Granita al limone versione siciliana

Granita al limone versione siciliana

Come preparare la granita al limone sia con la gelatiera sia senza gelatiera, in modo semplice e veloce.

Credete che dall’unione di acqua, zucchero e succo di limone non possa nascere nulla di eccezionale? Non avete ancora assaggiato la granita siciliana, allora! Dolce al cucchiaio, una via di mezzo tra la cremosità del gelato e la granulosità del sorbetto.

La storia della granita

Le origini della granita risalgono alla dominazione araba in Sicilia, gli Arabi portarono quella che era la ricetta dello sherbet o sharbat: bevanda ghiacciata tipica del Medio Oriente aromatizzata con succhi di frutta e petali di fiori. Lo sherbet di solito, aveva come ingredienti principali: le rose, il legno di sandalo, il limone, l’arancia o l’ananas.

Vediamo insieme l’evoluzione della granita siciliana e la ricetta: una specialità senza tempo conosciuta in tutto il mondo.

In Sicilia, nel Medioevo si diffonde una professione molto curiosa, quella dei “nivaroli”, uomini che d’inverno andavano a raccogliere la neve sull’Etna, sui Monti Peloritani e sui Monti Iblei e tutto l’anno si occupavano di conservarla per utilizzarla nei mesi caldi.

La neve veniva conservata in buche rifinite con mattoni o pietre, chiamate niviere, per essere poi utilizzata d’estate, per preparare il gelato da gustare per rinfrescarsi. Le niviere possono essere definite i precursori dei congelatori di oggi. Inoltre, alcune famiglie nobili possedevano delle case con degli anfratti naturali per riparare la neve dal caldo ed evitare che si sciogliesse.

In estate la neve veniva prelevata, compattata e solidificata, veniva poi grattata, posta in un bicchiere e ricoperta di sciroppo di frutta e fiori. Oggi questa preparazione è molto usata a Roma e prende il nome di grattachecca romana.

Durante il XVI secolo si apportò una modifica alla conservazione della neve. Si scoprì, infatti, che il sale era in grado di abbassare il punto di congelamento. Nacque così l’idea di un pozzetto, costituito da un tino in legno (mastello) che contenesse al suo interno un secchiello di zinco (pozzetto) con una manovella che gli permetteva di girare. Nell’intercapedine tra tino e secchiello veniva messo il sale misto alla neve, così da avere una maggiore refrigerazione. All’interno del secchiello in zinco si inserivano gli ingredienti: acqua, zucchero o miele, succo di limone o caffè e tramite il movimento rotatorio si aveva la formazione della granita. Questo metodo permetteva di ottenere  una consistenza più cremosa.

Nel XX secolo, il pozzetto naturale venne, infine, sostituito dalla gelatiera. La granita oggi, la troviamo in moltissimi gusti: limone, mandorla, gelsi neri, pistacchio, cioccolato o caffè. Può essere servita con aggiunta di panna e deve essere rigorosamente mangiata accompagnata da una morbida brioches calda.
 Sia la granita di gelsi neri che quella alle mandorle, fanno parte dell’elenco stilato dalla Regione Sicilia dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani.

E dopo un po’ di storia, ecco la ricetta facile e veloce per preparare la vera granita al limone siciliana, da preparare sia con la gelatiera sia senza gelatiera!

  • Resa: 4 Persone servite
  • Preparazione: 10 minuti
  • Cottura: 2 minuti

Ingredienti

  • 500 ml acqua
  • 250 ml succo di limone bio
  • 210 grammi zucchero

Preparazione

  1. Spremere i limoni e ricavarne il succo. Utilizzare il succo di limone appena spremuto e non quello pronto del supermercato!
  2. A parte, mettere in un pentolino l’acqua e lo zucchero e scaldare il tutto a fuoco dolce, mescolando. Non dovrà arrivare al bollore. Appena lo zucchero è sciolto e l’acqua è tornata limpida, spegnere il fuoco.
  3. Aggiungere il succo di limone all’acqua e zucchero e trasferire il tutto, filtrando con un colino, in una scodella di vetro o un recipiente ampio dove si formerà la vostra granita di limone. 
  4. Mettere la scodella in freezer per 30 minuti.
  5. Trascorsi i 30 minuti in freezer, (se la di vuole usare) azionare la vostra gelatiera per qualche minuto e poi versare il liquido freddo all’interno. Fare lavorare la gelatiera per circa 35-40 minuti, fino a ottenere una granita compatta e cremosa.
  6. Dopo il passaggio in freezer di 30 minuti, se non si usa la gelatiera, rompere il ghiaccio in superficie con una frusta a mano e riporre in freezer per altri 30 minuti.
  7. Rompere nuovamente i cristalli di ghiaccio mescolando con la frusta a mano.
  8. Continuare così per 5-6 volte, ogni 30 minuti, fino a ottenere un composto bianco e cremoso.
  9. La granita al limone fatta in casa è perfetta da mangiare subito, dopo tutti i passaggi in freezer.

Altre ricette per te


Ti potrebbe interessare anche

Muffin al limone
Dolci al Limone

Muffin al limone

Brownies al limone e cioccolato bianco
Dolci al Limone

Brownies al limone e cioccolato bianco

Crema pasticcera al limone
Dolci al Limone

Crema pasticcera al limone

Brownies al limone
Dolci al Limone

Brownies al limone

Gelo al limone
Dolci al Limone

Gelo al limone

Crostata con crema di mandorle e limone
Dolci al Limone

Crostata con crema di mandorle e limone

Ciambella al limone
Dolci al Limone

Ciambella al limone

chiffon cake
Dolci al Limone

Chiffon Cake al limone

Ricetta uova alla Benedict con asparagi
Ricette con asparagi

Uova alla Benedict con asparagi

Uova alla Benedict con asparagi: una ricetta dedicata a tutti coloro che vogliono fare una colazione energetica. Scoprite la ricetta!

Leggi di più