Macchie solari: rimedi naturali

Un'esposizione eccessiva al sole, senza protezione, può provocare la comparsa di macchie solari. Scopriamo come eliminarle con i rimedi naturali e quali sono le precauzioni per evitarne la comparsa, soprattutto in gravidanza

macchie solari

D’estate il sole ci può regalare, oltre che una bella abbronzatura, anche le macchie solari, davvero un pessimo ricordo da portarsi a casa di ritorno dalle vacanze estive. Le macchie solari infatti sono provocate da una dermatite dovuta ad un’esposizione troppo intensa ai raggi solari, senza usare la giusta protezione. Solitamente si tratta solamente di zone pruriginose e arrossate, che scompaiono con il tempo, altre volte invece possono comparire delle macchie di colore bruno, persistenti e antiestetiche sia sul corpo che sul viso.

Viso

Quando si parla di sole nessuno è al sicuro dalle macchie solari. Queste infatti possono colpire non solo gli adulti, ma anche i bambini e compaiono in qualsiasi parte del corpo, in particolare nelle zone più esposte ai raggi del sole, come le braccia, la schiena, le spalle, ma soprattutto il viso, una delle parti più sensibili del nostro corpo. Solitamente compaiono quando l’esposizione al sole provoca una dermatite, ossia un’infiammazione della cute, molto intensa e violenta. In questo caso la conseguenza è la formazione di macchie di colore bruno, con dimensioni variabili, che vanno da quelle simili a nei e lentiggini a quelle così grandi da risultare antiestetiche.

Sole

La causa principale delle macchie solari è come sempre il sole, ma anche creme, farmaci e profumi che interagiscono con i raggi solari irritando la pelle. Quando ti esponi dunque scegli sempre le creme adatte ed evita di metterti al sole mentre stai assumendo antibiotici, sedativi, antinfiammatori, antistaminici e diuretici. Attenzione anche alle cure ormonali, che possono stimolare eccessivamente i melanociti e provocare una sovraproduzione di melatonina. In presenza di questi fattori di rischio proteggi la tua pelle con attenzione maggiore e soprattutto evita l’esposizione durante le ore più calde.

I rimedi

Agisci preventivamente, tieni sempre d’occhio la tua pelle e se compaiono le macchie opera con prontezza per eliminarle. Prima di tutto evita per qualche giorno di esporti ai raggi del sole e usa creme schiarenti con glabridrina, acido cogico, idrochinone e ascorbile, tutti derivati della vitamina C. Puoi anche ricorrere a dei peeling superficiali, soprattutto quelli a base di acido glicolico, un potente esfoliante che penetra nell’epidermide e favorisce il ricambio cellulare. Solitamente bastano cinque sedute di trattamento per ottenere buoni risultati. In alternativa puoi scegliere i rimedi naturali, che sono efficaci ed economici. Uno fra i migliori è il gel d’Aloe Vera che, applicato sulle zone colpite dalle macchie, ne favorisce la scomparsa in poche settimane. Ottimo anche l’olio di rosa Mosqueta, che aiuta a riassorbire i segni sul viso, a schiarirli e a riassorbirli, prevenendo al tempo stesso l’invecchiamento precoce causato dai raggi solari. Se invece hai bisogno di un rimedio last minute, da preparare con quello che hai in casa, usa il succo di limone. Applicato tutte le sere sulla pelle infatti aiuta ad attenuare le macchie solari. Puoi anche usare l’acqua ossigenata, da passare sulla zona interessata con un batuffolo, oppure il bicarbonato di sodio, da mescolare con un po’ d’acqua per creare un impacco efficace.

In gravidanza

Durante la gravidanza la pelle è particolarmente delicata e deve essere protetta con maggiore attenzione per evitare la formazione del cloasma gravidico. Nelle donne incinta infatti la produzione di melanociti aumenta a causa dei cambiamenti ormonali, per questo a partire dal quarto mese possono comparire delle macchie scure sul viso che con il tempo scompaiono. Al contrario, se ti esponi ai raggi solari senza la giusta protezione, la produzione di melatonina aumenta e potrebbe causare la comparsa di molte macchie solari.


Vedi altri articoli su: Skincare |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *