Expo 2015: i progetti legati alla manifestazione

Non solo esposizione commerciale, ma anche scienza, ricerca, tecnologia e social. Ecco i progetti legati ad Expo 2015, con un occhio particolare per gli italiani all'estero.

Short Food Movie
Il logo di Short Food Movie

Non solo Women for Expo. La kermesse planetaria in programma a Milano nell’ormai sempre più prossimo 2015, vive di una molteplicità di iniziative diverse che si prefiggono di sviscerare ed approfondire ora l’uno ora l’altro aspetto dei temi che faranno da filo rosso a tutti i sei mesi dell’Esposizione Universale e che, ormai lo avrete imparato a memoria, sono legati alle grandi questioni dell’alimentazione, della salvaguardia del pianeta e dell’equità e sostenibilità dello sviluppo ad esse legato. Temi variegati che saranno affrontati anche a partire da diversi punti di vista: tecnologico, scientifico, artistico, culturale. Nulla sarà – almeno sulla carta – tralasciato. Scopriamo quindi, in breve rassegna, quali saranno i progetti che daranno spessore e profondità alla grande Esposizione milanese.

Social, scienza e tecnologia

Expo 2015
Se forse quello di Women for Expo è il progetto più originale fra quelli in “cartellone”, non mancano incursioni in diversi ambiti della cultura e del costume. “Short Food Movie” sarà una piattaforma dedicata al caricamento libero, effettuabile da chiunque voglia contribuire, di video e filmati sul tema della manifestazione, una selezione dei quali sarà proiettata senza soluzione di continuità su un wall-monitor installato nel Padiglione Zero di Expo Milano 2015. “Laboratorio Expo“, nato in collaborazione con la Fondazione Feltrinelli, curerà il lato “scientifico” ed “accademico” della kermesse milanese, dove i temi di Expo saranno affrontati in una sorta di “arena pubblica” di collaborazione ed incontro che vedrà protagonisti la comunità scientifica internazionale, le Università e istituzioni pubbliche e private a diversi livelli. Con una serie di incontri, dibattiti ed iniziative divulgative e didattiche si tenterà di stilare una “Carta di Raccomandazioni della Scienza” con obiettivo un futuro più equo e sostenibile. “Feeding Knowledge” è invece il progetto Expo dedicato all’innovazione tecnologica, alla cooperazione e alla ricerca sul tema del food curato dall’Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari e dal Politecnico di Milano.

Il logo di Made of Italians
Il logo di Made of Italians

Made in Italian: alla scoperta delle proprie origini

Oltre a diverse iniziative progettuali dedicate a bambini e ragazzi e, più specificamente, al mondo della scuola, desta sicuramente curiosità l’iniziativa “Made in Italian“, rivolta specificamente a tutti gli italiani residenti all’estero, ma anche a tutti i cittadini stranieri che hanno origine italiana e che desiderano, magari dopo molto tempo, tornare nel loro luogo natio per riscoprire o rafforzare i propri legami con esso, approfittando della kermesse milanese. Il programma è stato messo a punto grazie alla collaborazione con Expo di oltre tremila associazioni regionali, dall’Argentina al Giappone, che raccolgono oltre quattro milioni di italiani residenti all’estero e oltre cinquanta milioni di loro discendenti. A loro disposizione agevolazioni, promozioni ed offerte, spesso integrate proprio con il contributo “locale” delle associazioni coinvolte, che permetteranno ai nostri connazionali di essere in Italia durante in Grande Evento. Fanno parte del “pacchetto” diverse iniziative che vanno dagli sconti speciali su aerei e treni ad offerte in alberghi e strutture ricettive, dalle agevolazioni per l’accesso ai musei e ai monumenti delle città d’arte, alla possibilità di utilizzare carte di pagamento personalizzate da spendere durante il soggiorno.

 


Vedi altri articoli su: UnaDONNA for Expo 2015 |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *