Mondiali News: la notte in cui la Spagna perse due sovrani

Abdica la Spagna Campione del Mondo eliminata dal Cile, proprio mentre Juan Carlos lascia formalmente il trono a Felipe VI

Iker Casillas
Iker Casillas

Incredibile coincidenza, quasi romanzesca, con la nazione spagnola che ha vissuto una giornata decisamente unica destinata ad entrare nei libri di storia iberica. A mezzanotte di ieri, 19 giugno, Re Juan Carlos ha svolto il suo ultimo atto ufficiale in qualità di Sovrano di Spagna, firmando il suo ultimo documento e passando la mano al figlio Felipe VI. Praticamente nello stesso momento la nazionale di calcio, le “Furie Rosse” orgoglio della nazione, hanno inaspettatamente abdicato anche dal trono mondiale del calcio con una inattesa e nettissima sconfitta al cospetto del fresco e guizzante Cile di Alexis Sanchez ed Arturo Vidal, talenti cresciuti e coccolati dal nostro campionato italiano.

Arijen Robben
Arijen Robben
Per i Campioni del Mondo in carica, vincitori anche delle ultime due edizioni dei Campionati Europei e dominatori della scena internazionale da quasi una decade, è stata un vera e propria débâcle. La fine di un ciclo vincente e segnato da grandi giocatori come Xavi, Casillas ed Iniesta che hanno imboccato il viale del tramonto. Mentre la Spagna si sveglia senza più corone, Olanda e Cile vanno a braccetto agli ottavi di finale: gli Orange hanno battuto una irriducibile Australia in quella che è stata la più spettacolare partita del torneo fino ad oggi. La bellezza ed il fascino dello sport espressa nell’episodio decisivo: l’Australia sul 2-2 si trova con due uomini soli davanti al portiere avversario, ma i canguri sbagliano un incredibile gol. Palla all’Olanda, rovesciamento di fronte e rete del definitivo 3-2. Dal paradiso all’inferno nel giro di 40 secondi. Da ieri ufficialmente a casa anche il Camerun, travolto dalla Croazia: i nostri dirimpettai sull’Adriatico si giocheranno adesso la qualificazione nello spareggio finale con il Messico fra una settimana.


Vedi altri articoli su: MondialiRosa |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *