pic nic di primavera

E’ il momento di un picnic di primavera

Finalmente la bella stagione è arrivata per poter organizzare un fantastico e rilassante picnic al parco, al mare o in giardino.

Anche se quest’anno si è fatta attendere non poco, finalmente possiamo godere dei benefici della primavera: il bel tempo, il sole e la piacevole brezza che rinfresca gli spiriti e che ci fa pensare “Ah, quanto sarebbe bello fare un picnic!”.

Il picnic, tradizione di famiglia o nuovo rito sociale, negli ultimi anni ha acquistato fama e riconoscimenti al pari di una it-girl! Grandi nomi del mondo fashion, come ad esempio Stella McCartney, gli hanno dedicato niente meno che una sfilata, in giardino con tanto di picnic urbano, mentre per eventi e matrimoni è un’opzione sempre più ricercata.

pic nic tradizionale

Un picnic romantico

pic nic romantico
Per non sbagliare ed organizzare un picnic che risulti primaverile e romantico, bisogna partire dall’allestimento, e quindi vediamo cosa è meglio scegliere per apparecchiare sull’erba in gran stile, da vere romanticone!

La tradizione ci consiglia di apparecchiare con una bella tovaglia a quadretti bianchi e rossi, ma se il risultato che cerchiamo è più dolce e romantico si potrebbe optare per una tovaglia a fiori o magari, sfidando la sorte delle macchie di erba, per il total white.

Non dimenticate a casa il vostro cestino preferito, in cui mettere il cibo e perché no, anche dei fiori, e un libro da leggere per una giornata in total relax.

Il picnic al mare

 

Se invece approfitterete di uno prossimi giorni di festa per fare una scappata al mare e organizzare un bel dejeuner sulla spiaggia, si potrebbe pensare a colori decisamente più accesi, vivaci, partendo dal colore del mare come ispirazione,  quindi benvengano tutte le sfumature di azzurro e blu. Qui qualche proposta delle nuove collezioni estive di Zara Home e Coin Casa.

picnic al mare

Le ricette vincenti per un picnic

Quando si tratta di mangiare per terra, un po’ accampati, che sia sull’erba, in montagna o sulla sabbia al mare, sono tantissimi i cibi sconsigliati, a partire dalle zuppe fredde –troppo liquide, se poi ci sono dei bambini la catastrofe è proprio lì all’orizzonte!- o piatti che richiedano troppa collaborazione di forchetta e coltello.

pic nic ricette

Quindi spazio a torte salate, che magari si possono preparare già tagliate a spicchi o a quadrati, frittatine tiepide, muffin salati, insalate di riso o farro, solo per trovare delle proposte più chiccose di panini e tramezzini, che vanno comunque sempre bene, e sicuramente faranno la gioia dei bimbi.

Con dolci e frutta si è più fortunati, visto che l’ampissima varietà di biscotti, brownies, muffin e crostate, rende tutto facilmente gestibile anche senza avere grandi punti di appoggio.

Per i bambini sono perfetti i succhi di frutta, oltre alle bottigliette d’acqua, mentre per i grandi non dimenticate di portare una bella bottiglia di vino, da accompagnare alla baguette e a qualche pezzo di buon formaggio… per sentirsi dei perfetti picnicuer parigini!



Ristoranti sott'acqua: i più belli del mondo
Viaggi

Ristoranti sott’acqua: i più belli del mondo

Cinque cose da fare a New York con le tue amiche
Viaggi

Cinque cose da fare a New York con le tue amiche

Le 5 canzoni da viaggio che non devono mancare nella playlist
Viaggi

Le 5 canzoni da viaggio che non devono mancare nella playlist

Viaggi

Carceri, fortezze e fari: luoghi abbandonati trasformati in resort di lusso

Viaggi

Copenaghen oltre la Sirenetta: un itinerario alla scoperta dei quartieri più trendy e autentici

Capodanno in montagna: dove andare
Viaggi

Capodanno in montagna: dove andare

5 monumenti da vedere almeno una volta nella vita
Viaggi

Cinque monumenti da vedere almeno una volta nella vita

Natale a New York: cosa fare e cosa visitare
Viaggi

Natale a New York: cosa fare e cosa visitare

Viaggi

Copenaghen oltre la Sirenetta: un itinerario alla scoperta dei quartieri più trendy e autentici

Al bando zone affollate e attrazioni troppo turistiche: a Copenaghen le esperienze più piacevoli si scoprono e vivono nei quartieri appena fuori dal centro, dove lo stile danese e il contatto con i locals si apprezzano ancor di più.

Leggi di più