La mia amica è in crisi – che faccio?

Come aiutarla a superare un momento di difficoltà

amica in crisi

Quando la nostra migliore amica è in difficoltà, è necessario correre in suo aiuto, se è vero che “un vero amico si vede nel momento del bisogno” e che “chi trova un amico trova un tesoro“. Ma come fare il primo passo? Innanzitutto ci si deve fidare dell’istinto che permette di riconoscere i sintomi della crisi. Conosciamo perfettamente la persona di cui ci stiamo preoccupando, quindi siamo perfettamente in grado di cogliere gesti, sguardi e comportamenti insoliti. Se davvero tutti questi “sintomi” nascondono un problema sarà essenziale investigare poi con molta delicatezza e rispettando i tempi in cui è disposta a confidarsi. Il dialogo è in questo caso lo strumento migliore, ma senza forzature e con una grande disposizione ad ascoltare, perché spesso le difficoltà si ingigantiscono con la solitudine e allora parlarne potrà essere già un primo passo importante verso il ridimensionamento del problema.

Se davvero le vogliamo bene, a questo punto dovremo riflettere e darle dei consigli spassionati, ragionando su ciò che sarebbe buono per lei, e avere il coraggio di suggerirglielo, anche se non è proprio disposta a sentirselo dire. Con la stessa tranquillità si dovranno sopportare eventuali reazioni che non devono suscitare orgoglio e risentimento. Qualora poi la nostra amica, nonostante i consigli, deciderà per la soluzione che non riteniamo giusta, sarà tassativo restarle accanto e offrirle il sostegno necessario per non farla sentire sola. Oltre al dialogo infatti è l’appoggio di un amico vero l’ancora di salvezza di chi affronta un periodo complicato per problemi personali o eventi negativi. Paradossalmente in alcuni casi quello che dovremo offrire con molta generosità sarà la presenza silenziosa, l’appoggio spirituale, la compagnia per superare perdite profonde, che non si risolvono ma si addolciscono con l’affetto. Sarà il nostro abbraccio che aiuterà a far passare il tempo, che spesso mette luce lì dove le emozioni del momento non permettono di vedere.

Non si può dimenticare infine che l’amicizia profonda significa grande rispetto: se la nostra amica ha bisogno, dopo che le abbiamo mostrato tutta la nostra solidarietà, di un po’ di distanza, dovremo essere in grado di metterci da parte, senza trasmetterle la sensazione di abbandono, affinché a una situazione complicata non se ne aggiungano altre. Se nel caso estremo dovessimo capire che il problema ci riguarda, allora faremo chiarezza, cercheremo di fare valere le nostre ragioni e di ascoltare le sue, e poi le concederemo tutto il tempo per capire, che siano giorni, mesi o anni.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *