Scene romantiche: i film più belli

Scene romantiche: i film più belli

A pochi giorni da San Valentino che ne dite di fare un ripasso cinematografico sulle scene romantiche più belle di sempre? Potete trarre spunto per la vostra serata a partire da qui.

Con i loro volti siamo cresciuti, con gli intrecci dei loro pensieri abbiamo sognato a lungo. Ci hanno fatto pensare alla bellezza del mondo e dell’amore e, per altri versi, ci hanno rovinato. Son le scene romantiche dei film più belli di sempre. Quelle che, almeno per un secondo, ci hanno fatto pensare che tutto è possibile e che l’amore è qualcosa di perfetto. Nemmeno un tentennamento di fronte alla forza di quell’armonia, di quello stravolgimento di cuori che si può creare tra due persone. La realtà, poi, non è così bella come nei film, ma che importa se per un attimo ci permettono di volare?

Love story

Mai tante lacrime per un film d’amore che ha letteralmente bagnato le poltrone dei cinematografici del 1970. Su una straordinaria musica da Oscar di Francis Lai, una bellissima Ali MacGraw confessa a un ancor più bello Ryan O’Neal che il loro sogno d’amore sta per finire perché a lei restano pochi mesi di vita: una gravissima leucemia la ucciderà di lì a breve. In questa scena romantica, momento della tragica rivelazione, i cinema di tutto il mondo scoppiavano a piangere: l’amore oltre la morte è un mito antico.

Via col vento

Nel film più commovente di ogni tempo, uno straordinario Clarke Gable liquida -ma forse non per sempre- Vivien LeighRossella O’Hara. La ragazza, viziata e capricciosa, gli confessa solo nell’ultima inquadratura di amarlo alla follia, mentre lui si accinge a lasciarla. Lei allora, tra le lacrime, gli dice: “Che sarà di me? Che farò?”. Egli si volta e pronuncia la frase più famosa della storia del cinema, ponendo fine a quella pellicola: “Francamente, me ne infischio”. Tra le scene più romantiche del cinema, anche se Rhett Butler ha superato l’amore per Rossella. D’altronde, domani è un altro giorno.

Chiamami col tuo nome

Non è solo questione di una scena romantica. Qui è un susseguirsi di fotogrammi che fanno male al cuore. Da quell’accenno di desiderio in piscina al gelato in piazza, fino al dialogo col padre sull’importanza del dolore. E, per concludere, le lacrime di Elio. Eppure è proprio la scena che dà il titolo al film -come al libro- che echeggia ancora e ancora nella memoria. Quella notte d’amore tra le lenzuola umide d’agosto in cui i due amanti, Elio e Oliver, si dicono: “Chiamami col tuo nome e io ti chiamerò col tuo”. Aversi tanto da essere l’altro.

View this post on Instagram

Grazie per i 4K follower ❤️

A post shared by CallMeByYourNameItaly (@chiamamicoltuonomeitalia) on

Ghost

Correva l’anno 1990 e Jerry Zucker ci regalava uno dei film più romantici di sempre, Ghost. Demi Moore e Patrick Swayze, coppia perfetta, separata dalla morte di lui, ma non del tutto. Lui, infatti, non riesce a separarsi dalla sua Molly, nonostante il paradiso lo chiami. E la sua anima, riflesso di luce della sua bontà, resta sulla terra per aiutare lei a far luce sull’omicidio. In tutto questo c’è una scena, tra le più romantiche e belle di sempre: quando Sam si avvicina a Molly che crea un vaso di ceramica. Le loro mani insieme che si fondono nella materia, come i loro cuori si son fusi in un uno solo.

Titanic

Banalizzato da molti, ma allo stesso tempo amato per il suo fantastico romanticismo, Titanic è e resterà nella storia dei più bei film di sempre. È uno dei primi in cui Leonardo Di Caprio ha dato prova della sua immensa bravura e in cui Kate Winslet è stata fantastica. Un amore improbabile, il povero Jack, che viaggia in terza classe, e l’elegante, Rose, che invece vola in prima. Il loro amore si incontra sulla prua della nave, quando Jack fa sentire a Rose tutta l’ebbrezza del rischio, con i piedi appena poggiati alla ringhiera che dà sul mare. E il loro cuore batte al ritmo delle onde.

View this post on Instagram

To love that will go on forever. Happy #ValentinesDay!

A post shared by Titanic (@titanicmovie) on

A piedi nudi nel parco

I meravigliosi Robert Redford e Jane Fonda, freschi sposini, litigano perché lei è romantica e lui convenzionale. Lei appassionata, lui prevedibile. La sposina non si rende conto che la loro unione è quella perfetta e lo caccia dal letto coniugale. Il giovane marito -promettente avvocato- trascorre la notte in una panchina sul parco, dove, togliendosi le scarpe, si ubriaca. La fanciulla, vedendo il letto vuoto, corre a cercarlo. E quando lo vede ridotto a un cencio capisce che di lui ama proprio tutto ciò che la aveva infastidita: la sua stabilità e sincerità. E quindi gli salta addosso e lo riporta a casa. Scene romantiche a piedi nudi nel parco.

A qualcuno piace caldo

A qualcuno piace caldo è una delle più famose commedie della storia di Hollywood. Diretta da un insuperabile Billy Wilder, racconta gli equivoci di uno strano trio: Marilyn Monroe, Tony Curtis e Jack Lemmon. Una serie di colpi di scena mozzafiato. Curtis e Lemmon si travestono da donne per sfuggire a killer spietati. E in questo valzer di doppi sensi, uno straordinario Joe Brawn si innamora follemente del travestito Josephine, chiedendole di sposarlo. Costui gli confessa d’essere uomo, sentendosi rispondere: “Nessuno è perfetto”. Perché l’amore accetta qualsiasi cosa, in fondo.

La donna del tenente francese

Jeremy Irons si innamora perdutamente di Meryl Streep, una donna malfamata per essere stata abbandonata da un tenente francese col quale ha intessuto una disonorevole relazione. Ma il loro amore è tormentato, perché le ferree convinzioni dell’Inghilterra vittoriana, fanno aleggiare sulla loro storia, l’ombra del peccato. Nessuna frase romantica in questo film, ma lo sguardo più erotico della storia del cinema. Lui si avventura su un molo nel quale lei sta immobile a guardare una tempesta. Cerca di salvarla, chiamandola, fino a quando lei si gira e lo guarda. Un unico lunghissimo sguardo che sarà l’inizio di una memorabile storia d’amore.

Vatel

Una sola notte d’amore fra il maestro di cerimonie Francois Vatel e Anna, la preferita del Re Sole. Il tutto alla corte del principe di Condè. Un amore bello e impossibile, che condurrà il più famoso cuoco del Seicento a togliersi la vita. Ad Anna invia una lettera, poco prima di suicidarsi: “Lasciate anche voi questa vita scegliendo, però, una miglior via”, le dice. La invita a tornare a casa, nel circondario di Apt, “dove ora i ciliegi sono in fiore”. Che altro è infatti l’amore se non un fiorire di ciliegi? Il profumo fresco, lo sbocciare dei sentimenti nello stomaco e nel cuore: ecco cosa ci regalano le scene romantiche dei film più belli di sempre.



TV

Sanremo 2020, cantanti e musica: ascolta la playlist

Sanremo 2020 cantanti e canzoni: la playlist dedicata
TV

Sanremo 2020 cantanti e canzoni: la playlist dedicata

Sanremo 2020: ascolta tutte le canzoni su Timgate
TV

Sanremo 2020: ascolta tutte le canzoni su Timgate e TIMMUSIC

Stoccolma de La Casa di Carta: chi è Esther Acebo
TV

Stoccolma de La Casa di Carta: chi è Esther Acebo

L'isola dei famosi senza censura: dove vedere il reality
TV

L’Isola dei famosi senza censura: dove vedere il reality

La Dea Fortuna, il miglior Ferzan Ozpetek in un film su felicità e disincanto
TV

La Dea Fortuna, il miglior Ferzan Ozpetek in un film su felicità e disincanto

John Moore in L'alienista: chi è Luke Evans
TV

John Moore in L’alienista: chi è Luke Evans

Selvaggia Lucarelli parla di fake news in televisione
TV

Selvaggia Lucarelli parla di fake news in televisione

La banana di Cattelan scatena i brand sui social
Attualità

La banana di Cattelan scatena i brand sui social

David Datuna mangia la “banana”, l’opera d’arte da 120mila dollari di Maurizio Cattelan e i brand si sbizzarriscono sui social