Baci di dama: una dolcezza dalle origini piemontesi

Baci di dama: una dolcezza dalle origini piemontesi

Baci di dama: ecco la ricetta per ricreare a casa nostra i deliziosi dolcetti che nacquero a Tortona più di un secolo fa

-
25/10/2013

Sommario

Baci di dama: ecco la ricetta per ricreare a casa nostra i deliziosi dolcetti che nacquero a Tortona più di un secolo fa

Tempo di preparazione:
1 ora
Tempo di cottura:
15 minuti

Ingredienti Ricetta

  • Farina 00 150 grammi
  • Nocciole o mandorle 150 grammi
  • Burro 150 grammi
  • Zucchero 120 grammi
  • Cioccolato fondente 150 grammi
  • Estratto di vaniglia 1 pizzico

Secondo la leggenda i baci di dama nacquero in una sera del novembre 1852, quando il re Vittorio Emanuele II chiese al cuoco di corte di creare un dolce nuovo e questi, trovando solo mandorle, armelline, burro, cioccolata e zucchero, creò i deliziosi dolcetti che tutti conosciamo.

[dup_immagine align=”alignright” id=”56362″]In realtà pare che a inventare gli squisiti biscottini, composti da due metà unite da un sottile strato di cioccolato, che ricordano due labbra nell’atto di baciare, sia stata, più di un secolo fa, una pasticceria di Tortona, in provincia di Alessandria. E i baci di dama di Tortona, famosi in tutta Italia, sono perfino riconosciuti come  Prodotto Agroalimentare Tradizionale della regione Piemonte.

In ogni caso, in attesa di una visita nella bella cittadina piemontese, ecco la ricetta. Semplici da realizzare, con nocciole o mandorle, i baci di dama sono ottimi accompagnati da una cioccolata calda – con panna, ovviamente – o a un buon tè. E sono irresistibili anche da soli: non lasciateli incustoditi!

Preparazione

Iniziamo frullando le nocciole (o le mandorle, se preferiamo i baci di dama in questa variante). Uniamole in una terrina a farina, burro ammorbidito, zucchero ed estratto di vaniglia.

Lavoriamo gli ingredienti fino a ottenere un impasto omogeneo; facciamone una palla, avvolgiamola nella pellicola e lasciamola riposare in frigo per almeno un’ora.


Leggi anche: Come riciclare il cioccolato delle uova di Pasqua

Trascorsa l’ora, riprendiamo l’impasto e ricaviamone tante palline della dimensione di una ciliegia. Disponiamole su una placca rivestita con la carta forno, schiacciandole appena.

Cuociamo per 10-15 minuti a 160°. Quando le estrarremo, le nostre palline saranno ancora molli, ma niente paura! Lasciamole raffreddare.

Ora uniamole a due a due col cioccolato sciolto a bagnomaria; facciamo raffreddare e serviamo. Deliziosi.

  • Scrittore e Blogger