“Italy in a day- un giorno da italiani” al cinema il 23 settembre

In anteprima alla mostra del cinema di Venezia, "Italy in a day-un giorno da italiani" sarà nelle sale il 23 settembre. Gabriele Salvatores, con la sua troupe, ha estratto il racconto dell'Italia dai video girati nelle 24 ore del 26 ottobre 2013

L'italia dal punto di vista degli italiani in un film
Gabriele Salvatores alla regia del film Italy in a day- un giorno da italiano

Di “messaggi in bottiglia”, come li definisce Gabriele Salvatores, ne sono stati ricevuti ben 44.197. Al regista, alla sua squadra di 40 selezionatori capeggiati dai montatori Massimo Fiocchi e Chiara Griziotti, l’onere e onore di estrarre “Italy in a day- un giorno da italiani”. I video sono stati girati dagli italiani con i mezzi più svariati (telecamere, cellulari, fotocamere) nelle 24 ore del 26 ottobre 2013.

Il ritratto emerso è quello di un’Italia indubbiamente ferita ma che, al contempo, eleva a vessillo la grande dignità e lo spiccato senso di comunità.

Istantanee che seguono il ciclo delle ore, dai primi minuti successivi la mezzanotte del 25 ottobre alla mezzanotte del 26. Un valzer delle ore nel quale si scorgono italiani dormire nelle loro case, svegliarsi, fare colazione, pregare, recarsi a scuola con zainetto in spalla e a lavoro.

Materiale video girato dagli italiani il 26 ottobre 2013
Italy in a day- un giorno da italiani

“Italy in a day-un giorno da italiani” è la storia delle persone comuni. Dopo l’anteprima veneziana fuori concorso, uscirà nelle sale cinematografiche il 23 settembre, solo per un giorno, per poi andare in onda su Raitre il 27 settembre.

Con il contribuito di tanti italiani che vi hanno partecipato, il film acquisisce, secondo Salvatores, lo sguardo di chi ne è alla regia, dello staff di montatori, produttori e musicisti. Il montaggio, ossia il racconto, consegnano un’anima al film. Seguendo un filone tematico e temporale, si è cercato, dice Salvatores, di attenersi alle storie delle persone evitando l’effetto spettacolare a tutti i costi.

Sono 75 minuti italiani, di donne e uomini, di mamme e papà, di bambini e ragazzi, di giovani disoccupati, di pensionati soli, di anziani che hanno dimenticato il nome dei loro figli ma anche di cani, gatti, mucche e pecore anch’essi italiani e, per ultimo e non per importanza, del signor caffè. Un’immagine inedita del Bel Paese che, forse, sdogana da pizza e mandolino. C’è anche una guest star: l’astronauta italiano Luca Parmitano e le sue immagini quotidiane dallo spazio. Egli guarda alla terra e all’Italia dall’oblò della sua navicella.

L'Italia si racconta

“Italy in a day- un giorno da italiani” è ispirato all’opera “Life in a day” di cui Ridley Scott è produttore esecutivo, primo esperimento di cinema collettivo sulla Gran Bretagna diretto da Kevin McDonald nel 2011.

Tra spunti comici e commoventi, c’è un tutto che accomuna la passeggiata silenziosa e notturna alle scenette familiari di strampalati filosofi: l’amore per il proprio Paese.


Vedi altri articoli su: Attualità | Cultura | Eventi |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *