Pelle sensibile come curarla

Soprattutto in questo periodo con i primi freddi è importante idratare la nostra pelle con cura. Ecco gli step necessari per la skincare quotidiana.

La nostra pelle è il più inflessibile dei critici. Se non le diamo le giuste attenzione e non ce ne prendiamo cura in maniera adeguata, prima o poi ci presenta il conto. Una pelle sensibile e delicata richiede attenzioni costanti e l’utilizzo dei prodotti giusti, la predisposizione alle reazioni allergiche e la suscettibilità prodotti troppo aggressivi, sbalzi del clima e una scarsa cura della pelle. Con qualche piccolo accorgimento in più e con la giusta skincare routine, la pelle del nostro viso ci ringrazierà!

Come riconoscere una pelle sensibile?

Una pelle sensibile manifesta una forte reattività ad ogni tipo di agente esterno e comunica il proprio disagio in maniera molto soggettiva. In genere si manifestano rossori, irritazioni, sfoghi cutanei, secchezza e pizzicori. Tutti questi segnali stanno ad indicare un’alterazione della barriera idrolipidica superficiale che protegge la pelle dalle invasioni batteriche e dagli agenti irritanti più frequenti. I raggi UV, l’inquinamento e non ultimo, il make up.

Anche se non sembra, le pelli più sensibili sono soprattutto quelle acneiche. Questo perché la sovrapproduzione di sebo e i farmaci spesso utilizzati per contrastarla, sono responsabili in prima linea dell’alterazione della barriera idrolipidica. In genere le pelli miste sono visibilmente più sensibili nella zona intorno a naso, fronte, guance e zigomi.


Ripartire dalla detersione

Come abbiamo detto, una pelle sensibile richiede maggiore cura. E il primo step è sicuramente quello della detersione che deve essere meticolosa. Per poter mantenere la cute sempre pulita, libera dalle impurità e persino dallo smog che può depositarsi sul viso durante la giornata. È fondamentale dunque, scegliere un prodotto delicato e lenitivo senza agenti schiumogeni aggressivi. Meglio orientarsi sulla scelta di prodotti in crema, in gel o in emulsione. Ne esistono in commercio diversi tipi, da risciacquare con acqua tiepida o anche senza necessità di risciacquo. Perfetti anche il latte detergente e l’acqua micellare per eliminare gli ultimi residui di trucco.

Vietati invece, i prodotti esfolianti come scrub e gommage che potrebbero peggiorare la situazione di secchezza. Così come la saponetta, decisamente troppo aggressiva qualunque tipo di pelle. L’importante è che il prodotto in questione sia abbastanza delicato da detergere la pelle in modo da riparare la funzione della barriera idrolipidica. Limitando così le irritazioni e soprattutto, la sgradevole sensazione di “pelle che tira”.

Fondamentale anche l’idratazione

Una volta asciugato il viso con un panno morbido (senza mai sfregare!), possiamo dedicarci all’idratazione almeno due volte al giorno: la mattina al risveglio e la sera prima di andare a dormire. L’ideale è affidarsi a creme idratanti specifiche per lenire e le sensazioni di fastidio legate all’ipersensibilità della pelle. La formulazione ideale è ricca ma allo stesso tempo non deve risultare troppo grassa o pesante sulla pelle del viso. Inoltre, è stato dimostrato che uno dei principali allergeni per le pelli sensibili sono le profumazioni, meglio scegliere una formulazione che ne sia priva.

Una pelle sensibile va protetta in particolar modo dalle aggressioni dei raggi UV, per questo è fondamentale scegliere una crema idratante che abbia un fattore di protezione non inferiore a SPF 20 in inverno e SPF 50 in estate. Nei passaggi della nostra skincare non bisogna assolutamente trascurare la zona del contorno occhi, facilmente soggetta a secchezza. Utilizzare prodotti specifici può essere utile per contrastare i segni di affaticamento che si notano proprio dal nostro sguardo.

Make up: come truccarsi se si soffre di pelle sensibile

Usare mille prodotti di make up per coprire le imperfezioni dovute ad una pelle sensibile, è inutile e controproducente: si rischierebbe di ottenere l’effetto contrario accentuando i problemi, evidenziando le screpolature e le piccole pellicine. Meglio quindi utilizzare pochi prodotti ma efficaci, riducendo al minimo la nostra make up routine e scegliendo prodotti con formulazioni delicate e adatte alle pelli sensibili. Negli ultimi anni, la tendenza delle case cosmetiche è quella di unire il make up con la skincare, creando formulazioni correttive e idratanti allo stesso tempo.

In questo caso sono perfette le CC cream che rendono l’incarnato uniforme minimizzando i pori e allo stesso tempo si prendono cura della nostra pelle idratandola. Occhi anche all’inci del prodotto, i fondotinta o le creme colorate a base di petrolati, parabeni e siliconi possono nuocere alle pelli sensibili, ostruendo i pori e favorendo l’accumulo del sebo. Per quanto riguarda i rossori, può venirci in aiuto un correttore verde da stendere come base per il correttore normale, proprio come questo di La Roche Posay, facilmente reperibile in tutte le farmacie.

Le migliori maschere per pelli sensibili

Negli ultimi anni, le maschere coreane in tessuto si sono imposte come trend principale anche in Occidente. Ne esistono migliaia in commercio, ognuna con ingredienti ed azioni diverse. Nel caso delle pelli sensibile la scelta dovrà ricadere necessariamente su una formulazione specifica, favorendo principalmente quelle ad azione idratanti, lenitive e nutrienti per riequilibrare il film idrolipidico della pelle.

Le più interessanti sono senza dubbio le formule a base di acido ialuronico o bava di lumaca. Non è necessario utilizzarne una ogni sera, basterà concedersi questa “coccola” almeno due o tre volte a settimana, a seconda delle necessità. Se invece preferite le maschere in barattolo, sarà una gioia sapere che quelle all’argilla bianca, un must have ormai da anni, si adattano perfettamente anche ai bisogni delle pelli più sensibili.

Ti potrebbe interessare anche

Carbossiterapia: benefici, risultati, costo e controindicazioni
Skincare

Carbossiterapia: benefici, risultati, costo e controindicazioni

Skincare

Tutto quello che dovete sapere sul retinolo e sugli effetti sulla pelle

Skincare

5 consigli su come affrontare il tempo che passa

Radiofrequenza, ringiovanire senza bisturi si può
Skincare

Radiofrequenza, ringiovanire senza bisturi si può

Biorivitalizzazione, che cos'è e come si pratica presso i centri Dr Lips
Skincare

Biorivitalizzazione, che cos’è e come si pratica presso i centri Dr.Lips

Stop alle gambe pesanti con questi prodotti anti gravità
Skincare

Stop alle gambe pesanti con questi consigli e prodotti anti gravità

Beauty tips salva ambiente: le abitudini che fanno bene alla pelle e al pianeta
Skincare

Beauty tips salva ambiente: le abitudini che fanno bene alla pelle e al pianeta

Come evitare un'insolazione in estate
Skincare

Come evitare un’insolazione in estate

Come evitare un'insolazione in estate
Skincare

Come evitare un’insolazione in estate

Si sa, l’abbronzatura ci fa belle, ma come esporsi al sole nel modo giusto per evitare un’insolazione in estate? Seguite i nostri consigli!

Leggi di più