Le mostre più belle dell’estate da vedere a Milano

Pittura, fotografia, design: alcune tra le mostre più interessanti dell'agosto 2014 a Milano. In attesa di un autunno ancor più ricco di cultura

Le mostre d'estate a Milano
Le mostre d'estate a Milano

Milano città dedita al lavoro e capitale italiana della moda, sì. Ma anche città della cultura e dell’arte. Dai classici della pittura ai maestri della fotografia, dal design alla moda fino alla natura: dopo Roma, ecco le mostre che potremo vedere in agosto a Milano.

Genesi. Sebastiao Salgado

Dal 27 giugno e fino al 2 novembre, per la fotografia il Palazzo della Ragione ospita Genesi: 245 fotografie straordinarie del grande fotografo brasiliano Sebastião Ribeiro Salgado. Un viaggio attraverso i cinque continenti a raccontarne la bellezza, la vita, le contraddizioni e i contrasti, rigorosamente in bianco e nero. / biglietto: euro 10; ridotto euro 8,50.

Mimmo Rotella

Una retrospettiva dedicata ai primi anni di attività artistica di Mimmo Rotella, l’inventore del décollage, fino al 31 agosto a Palazzo Reale. Con opere sue e di artisti contemporanei, italiani e non, e documenti d’epoca, provenienti dall’Italia e da musei esteri: uno sguardo su un’epoca, i meravigliosi anni ’50. / ingresso libero.

La Terra vista dal cielo - scatti di Yann Arthus-Bertrand
La Terra vista dal cielo - scatti di Yann Arthus-Bertrand
La terra vista dal cielo: Yann Arthus-Bertrand

Più di cento fotografie in grande formato e a colori compongono la mostra che il Museo di Storia naturale ospita fino al 19 ottobre. Un giro del mondo, firmato Yann Arthus-Bertrand, celebre fotografo e naturalista francese: paesaggi diversissimi e straordinari, tutti visti dal cielo, in un dialogo con gli oggetti del Museo che corredano la mostra. Perché innamorarci e reinnamorarci del nostro pianeta è il primo passo per proteggerlo. / biglietto: euro 8; ridotto euro 5.

Moda. Claudia Gian Ferrari

Fino al 28 settembre in mostra a Palazzo Morando la collezione privata donata da Claudia Gian Ferrari: abiti e accessori delle firme più prestigiose delle moda in un’esposizione organizzata grazie alla collaborazione col NABA. / ingresso libero.

Munari Politecnico

È un itinerario nell’arte e nella concezione estetica di Munari la mostra allestita fino al 7 settembre al Museo del Novecento. All’insegna, ovviamente, di eclettismo, dialoghi transculturali e transartistici. / biglietto euro 5; ridotto euro 3.

PAC. Il delitto quasi perfetto

Seconda tappa, arricchita, per la mostra che ha esordito negli scorsi mesi a Rotterdam. Una quarantina d’artisti e un unico oggetto di indagine: crimine come arte o arte come crimine? Opere provocatorie, innovative, ironiche e affascinanti, tra dipinti, installazioni, video, animano il PAC di Milano. / biglietto: euro 8; ridotto euro 6,50.

No Name Design mostra
No Name Design
No Name Design

Oggetti di uso comune ma dai contenuti estetici eccelsi: questa la collezione pluridecennali di Franco Clivio, con Hans Nansen curatore della mostra di design alla Triennale di Milano. Un cabinet de curiosités: design e non solo, un’occasione per riflettere su quello che solitamente non è oggetto di riflessione. / ingresso libero.

Papagaio. João Maria Gusmão & Pedro Paiva

Finzioni poetico-filosofiche: così il duo portoghese definisce la proprie creazioni, dai film alle sculture, dalle installazioni alle fotografie. Coprono il periodo 2004-2014 quelle esposte in Hangar Bicocca fino al 26 ottobre.

Takashi Murakami

Prima mostra italiana dedicata all’artista giapponese quella ospitata da Palazzo Reale fino al 7 settembre. Sculture, dipinti, autoritratti in cui stili, tecniche e metodi si fondono, secondo la firma d’artista Murakami.

Frida Kalho e Diego Rivera. Fotografie di Leo Matiz

Una trentina di fotografie di Leo Matiz a raccontare il legame tra Frida Kalho e Diego Rivera. E a far respirare l’aria del Messico nei ’40. Un ottimo antipasto, questa mostra fotografica, in attesa di una gita a Genova per quella dedicata ai dipinti dei due grandi artisti. Anche perché l’una – quella milanese, a Photography – chiude il 19 settembre, l’altra apre il 20.


Vedi altri articoli su: Cultura |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *