Con Gucci i grandi arazzi dei Medici restaurati a Palazzo Vecchio

Moda e arte: grazie alla maison fiorentina sono stati restaurati e riportati a Palazzo Vecchio di Firenze dieci arazzi dei Medici

Gucci riporta a Palazzo Vecchio dieci grandi arazzi dei Medici
Gucci riporta restaurati a Palazzo Vecchio dieci grandi arazzi dei Medici

Gucci loves Firenze. E l’ultima prova dell’amore della storica maison di moda per la propria città natale – e fonte d’ispirazione – va a tutto favore dell’arte. E di tutti quelli che la amano: grazie a Gucci dieci grandi arazzi dei Medici, intessuti quasi 500 anni fa, torneranno restaurati nel luogo per cui furono commissionati: Palazzo Vecchio, Salone dei Dugento.

L’iniziativa encomiabile di Gucci è stata possibile grazie al Museo della maison che ha raccolto i fondi necessari – attorno ai 340mila euro, con tanto di nuovi impianti di illuminazione e climatizzazione progettati per prevenire il deterioramento dei preziosi arazzi. Ancora una volta, insomma, fashion e arte insieme. Anzi, fashion per l’arte.

E così gli arazzi commissionati da Cosimo de’ Medici nel 1545 e realizzati da artigiani fiamminghi torneranno a raccontare, dalle pareti del Salone dei Dugento di Palazzo Vecchio – da dove erano stati rimossi nel 1983 perché in cattive condizioni – i temi universali della vita, dall’amore alla fede, dalla passione all’invidia al perdono condensati nella storia di Giuseppe Ebreo.

Grazie a una decisione della storica maison toscana che vede la metà dell’incasso di ogni biglietto d’ingresso del Museo Gucci destinata a un fondo apposito per la tutela, la conservazione e il restauro di beni artistici e monumenti di Firenze. Un’iniziativa che da Gucci raccontano così: “La nostra storia è legata indissolubilmente a quella di Firenze. Siamo orgogliosi di poter contribuire a preservare e valorizzare lo straordinario patrimonio artistico e culturale che la nostra città offre“.


Vedi altri articoli su: Attualità | Cultura |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *