È nato il royal baby

È un bimbo, sta bene, pesa meno di 4 chili. Il nome verrà reso noto a tempo debito. Intanto il Regno Unito saluta entusiasta il bimbo tanto atteso e che tanto ha fatto parlare di sé

kate middleton

Finalmente possiamo conoscere il bimbo che ha fatto tanto parlare di sé. Le previsioni sul sesso, le scommesse sul nome – Alexandra, Diana, Charlotte i più quotati – i pronostici sulla data di nascita, le voci sul travaglio della duchessa di Cambridge, tutto ha offerto il pretesto per tenere gli occhi puntati sulla coppia reale. William e Kate, amatissimi dai loro sudditi e benvoluti dall’opinione pubblica, si sono recati dalla residenza di Kensington Palace alla clinica del St. Mary’s Hospital stamattina intorno alle 6.30, ora di Londra, le 7.30 circa italiane.

È nato alle 16.24, ora londinese, è un bimbo di poco meno di 4 chili, ma di cui ancora non si conosce il nome. Dopo più di una settimana di ritardo rispetto alla data di termine che era stata diffusa dai media – il 13 luglio – la duchessa Kate è stata ricoverata all’ospedale di Paddington con il solito riserbo che ha sempre caratterizzato la vita privata della giovane coppia reale. Forse proprio per questo turisti e curiosi si sono affollati instancabilmente attorno a Buckingham Palace e alla residenza di Kensington Palace, presidiando anche le mura dell’ospedale, attirati dall’evento che ha catalizzato l’attenzione dei media a livello internazionale, tanto che la Starbucks del St. Mary’s Hospital si è trasformata in una sorta di redazione improvvisata, una “postazione di lavoro” dei tanti giornalisti pronti a dare la notizia tanto attesa.

Non tutti, però, sembrano essere stati contagiati dalla frenesia del momento: il nonno Carlo ha prestato fede ai suoi doveri regali ed è partito per York, a più di 300 chilometri da Londra, dove domani dovrebbe raggiungerlo la moglie Camilla. Un erede al trono non nasce certo tutti i giorni, tuttavia ci sono impegni che vanno rispettati – noblesse obilge.


Vedi altri articoli su: Attualità | Kate Middleton |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *