Lo strano caso di Mr. Wild, il russo-americano a Sochi 2014

Doppia medaglia d'oro per l'americano diventato russo per amore. Una delle storie più strane di Sochi 2014

Vic Wild
Vic Wild

Alena Zavarzina
Alena Zavarzina
La rivalità sportiva e non solo tra Russia e Stati Uniti è stata uno dei leit-motiv di queste Olimpiadi di Sochi che volgono al termine. Ma la “strana” storia di Vic Wild in questo contesto che già faceva scintille ha davvero del curioso.
Lui, infatti è un americano, nato in un remoto stato del nord che si chiama Washington, che non ha nulla a che vedere con la sede della Casa Bianca e  ha curiosamente una capitale che si chiama Olympia. Ma la cosa strana è che Vic a Sochi ha corso con i colori russi. E ha vinto due medaglie d’oro nelle gare di parallelo dello snowboard. Roba da non credere.

Eppure la sua storia è diametralmente diversa da quella di Viktor An, il supercampione coreano dello short track che è stato letteralmente “ingaggiato” dalla federazione russa in vista di Sochi tanto da essere indotto a cambiare nome creando un vero e proprio caso diplomatico ed una tempesta di polemiche nel suo Paese d’origine.
Vic, invece, è russo per amore e, in più, non era affatto un supercampione della specialità. Wild è nel giro della Coppa del Mondo di snowboard dal 2004 e fino al gennaio 2014 non aveva mai vinto nemmeno una gara, sebbene fosse stato medaglia di bronzo ai mondiali dello scorso anno.
Ma la tavola sulla neve fu soprattutto galeotta per il suo incontro con la bella siberiana Alena Zavazina, anche lei campionessa del mondo di parallelo nel 2011. Alena e Vic si sono sposati nel 2011 e così lui è diventato cittadino russo, cominciando a gareggiare con i colori bianco, rosso e blu, giusto in tempo per Sochi. Risultato? Due medaglie d’oro in entrambe le specialità di parallelo, gigante e slalom, folla in delirio e sorpresa generale. Agli americani, rimasti all’asciutto, saranno fischiate le orecchie… A proposito, e Alena? Medaglia di bronzo nel gigante femminile…

Photo Credit: Bolshoi Sport


Vedi altri articoli su: Attualità | Eventi | Olimpiadi Sochi 2014 |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *