Gli integratori alimentari: cosa sono, quando e perchè assumerli

Li sentiamo nominare sempre più frequentemente, ma non sempre ne conosciamo funzioni e corretto utilizzo

integratori

Si definiscono “integratori alimentari” prodotti che completano la normale alimentazione, arricchendola con uno o più nutrienti, funzionali al benessere dell’organismo. Si presentano in forma di: capsule, compresse, gocce, polveri, sciroppi, in ogni caso da assumersi oralmente.
Gli integratori alimentari non vanno confusi con i farmaci: non hanno finalità terapeutiche, ovvero non curano patologie, ma prevengono la comparsa di patologie favorendo il benessere dell’organismo.
In base alle direttive ministeriali, (Ministero della Salute: Linee Guida su integratori alimentari, alimenti arricchiti e funzionali) gli integratori alimentari si dividono, a seconda dei componenti, nelle seguenti tipologie:

  • integratori vitaminici: le vitamine sono sostanze per lo più non sintetizzate dal nostro organismo: devono essere per tanto introdotte con l’alimentazione e l’integrazione. Le vitamine giocano un ruolo essenziale per l’organismo, poiché ne governano i processi del metabolismo.
  • integratori minerali: i minerali partecipano a numerosi processi organici. Come le vitamine, non vengono prodotti dal nostro organismo, ma devono essere assunti attraverso il cibo e l’integrazione. Si dividono in macrominerali, quali: calcio, fosforo, cloro, zolfo, magnesio, sodio, potassio, la cui dose quotidiana può arrivare a a 100 mg al giorno, e microelementi o oligoelementi, quali: ferro, cromo, fluoro, manganese, iodio, molibdeno, selenio, rame, zinco, da assumersi in dosi quotidiane decisamente inferiori.
  • integratori a base di piante officinali o derivati: si tratta di integratori a base di principi vegetali, senza alcuna finalità terapeutica, ma solo salutistica, che contribuiscano al benessere dell’organismo e ne favoriscono le funzioni.
  • integratori di aminoacidi: questi ultimi rappresentano le strutture costitutive delle proteine e intervengono in processi organici importanti. Gli aminoacidi si distinguono in essenziali, che l’organismo non sintetizza, quali: valina, fenilalanina, treonina, isoleucina, triptofano, metionina, leucina, lisina, e non essenziali, sintetizzati dall’organismo, quali: arginina, alanina, asparagina, cisterna, acido aspartico, glutammina, acido glutammico, istidina, glicina, prolina, tiroxina, serina.
  • integratori a base di derivati di aminoacidi: carnitina, creatina, glutatatione, taurina, carnosina.
  • integratori proteici e/o energetici: le proteine sono le strutture delle nostre cellule e sono fondamentali nel metabolismo. Gli integratori energetici sono a base di zuccheri, che rappresentano la principale fonte di energia.
  • integratori di acidi grassi: gli acidi grassi si dividono in acidi grassi saturi e in acidi grassi insaturi. Gli acidi grassi insaturi hanno un ruolo molto importante nel metabolismo e per il benessere cardiovascolare. Gli acidi grassi non sono prodotti dall’organismo e possono essere distinti in: Omega 3, quali acido alfalinolenico e  derivati, e Omega 6, quali acido linoleico e acido gammalinolenico.
  • integratori di probiotici: i probiotici favoriscono il benessere della flora intestinale, normalizzando le funzioni intestinali,. I proboitici conbtrastano l’insorgere di infezioni, e favorendo l’assorbimento delle sostanze.
  • integratori di fibra: sono sostanze con importanti funzioni metaboliche, migliorano la regolarità intestinale e riducono l’assorbimento calorico.
  • integratori di altri fattori nutrizionali: sono integratori arricchiti di fattori nutrizionali che non rappresentano nutrienti essenziali, ma partecipano ai processi metabolici.
integratori vitamine
integratori di vitamine

Quando si sceglie un integratore alimentare è importante considerare alcuni elementi, indici integrità e qualità del prodotto.
Etichetta
I prodotti devono riportare un’etichetta con indicazione degli ingredienti contenuti. Si consiglia di scegliere integratori per i quali le materie prime vengono selezionate con tecniche di controllo e di analisi rigorose.

Principio attivo
È importante conoscere la percentuale di principio attivo contenuto nel prodotto, verificando che il quantitativo assunto giornalmente soddisfi la RDA, dose quotidiana raccomandata.

Confezione
La chiusura della confezione deve essere ermetica e il barattolo non deve essere trasparente, in questo modo si garantisce protezione del prodotto da eventuali danni che la luce, il calore o l’umidità potrebbero provocare. Allo stesso modo, una volta aperta la confezione, va conservata in ambiente asciutto e a temperature moderate, lontano da fonti di luce e calore.

E infine, è importante ricordare che, perché gli integratori abbiano effetti benefici sull’organismo vanno assunti in maniera regolare e costante ( tutti i giorni, preferibilmente allo stesso orario) per periodi (cicli) di qualche mese. La durata dei cicli di assunzione dipende dal prodotto e dalle esigenze personali.

Desideri un consiglio sui prodotti più adatti alle tue esigenze?

Effettua gratuitamente il Questionario Antiaging Online.


Vedi altri articoli su: Salute |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *