Alla ricerca di un casale

Chi non vorrebbe un casale per rimettersi in gioco.

Casale
Casale.

Le metafore che accompagnano solitamente l’arrivo di novità, assomigliano molto a certe body-copy, un po’ scontate e stantie, che descrivono le grandi pulizie di primavera.

Nuovo periodo, aria nuova, pulizia e freschezza. Come se bastasse passare un panno intriso di detergente, su un palcoscenico logoro e malamente invecchiato. Puoi passarci sopra quello che vuoi, ma il risultato sarà una pulizia invisibile, opaca, brutta.

Così ci accingiamo ad attraversare questo periodo, armate di spazzolone in una mano e detergente multiuso nell’altra, poco reattive ad intervenire sulle macchie che si allargheranno nelle nostre giornate. Alcune sono già lì che ci aspettano, le vediamo insinuarsi tra le fibre del tessuto e seccarsi lentamente: sarà un’impresa toglierle.

Fluttuando tra pensieri statici, ci sorprende un’idea che ha fatto prepotentemente breccia tra le nostre fibre mentali infeltrite e macchiate.

Tutto nasce dal nostro amore, mai nascosto, per vecchi casali, vecchi rustici, con grandi giardini o terreni non troppo impegnativi.

Abbiamo sempre visualizzato una situazione che ci vede gestire un’attività legata alle tradizioni, da svolgere proprio all’interno di un edificio storico recuperato e riportato alla sua bellezza originaria. Cosicché tutti ne possano godere.

Perciò, ecco avvistati un paio di edifici che farebbero davvero al caso nostro. Perfetti per dimensioni, localizzazione, spazi accessori e prezzo. Tutto da progettare, ma tendenzialmente ottimali e in linea con l’idea di base.

Pensiamo già ad un sopralluogo anche solo per respirare l’atmosfera di ognuna delle case.

Lasceremo che ci parlino e che trasmettano sensazioni. Proveremo ad ambientarci in quei locali antichi e ancora intrisi di tante vite, per capire se davvero dall’idea valga la pena passare allo step successivo, ovvero alla progettazione e alla stesura di un business plan. Poi, magari, alla ricerca di qualche matta, che abbia voglia di rimettersi in gioco.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *