Foody & Co, le mascotte di Expo 2015

Come ogni grande evento che si rispetti anche Expo 2015 ha le sue mascotte, in linea con il tema "Nutrire il pianeta. Energia per la vita"

Foody, la mascotte di expo 2015
Foody, la mascotte di Expo 2015

Ogni grande evento non può non essere associato ad una mascotte. Torino aveva Neve e Gliz, mentre Leopardo, Orso Bianco e Leprotto erano quelle delle Olimpiadi di Sochi 2014. Expo 2010 che si era svolto a Shangai aveva un omino tutto azzurro come mascotte, il suo nome era Haibao, ed Expo 2015 non può essere da meno. Visto che tutto l’evento ruota anche intorno al tema dell’alimentazione e dell’educazione alimentare ed il titolo è “Nutrire il pianeta. Energia per la vita“, le mascotte in questo caso sono un bel gruppo di vegetali provenienti da tutto il mondo che si uniscono insieme per formare Foody.

Rap Brothers - le mascotte di expo 2015
I Rap Brothers
Il volto di Foody, disegnato in collaborazione con la  Disney, ricorda molto da vicino e non casualmente i visi disegnati dall’Arcimboldo e mette insieme frutta e verdura proveniente da ogni parte del mondo; il suo nome è stato invece scelto dai bambini, così come i nomi degli altri undici personaggi. Ci sono i rapanelli Rap Brothers, Piera la pera, La melagrana Chicca, Pomina la mela, Manghy il mango, Max mays, il mays blu dal cui aspetto non si può non intravvedere la sua origine americana, Arabella l’arancia bella, Josephine l’allegra banana, Rodolfo che è proprio fico, Gury l’anguria e l’aglio Guagliò che tanto ha fatto discutere perché il governatore della Lombardia Roberto Maroni avrebbe voluto che si chiamasse Bagai.

Siamo sicuri che i bambini saranno felici di incontrare questi simpatici ortaggi e magari saranno anche un po’ più disponibili quando se li ritroveranno nel piatto. In ogni caso, genitori preparatevi, siamo pronti a scommettere che i negozi di tutta Italia si riempiranno di peluche dalla forma inconfondibile e per una volta i bambini invece di coccolarsi un orsacchiotto potranno addormentarsi stringendo un tenero e morbido rapanello.

Credits: Expo 2015


Vedi altri articoli su: Attualità | UnaDONNA for Expo 2015 |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *