La prima beach library d’Europa

All'ombrellone e al relax del mare aggiungi una beach library dove poter attingere libri di ogni genere e in diverse lingue. In Bulgaria ne esista una, la prima in Europa

Una beach library al mare
Una beach library al mare

Immagina di avere a disposizione una spiaggia bianca, il mare in fronte, un chioschetto molto vicino al tuo sunbrella dal quale proviene una musica soffusa e allegra, è inevitabilmente estate. Questo chioschetto si erge come una palafitta sulla spiaggia, il suo tetto è fatto con canne di bambù che lasciano filtrare i raggi di sole creando simpatici punti luce lungo la pavimentazione in legno e lievemente ricoperta di sabbia. Sorseggi una granita al limone e guardi l’orizzonte dal balcone del chioschetto, il mare brilla con i riflessi del sole e c’è un rumore tiepido di parole, risate, splash acquosi. Tutto è perfetto, non aggiungeresti nient’altro o forse solo una cosa. Cosa sarebbe avere direttamente in spiaggia una libreria? Sì, intendi scaffali pieni di libri posizionati nel mezzo del manto sabbioso come un’oasi dove andare ad abbeverarsi, a gran sorsi di narrativa e romanzi, e magari fare bookcrossing da ombrellone a ombrellone.

Se quest’immagine abita i tuoi sogni, sappi che altrove è realtà. Parliamo di Albana Resort, in Bulgaria, dove è stata aperta la prima biblioteca in spiaggia d’Europa, la terza nel mondo. E rientra a pieno titolo tra le librerie più belle del mondo.
Non solo, la beach library dispone di 2500 volumi in oltre dieci lingue.

Beach Library / albena.bg
Beach Library / albena.bg

I materiali resistenti al vento e al sole assicurano lunga vita agli scaffali, i libri in caso di pioggia vengono coperti, ogni scaffale è contrassegnato da una bandierina per indicare la lingua in cui sono scritti. Altro particolare interessante è che il turista se non riesce a terminare il libro durante la vacanza può tenerlo purchè ne metta uno nuovo nello scaffale.

Gratuiti e accessibili a tutti, i libri sono lì ad attendere che i passanti li prendano, li sfoglino, li scelgano e se ne approprino per il tempo che serve. Classici, thriller, narrativa per bambini, romanzi amorosi e saggi, ce n’è per tutti. Capita che il turista o la persona del luogo si appropinqui curioso e che, tra la mole di libri, scorga qualcosa di straordinario: chissà che non si ritrovi per le mani il libro della sua vita! Questo è anche un po’ il pensiero dell’ideatrice del progetto, Victoria Biserova.

La lettura in spiaggia, al parco, al bar, sul treno o sul metrò è una porta verso altri mondi. Con l’idea che spesso sia il libro a scegliere il lettore, attendiamo una biblioteca al mare e così l’estate sarà ancora più perfetta.


Vedi altri articoli su: Attualità | Cultura |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *