Fiocco nascita fai-da-te

Un bebè in arrivo? Rendete unico e indimenticabile il lieto evento con un fiocco nascita personalizzato

10/09/2013
Annunciare l’arrivo di un bimbo con un fiocco nascita sulla porta è una tradizione sempre più in voga. L’origine di questa usanza risale all’antichità quando si appendeva una ghirlanda sulla culla del nuovo nato (specialmente maschio) come segno di protezione.

Con il tempo la superstizione si è trasformata in manifestazione di gioia per il lieto evento e il semplice fiocco celebrativo ha lasciato il posto a creazioni sempre più originali e personalizzate.

Con la mia prima figlia, sinceramente, il fiocco è stato l’ultimo dei miei pensieri: ero così concentrata sulla preparazione della valigia per l’ospedale, sul corredino, sulla sistemazione della cameretta che ho preferito lasciare ai parenti “l’arduo compito” di applicare un fiocco qualsiasi alla porta di casa.

Con l’arrivo del secondo bisogna ammettere che diventa tutto più facile; l’aspetto organizzativo pre-parto richiede meno tempo e da un certo punto di vista, preparare con le nostre mani il fiocco nascita potrebbe essere un modo per dedicare un po’ di tempo al nuovo arrivo che, ammettiamolo, gode sempre di meno attenzioni rispetto ai fortunatissimi primogeniti.

Io che sono a quota quasi tre devo ammettere che ho realizzato che “ci siamo quasi” proprio pensando al fiocco per il mio terzo bimbo. E se con il precedente ho utilizzato materiali abbastanza usuali (feltro e stoffa), con questo mi sono lasciata trasportare dalla passione per le perline da fondere (tipo le Pyssla di Ikea per intenderci) e ho azzardato un fiocco decisamente fuori dal comune.

Così è nato il mio fiocco nascita decisamente geek

[dup_immagine align=”aligncenter” id=”36815″]

Come avrete intuito sono un’accanita fan di Star Wars e l’idea di creare un fiocco con un personaggio della mitica saga è stato molto stimolante. Aggiungeteci il fatto che lavorare con le perline da fondere è rilassante e piacevole e il tutto è venuto da sé.

Sono partita creando gli elementi principali, cioè il simpatico droide e il messaggio di benvenuto, con le perline da fondere (il web è pieno di schemi, basta digitare su google o su pinterest Fusible beads pattern e vi si aprirà un mondo!)

[dup_immagine align=”aligncenter” id=”36814″]

Quando ho pensato all’insieme non ho saputo resistere alla tentazione di applicare il tutto sulla sagoma di una navicella molto nota agli appassionati del genere. Ecco allora che il Millennium Falcon si è materializzato su un foglio di feltro 

[dup_immagine align=”aligncenter” id=”36813″]

Approfitto di questo passaggio per darvi un consiglio che vi potrà tornare utile tutte le volte che dovrete ricavare delle forme più o meno grandi o particolareggiate sul feltro: preparate las agoma che vi serve su un foglio di carta, evitate però di tagliarla con precisione, limitatevi a contornarla, applicatela poi sul feltro con il nastro carta avendo cura di coprire il contorno. A questo punto sagomate con precisione e vi renderete conto della facilità con cui potrete ottenere un risultato preciso e pulito.

Una volta ottenuti tutti gli elementi li ho applicati sulla base di feltro (incollandoli con la colla a caldo).

Ter concludere, ho deciso poi di incollare il tutto su un foglio spesso di gomma crepla (anch’esso sagomato) per garantire un po’ di rigidità al risultato finale.

Ora non mi resta che aspettare che il piccolo droide faccia la sua comparsa su questo pianeta, voi nel frattempo godetevi la carrellata di immagini della gallery e lasciatevi ispirare.