Come allontanare i piccioni dal balcone definitivamente   

Come allontanare i piccioni dal balcone definitivamente   

I fastidiosi volatili insidiano i vostri balconi e i vostri terrazzi? Scopriamo quali sono i migliori rimedi naturali e chimici per allontanarli una volta per tutte.

-
31/10/2021

Un problema annoso, specie nelle grandi città, i piccioni che infestano con la loro presenza e i loro escrementi balconi e terrazzi. Inizialmente si ricorre a una profonda detersione degli spazi esterni con l’ammoniaca sperando che l’odore di pulito renda spiacevole l’ambiente, poi inevitabilmente si cerca un rimedio più “serio” e duraturo. Esistono dissuasori naturali e rimedi chimici che a volte possono risultare pericolosi anche per l’uomo e per gli animali domestici.

Ricordiamoci che i piccioni sono in cerca di cibo e di un rifugio per la notte, quindi prima di tutto eliminiamo avanzi di cibo sul balcone (soprattutto briciole) e rendiamo inaccessibili davanzali e cornicioni con aghi metallici in acciaio inox. Se in casa vi sono bambini piccoli valutate attentamente questa soluzione, perché i bambini curiosi potrebbero farsi male. Negli altri casi invece andrà benissimo questo primo intervento con una spesa minima. Vediamo quindi una carrellata di rimedi per allontanare definitivamente gli antipatici volatili dai balconi e dai terrazzi.

I rimedi naturali più efficaci

Per combattere la presenza dei piccioni su balconi, davanzali e terrazzi iniziamo dai rimedi naturali che sono innocui per i volatili e per l’uomo. Possono essere abbinati due o più rimedi insieme per rendere più efficace l’intervento.


Leggi anche: Piccioni, come allontanarli con metodi naturali

Vecchi cd

I vecchi cd che non usiamo più potranno avere una seconda vita come dissuasori per i piccioni grazie al loro potere riflettente. Basterà legarli con un filo in alcuni punti strategici del balcone. Il movimento oscillante insieme al riflesso spaventeranno i fastidiosi volatili.

Carta Argentata

Una soluzione facile ed economica presente in ogni abitazione. Tagliate delle strisce non troppo sottili e applicatele qui e là lungo la ringhiera del balcone e in prossimità degli stendini per panni.

Girandole colorate

Le mamme conoscono bene questo rimedio. Le girandole colorate e riflettenti potranno essere legate ai ferri del balcone o in alternativa piantate nei vasi e collocate in punti strategici di terrazze e balconi.

Sacchetto di spezie

Pepe, peperoncino e cannella: un mix dal profumo sgradevole per molti volatili che si allontaneranno velocemente dal nostro balcone. Collocate le spezie in sacchetti di cotone chiusi con un nastro e disponeteli nei pressi degli stendini del bucato o alle ringhiere. Unica pecca la pioggia: specie in autunno dovrete cambiare i sacchetti dopo ogni acquazzone. Quindi il rimedio è consigliato nella bella stagione, meno nella stagione fredda.

Piatti di alluminio

Facilmente reperibili in tutti i supermercati, andranno bucati e legati con un filo vicini tra loro in modo da creare rumore nelle giornate di vento. La soluzione potrà risultare meno efficace nelle giornate poco o per nulla ventilate. Da provare nei luoghi di mare di solito ventosi tutto l’anno.


Potrebbe interessarti: Balcone: come sfruttarlo in inverno

Spaventapasseri fai da te

Se siete particolarmente creativi o avete bambini in età scolare potrete progettare e realizzare con materiale di recupero/riciclo uno spaventapasseri per i piccioni usando elementi riflettenti come capelli e mani in carta argentata e occhi gialli brillanti (simili a quelli del gufo).

Palloncini scuri

Altro rimedio economico i palloncini scuri a cui però vanno applicati occhi gialli e brillanti per simulare la presenza di gufi sul balcone (di cui pare i piccioni abbiano terrore).

Spine di asparagi

Un rimedio adatto ai coraggiosi che hanno la campagna vicina. Ci riferiamo ai cespugli di asparagi selvatici in cui ci imbattiamo facendo passeggiate campestri specie in primavera. Andranno raccolti dei rametti con appositi guanti da giardiniere e legati con lo spago sulla ringhiera del balcone. Da evitare se in casa vi sono bambini piccoli.

Naftalina o canfora

Entrambe le sostanze se messe in sacchetti e sparse sul balcone hanno effetto repellente ma limitato nel tempo. In caso di pioggia i sacchetti andranno cambiati.

Oli essenziali

Come le spezie, anche gli oli essenziali non piacciono a piccioni e altri volatili simili specie la menta piperita e l’eucaliptolo. Possiamo collocare gli oli puri dentro ciotoline sul balcone oppure acquistare appositi preparati in cubi di gel. Fate attenzione a bambini e animali domestici.

Gli ultrasuoni come rimedio definitivo?

Un rimedio un po’ costoso ma estremamente efficace e cruelty free: definito così dagli esperti, almeno fino a qualche tempo fa. Impercettibili all’orecchio umano gli apparecchi ad ultrasuoni fanno uso di onde sonore ad alta frequenza, in genere superiori 20.000 Hz, che riproducono un rumore simile ad un lungo fischio.

Di solito l’orecchio umano percepisce rumori e suoni tra i 16,000 e i 20,000 Hz, alcuni bambini però con un udito sensibile possono arrivare a 24,000 Hz. Per non parlare dei nostri amici a 4 zampe come cani e gatti con un udito quattro volte superiore al nostro. Quindi prima di applicare i dissuasori ad ultrasuoni è bene valutare la situazione in casa: non sempre sono la soluzione giusta per i danni che arrecano a minori e animali domestici con l’andare del tempo.

Nelle grandi città, soggette già a inquinamento acustico, spesso si è notato che questi dissuasori sono inefficaci. Rinunciare dunque? In commercio vi sono anche i dissuasori sonici, dotati di una frequenza più bassa ma più tediante, o gli stimoli visivi che pare siano più efficaci e sicuri sia per l’uomo che per i nostri amici animali (alcuni sistemi vanno anche ad energia solare).

E gli spray chimici?

Spray repellenti per piccioni e altri volatili si possono facilmente acquistare in ferramenta, negozi specializzati oppure online ma attenti, non si tratta di veleni in quanto uccidere i piccioni è un reato passibile di denuncia e multa. Alcuni di questi spray contengono feromoni e allontanano le bestiole costrette a trovare un nuovo habitat.

Meglio evitare questi spray in presenza di bambini e animali domestici a meno che il produttore non scriva in maniera specifica che il prodotto non è tossico e può essere spruzzato senza problemi nelle zone esterne della casa.

Il mito del riso killer

Capita spesso di sentire le nonne che raccontano di piccioni debellati con del semplice riso (alimento che li farebbe “esplodere” secondo la leggenda popolare). Un fondo di verità c’è. I volatili che ingoiano grandi quantità di riso finiscono per stare molto male per via di un’occlusione intestinale.

Inutile dire che questa pratica assurda è decisamente incivile e impraticabile perché dolorosa per le bestiole ma soprattutto controproducente per noi e per la serenità dei nostri balconi. Quindi no assoluto al riso negli spazi esterni.

Rosa Marino
  • Scrittore e Blogger