Risotto allo zafferano e salsiccia

Una ricetta facile e gustosa, appartenente alla tradizione lombarda e piemontese: il risotto allo zafferano e salsiccia.

Risotto allo zafferano e salsiccia
Risotto allo zafferano e salsiccia.

Il risotto allo zafferano con salsiccia è una ricetta facile, gustosa, nutriente e tradizionalmente viene preparato per la festa della Giubiana, una ricorrenza molto sentita in Piemonte e Lombardia.

Il quarto giovedì del mese di gennaio si festeggia la festa della Giubiana o festa della Gioba: si celebra generalmente dando fuoco a un fantoccio rappresentante appunto il personaggio della Giubiana. Si tratta secondo la leggenda di una strega che divorava bambini, ma che viene alla fine sconfitta: la storia però comprende svariate versioni, spesso abbastanza diverse da località a località. Ai festeggiamenti della Giubiana sono collegati anche alcuni piatti tipici, tra i quali appunto il risotto allo zafferano con salsiccia.

Le origini del risotto alla milanese risalgono al Medioevo e sono collegate a un’analoga ricetta della cucina araba e della cucina ebraica. Nel Medioevo, in Italia, questa pietanza era conosciuta come riso col zafran.

Il risotto alla milanese nacque nel 1574 alla tavola del vetraio belga Valerio di Fiandra, che all’epoca risiedeva a Milano poiché stava lavorando alle vetrate del Duomo di Milano. Per il matrimonio di sua figlia i suoi colleghi vetrai fecero aggiungere a un risotto bianco al burro dello zafferano: questa spezia era infatti utilizzata dai vetrai per ottenere una particolare colorazione gialla dei vetri. Il nuovo piatto ebbe subito successo, sia per il suo sapore che per la sua tonalità gialla, che ricordava l’oro, sinonimo di ricchezza.

Lo zafferano ha anche riconosciute proprietà farmacologiche e quindi il risotto giallo si diffuse presto nelle osterie e nelle taverne milanesi. Il risotto scomparì subito dalle cronache per ricomparire sui documenti nel 1809, quando viene definito “riso giallo in padella”. In seguito, nel 1829, su un altro libro di ricette, la celebre pietanza meneghina viene definita “risotto alla milanese giallo“, prendendo la denominazione con cui è universalmente conosciuta ancora oggi.

La preparazione è davvero semplice, basta tenere a mente tutte le regole fondamentali per fare un buon risotto.

Per quanto riguarda gli ingredienti: la salsiccia perfetta per questa ricetta è la Luganega, ma in mancanza potete utilizzare anche della normale salsiccia.

Per un tocco in più, è consigliabile aggiungere 1-2 noci di burro durante la mantecatura.

  • Resa: 4 Persone servite
  • Preparazione: 10 minuti
  • Cottura: 20 minuti

Ingredienti

  • 300 grammi riso carnaroli
  • 250 grammi salsiccia
  • 1 cipolla
  • 1 bicchiere vino bianco secco
  • 1 bustina zafferano
  • brodo di carne fatto in casa
  • 70 grammi burro
  • olio extra vergine d’oliva
  • sale

Preparazione

  1. Tagliare la cipolla a fettine sottili.
  2. Prendere una padella e metterla sul fuoco, aggiungere un filo d’olio e far rosolare la cipolla per 2 minuti.
  3. Quando sarà imbiondita, far tostare il riso e sfumarlo con un bicchiere di vino bianco.
  4. A questo punto mettere la bustina di zafferano e mescolare.
  5. A poco a poco, aggiungere il brodo di carne continuando a mescolare con un cucchiaio di legno per evitare che il riso si attacchi alla pentola.
  6. Dopo 15-18 minuti, togliere dal fuoco e mantecare aggiungendo il burro e il parmigiano grattugiato. 
  7. Mentre si cuoce il risotto, mettere un’altra padella sul fuoco con olio e far rosolare la salsiccia aggiungendo sale e pepe a piacere.
  8. Lasciare cuocere finché la salsiccia non sarà cotta anche all’interno. Per farlo controllare tagliandone a metà un pezzo e controllando che il colore non sia più tendente al rosso.
  9. A cotture ultimate, unire il riso giallo alla salsiccia e servire il piatto caldo con un buon bicchiere di vino rosso in accompagnamento.


Vedi altri articoli su: Cosa Cucino Stasera | Ricette Piatti Unici | Ricette Primi Piatti |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *