Risotto al Barbera e Castelmagno

Il risotto al Barbera mantecato al Castelmagno, un primo piatto tipico piemontese, perfetto nella stagione autunnale e invernale, da provare!

Sommario

Risotto dai sapori piemontesi, con vino Barbera e mantecato con formaggio Castelmagno. Gustoso, profumato e molto invitante!

Tempo di preparazione:
10 minuti
Tempo di cottura:
20 minuti
Quantità:
4 persone

Ingredienti Ricetta

  • Riso arborio 320 g
  • Vino Barbera 2 bicchieri (200 ml circa)
  • Brodo vegetale q.b.
  • Cipolla bianca 1
  • Castelmagno 70 g
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Olio evo 2 cucchiai
  • Burro 50 g

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 1 porzione
  • Calorie 533 kcal
  • Grassi 22,5 g
  • Carboidrati 66 g
  • Zuccheri 1 g
  • Fibre 0,5 g
  • Proteine 10,5 g

Il risotto al Barbera e Castelmagno è un delicato primo piatto piemontese, perfetto per essere gustato nella stagione autunnale e invernale, quando fuori fa freddo e la nebbia fa da cornice al paesaggio collinare di Langhe e Monferrato.

Il vino Barbera è di un colore rosso rubino intenso, ricavato dall’omonimo vitigno, il più diffuso nel territorio del Piemonte, soprattutto nelle zone di Alessandria, Asti e Alba. Un tempo era considerato un vino popolare, tipico da tavola, mentre ai giorni nostri è diventato un vino più elegante e raffinato, soprattutto nella versione Superiore.

Il Barbera Superiore è un vino che deve subire un invecchiamento minimo di 14 mesi, 6 dei quali in botti di legno. Se il Barbera classico risulta più leggero e fruttato, il Barbera Superiore risulta più corposo, con una gradazione di almeno 12,5% .

Bicchiere di vino rosso

Il vino Barbera viene usato molto nella cucina piemontese: dai più tipici arrosti e stufati, agli agnolotti, ad abbinamenti con i formaggi, come tome piemontesi, il formaggio Raschera o il Castelmagno.

Un altro piatto preparato spesso con questo vino rosso è il risotto. Il risotto al Barbera si sposa bene con la salsiccia, tanto da essere sovente servito anche nei ristoranti del territorio, ma per una ricetta più semplice, può essere semplicemente mantecato con Castelmagno grattugiato.

Con lo stesso formaggio, tra l’altro, si preparano gli altrettanto tipici gnocchi al Castelmagno, soprattutto nelle zone del cuneese dell’alta Val Grana.

Preparazione

Per preparare il risotto al Barbera e Castelmagno, iniziate a preparare il brodo vegetale con sedano, carota, cipolla, sale e pepe. Dovrà essere bollente e pronto per cuocere il riso.


Leggi anche: Gnocchi al Castelmagno

  1. Tritate finemente la cipolla bianca, poi mettetela a rosolare in una casseruola con l’olio evo (o burro) e una foglia di alloro. Dopo quale minuto, aggiungete il riso arborio a tostare. A questo punto bagnate con il vino Barbera e lasciate sfumare.
  2. Iniziate la cottura del riso, bagnandolo di volta in volta con mestoli di brodo. Dovrete mescolare spesso e aggiungere brodo quando il risotto inizia ad asciugarsi. Ricordatevi di aggiustare di sale e pepe verso fine cottura.
  3. Quando il riso sarà al dente, spegnete il fuoco, aggiungete il burro e il Castelmagno grattugiato. Mescolate bene per mantecare il risotto, insieme ad un ultimo mestolo di brodo. In questo modo il risotto risulterà cremoso e all’onda.
  4. Servite subito il risotto, con un’ultima spolverata di Castelmagno a piacere.