è quella di far conoscere la Puglia attraverso una prospettiva differente, più autentica e genuina, di far crescere sempre di più quel senso di appartenenza che, spero, ci porterà a rispettare di più la nostra terra – spiega Edoardo – E’ un’educazione alla bellezza. Spero si scateni lo stesso meccanismo di quando si va in un posto più evoluto del nostro dal punto di vista dell’educazione civica, pulito, dove non c’è immondizia per le strade, dove neanche i più incalliti sporcaccioni si sognano di buttare una carta o una cicca di sigaretta per terra”.

Visualizza questo post su Instagram

[EXCALIBUR] Buongiorno da Marina Serra (LE). Il nome di questa località prende il nome da una signora, la signora Marina Serra appunto che quando andava al mare doveva portare sempre l’ombrellone. Non essendoci sabbia in questa località, lo piantò comunque nella roccia e a fine giornata non riuscì ad estrarlo. Da allora questo ombrellone è rimasto piantato qui e solo il più forte e il più coraggioso riuscirà ad estrarre l’ombrellone dalla roccia. Photo Credits: @adriana.gioia #nonveniteinpuglia #stateviacasa #stateviallecasevostre #puglia #apulia #instagram #instalike #instagood #autumn #autunno #salento #marinaserra #roccia #excalibur #mare #piscina

Un post condiviso da No, non venite in Puglia (@nononveniteinpuglia) in data:

Il segreto del successo

Edoardo, attraverso le foto che gli utenti gli mandano ogni giorno, cerca quindi di promuovere il turismo nella sua terra in maniera originale e divertente. E il segreto del successo sono proprio le immagini dei followers: “Le foto molto belle che ricevo e che pubblico, insieme al testo ironico che scrivo per accompagnarle, rappresentano un momento di svago, ma anche un momento celebrativo per chi in Puglia ci vive e ci è nato – continua l’ingegnere 43enne – Rappresentano soprattutto un’occasione per chi la Puglia non la conosce e vorrebbe venirci in vacanza; infatti in molti mi chiedono consigli e suggerimenti per una vacanza in Puglia”. Ogni estate Edoardo riceve migliaia di foto: “Nell’alta stagione ricevo molte foto e richieste di informazioni, quindi dedico a questo progetto anche tre ore al giorno. In inverno, invece, le richieste sono meno e una mezz’oretta è sufficiente”.

La Puglia, terra unica

Ma quindi, in Puglia, ci dobbiamo andare oppure no? “Certo, ma responsabilmente”, ammonisce. “La Puglia è meravigliosa per la incredibile densità di patrimoni paesaggistici, culturali ed enogastronomici, così unici e così differenti che racchiude nel suo perimetro”. Un consiglio per chi sta organizzando un viaggio in Puglia: “Non c’è solo il mare – sottolinea – Non trascurate le campagne e i borghi, anzi sceglieteli come base e punto di partenza per la vostra vacanza”. Infine, un messaggio per i suoi followers: “Grazie per le foto, grazie per la sensibilità e grazie perché credete nel progetto. Continuate ad inviarmi le vostre immagini!”.



Giardini da visitare in inverno, luoghi tutti da scoprire
Viaggi

Giardini da visitare in inverno, luoghi tutti da scoprire

Un romantico autunno destinazioni da vivere in coppia
Viaggi

Un romantico autunno: destinazioni da vivere in coppia

Viaggi

Boom di viaggi dog-friendly: istruzioni per l’uso

Viaggi

Albarella: l’isola green immersa nella natura

Vendemmia 2020, le destinazioni perfette per chi ama il vino
Viaggi

Vendemmia 2020, le destinazioni perfette per chi ama il vino

Forest Bathing, cos'è e dove farlo in Italia
Viaggi

Forest bathing, il benessere arriva dagli alberi

In bici per (ri)scoprire l'Italia, dall'Alto Adige alla Riviera Romagnola
Viaggi

In bici per (ri)scoprire l’Italia, dall’Alto Adige alla Puglia

Viaggi post quarantena consigli per viaggiare sicuri
Viaggi

Viaggi post quarantena: consigli per viaggiare sicuri

Trend Tik Tok, le canzoni più usate nel 2020
Attualità

Trend Tik Tok, le canzoni più usate nel 2020

Tik tok sta diventando un canale particolarmente utilizzato, ma quali sono le hit che spopolano su questo social? Ecco tutte quelle del 2020

Leggi di più